Marea Wave vs. Tsunami

Le onde di marea sono onde create dalle forze gravitazionali del sole o della luna e causano cambiamenti nel livello dei corpi idrici. Lo tsunami è anche una serie di onde d'acqua causate dallo spostamento di grandi corpi idrici, ma a causa di disturbi sismici.

Tabella di confronto

Grafico comparativo delle maree rispetto allo tsunami
Onda di marea Tsunami
DiLe onde di marea sono onde create dalle forze gravitazionali del sole o della luna e causano cambiamenti nel livello dei corpi idrici.Lo tsunami è una serie di onde d'acqua causate dallo spostamento di grandi specchi d'acqua. Generalmente hanno un'ampiezza bassa ma una lunghezza d'onda alta (alcune centinaia di chilometri). Gli tsunami in genere passano inosservati in mare ma prominenti in acque o terre poco profonde.
CausaLe onde di marea sono causate dalla forza gravitazionale esercitata dal sole e dalla luna.Gli tsunami sono generati dai terremoti, dall'eruzione di vulcani sottomarini o da eventuali bolle di gas che scoppiano nel mare o nell'oceano.
IntensitàL'intensità di una marea variabile è evidente solo in alcune parti in cui è abbastanza alta (fino a 55 piedi nella baia di Fundy, in Canada).Gli tsunami possono avere lunghezze d'onda fino a 200 chilometri e possono percorrere oltre 800 chilometri all'ora. Quando gli tsunami si avvicinano a fondali bassi vicino alle masse terrestri, la velocità diminuisce e l'ampiezza aumenta molto rapidamente.
PosizioneLe maree sono i fenomeni che si vedono maggiormente nelle zone costiere.La maggior parte degli tsunami (80%) si verifica nell'Oceano Pacifico, ma può verificarsi in qualsiasi grande specchio d'acqua se sono presenti le cause sottostanti.
FrequenzaLe onde di marea si verificano quotidianamente in una zona costiera.Gli tsunami si verificano solo quando si verificano disturbi sismici in grandi corpi idrici.

Di

Le maree sono onde oceaniche che si verificano periodicamente e dipendono dalla posizione relativa della Terra e della Luna. Questo è il motivo per cui l'arrivo della marea varia ogni giorno. L'altezza dell'onda di marea è determinata dalla forza gravitazionale esercitata dalla luna; quindi è più alto durante le fasi nuove e piene della luna e più basso durante le fasi quarto della luna. Le aree costiere subiscono quotidianamente due alte e due basse maree.

Gli tsunami erano erroneamente definiti onde di marea in passato, ma non sono collegati alla formazione delle maree e possono verificarsi in qualsiasi stato di marea. In giapponese, lo tsunami si traduce in "onda portuale" poiché questo fenomeno è visto più comunemente nelle aree costiere. Nei primi testi geografici, lo tsunami era anche indicato come onde sismiche del mare.

Gli tsunami hanno generalmente un'ampiezza bassa ma una lunghezza d'onda elevata, che può essere lunga alcune centinaia di chilometri. Gli tsunami in genere passano inosservati in mare ma prominenti in acque o terre poco profonde.

Causa

Le onde di marea sono causate sia dal sole che dalla luna, ma a causa della stretta distanza tra la terra e la luna, l'effetto che la luna ha sulle onde di marea è molto maggiore del sole.

Gli tsunami possono essere generati da terremoti, eruzioni di vulcani sottomarini o da eventuali bolle di gas che scoppiano nel mare o nell'oceano. Queste cause hanno il potenziale di creare tsunami a condizione che si verifichi appena sotto il corpo idrico, sia di ampiezza moderata o spostino un grande volume di acqua.

Intensità e danni

L'intensità di una marea che cambia è evidente solo in alcune parti in cui è abbastanza alta (la Baia di Fundy in Canada dove ha raggiunto fino a 55 piedi). Le maree forti hanno il potenziale per causare danni alle case sulla spiaggia e possono causare inondazioni.

Gli tsunami possono avere lunghezze d'onda fino a 200 chilometri e possono percorrere oltre 800 chilometri all'ora. Quando gli tsunami si avvicinano a fondali bassi vicino alle masse terrestri, la velocità diminuisce e l'ampiezza aumenta molto rapidamente. La scala utilizzata per misurare lo tsunami è la scala di Sieberg-Ambraseys e la scala di Imamura-Iida utilizzata rispettivamente per gli tsunami nel Mar Mediterraneo e nell'Oceano Pacifico. L'entità dello tsunami è misurata dalla ML (Murty e Loomis).

Gli tsunami possono causare gravi danni. Queste potenti onde possono distruggere interi villaggi e annegare tutto ciò che si presenta sulla sua strada. Un modo efficace per prevenire i danni è piantare alberi robusti lungo la costa che sono in grado di resistere alla forza di queste onde.

Posizione

Le onde di marea sono fenomeni osservati nella maggior parte delle zone costiere. La maggior parte degli tsunami (80%) si verifica nell'Oceano Pacifico, ma può verificarsi in qualsiasi grande specchio d'acqua se sono presenti le cause sottostanti.

Frequenza

Le onde di marea si verificano su base giornaliera nella maggior parte delle zone costiere, mentre gli tsunami si verificano quando si verificano disturbi sismici in grandi corpi idrici. Sebbene gli tsunami non possano essere previsti con precisione, ci sono alcuni segnali di avvertimento che possono essere utilizzati per salvare vite umane.

Articoli Correlati