Macroeconomia vs. Microeconomia

La macroeconomia è la branca dell'economia che guarda all'economia in senso lato e si occupa di fattori che influenzano l'economia nazionale, regionale o globale nel suo insieme. La microeconomia guarda l'economia su scala minore e si occupa di entità specifiche come aziende, famiglie e individui.

Questo confronto dà uno sguardo più da vicino a ciò che costituisce la macro e microeconomia, le loro applicazioni nella vita reale e le opzioni se si dovesse perseguire come scelta professionale.

Tabella di confronto

Tabella comparativa della macroeconomia contro la microeconomia
Macroeconomia microeconomia
DefinizioneLa macroeconomia è una branca dell'economia che si occupa delle prestazioni, della struttura, del comportamento e del processo decisionale di un'economia nel suo insieme.La microeconomia è la branca dell'economia che si occupa del comportamento di singole entità come mercato, imprese e famiglie.
FondazioneIl fondamento della macroeconomia è la microeconomia.La microeconomia è costituita da singole entità.
Concetti basilariProduzione e reddito, disoccupazione, inflazione e deflazione.Relazioni di preferenza, domanda e offerta, costo opportunità.
applicazioniUtilizzato per determinare la salute generale di un'economia, il tenore di vita e le esigenze di miglioramento.Utilizzato per determinare i metodi di miglioramento per le singole entità aziendali.
Opportunità di lavoroEconomista (generale), professore, ricercatore, consulente finanziario.Economista (generale), professore, ricercatore, consulente finanziario.

Definizione

La macroeconomia è una branca dell'economia che si occupa delle prestazioni, della struttura, del comportamento e del processo decisionale di un'economia nel suo complesso, al contrario dei singoli mercati. Ciò include le economie nazionali, regionali e globali. La macroeconomia comporta lo studio di indicatori aggregati come PIL, tassi di disoccupazione e indici dei prezzi allo scopo di comprendere il funzionamento dell'intera economia, nonché le relazioni tra fattori quali reddito nazionale, produzione, consumo, disoccupazione, inflazione, risparmio, investimenti, commercio internazionale e finanza internazionale.

La microeconomia, d'altra parte, è la branca dell'economia che si concentra principalmente sulle azioni dei singoli agenti, come aziende e consumatori, e su come il loro comportamento determina prezzi e quantità in mercati specifici. Uno degli obiettivi della microeconomia è analizzare i meccanismi di mercato che stabiliscono i prezzi relativi tra beni e servizi e l'allocazione di risorse limitate tra molti usi alternativi. Campi di studio significativi in ​​microeconomia includono equilibrio generale, mercati sotto informazione asimmetrica, scelta sotto incertezza e applicazioni economiche della teoria dei giochi.

Applicazione nel mondo reale

La macroeconomia viene in genere utilizzata per determinare la salute dell'economia di una nazione confrontando il PIL di un paese e la sua produzione totale o le spese. Il PIL è il valore totale di tutti i beni e servizi finali prodotti legalmente in un'economia in un determinato periodo di tempo. Quindi, una regione è considerata in una salute migliore quando il rapporto tra PIL e spese è più alto, il che significa in termini laici che una nazione sta portando più di quello che emette. Un'altra misura utilizzata è il PIL pro capite, che è una misurazione del valore di tutti i beni e servizi diviso per il numero di partecipanti in un'economia. Questo è usato per determinare il tenore di vita e l'entità dello sviluppo economico in un paese, dove un livello di vita più elevato e un maggiore sviluppo economico arrivano quando più persone hanno un valore di produzione complessivo maggiore. Ad esempio, gli Stati Uniti e la Cina hanno un PIL complessivo simile, ma gli Stati Uniti hanno un PIL pro capite molto migliore a causa dei suoi molti meno partecipanti economici, che riflettono il più elevato tenore di vita nella macroeconomia degli Stati Uniti viene utilizzato anche per sviluppare strategie di miglioramento economico a livello nazionale e globale.

La microeconomia è utilizzata per determinare il miglior tipo di scelte che un'entità può fare per ottenere il massimo profitto, indipendentemente dal tipo di mercato o arena in cui è coinvolta. La microeconomia può anche essere considerata uno strumento per la salute economica se utilizzata per misurare il rapporto reddito / produzione di aziende e famiglie. In poche parole, guadagnare di più di quanto si perde equivale a una migliore economia individuale, proprio come a livello macro. La microeconomia viene applicata attraverso varie suddivisioni specializzate di studio, tra cui organizzazione industriale, economia del lavoro, economia finanziaria, economia pubblica, economia politica, economia della salute, economia urbana, diritto ed economia e storia economica.

Concetti di base di macroeconomia

La macroeconomia comprende una varietà di concetti e variabili relativi all'economia in generale, ma ci sono tre argomenti centrali per la ricerca macroeconomica. Le teorie macroeconomiche di solito mettono in relazione i fenomeni di produzione, disoccupazione e inflazione.

Uscita e reddito

La produzione nazionale è il valore totale di tutto ciò che un paese produce in un determinato periodo di tempo. Tutto ciò che viene prodotto e venduto genera reddito. Pertanto, la produzione e il reddito sono generalmente considerati equivalenti e i due termini sono spesso usati in modo intercambiabile. La produzione può essere misurata come reddito totale oppure può essere vista dal lato della produzione e misurata come il valore totale dei beni e servizi finali o la somma di tutto il valore aggiunto nell'economia. La produzione macroeconomica viene solitamente misurata dal prodotto interno lordo (PIL) o da uno degli altri conti nazionali. Gli economisti interessati ad aumenti a lungo termine della produzione studiano la crescita economica. I progressi tecnologici, l'accumulo di macchinari e altri capitali e una migliore istruzione e capitale umano portano ad un aumento della produzione economica nel tempo. Tuttavia, l'output non aumenta sempre in modo coerente. I cicli economici possono causare cali a breve termine nell'output chiamati recessioni. Gli economisti cercano politiche macroeconomiche che impediscano alle economie di scivolare in recessioni e condurre a una crescita più rapida e a lungo termine.

Disoccupazione

La disoccupazione in un'economia è misurata dal tasso di disoccupazione, la percentuale di lavoratori senza lavoro nella forza lavoro. La forza lavoro comprende solo i lavoratori attivamente alla ricerca di lavoro. Le persone che sono in pensione, perseguono l'istruzione o sono scoraggiate dal cercare lavoro per mancanza di prospettive di lavoro sono escluse dalla forza lavoro. La disoccupazione può essere generalmente suddivisa in diversi tipi relativi a cause diverse. La disoccupazione classica si verifica quando i salari sono troppo alti perché i datori di lavoro siano disposti ad assumere più lavoratori. La disoccupazione per attrito si verifica quando esistono opportunità di lavoro adeguate per un lavoratore, ma il tempo necessario per cercare e trovare il lavoro porta a un periodo di disoccupazione. La disoccupazione strutturale copre una varietà di possibili cause di disoccupazione, tra cui una discrepanza tra le competenze dei lavoratori e le competenze richieste per i lavori aperti. Mentre alcuni tipi di disoccupazione possono verificarsi indipendentemente dalle condizioni dell'economia, la disoccupazione ciclica si verifica quando la crescita ristagna.

Inflazione e deflazione

Gli economisti misurano le variazioni dei prezzi con indici di prezzo. L'inflazione (aumento generale dei prezzi nell'intera economia) si verifica quando un'economia si surriscalda e cresce troppo rapidamente. L'inflazione può portare a una maggiore incertezza e altre conseguenze negative. Allo stesso modo, un'economia in declino può portare alla deflazione o ad un rapido calo dei prezzi. La deflazione può ridurre la produzione economica. I banchieri centrali cercano di stabilizzare i prezzi per proteggere le economie dalle conseguenze negative delle variazioni dei prezzi. Aumentare i tassi di interesse o ridurre l'offerta di moneta in un'economia ridurrà l'inflazione.

Concetti microeconomici di base

La microeconomia comprende anche una varietà di concetti e variabili relativi all'individuo, alla famiglia o all'azienda. Ci concentreremo sui tre argomenti centrali per la ricerca microeconomica: relazioni di preferenza, domanda e offerta e costi delle opportunità.

Relazioni di preferenza

Le relazioni di preferenza sono definite semplicemente come un insieme di diverse scelte che un'entità può fare. La preferenza si riferisce all'insieme di ipotesi relative all'ordinazione di alcune alternative, in base al grado di soddisfazione, godimento o utilità che forniscono; un processo che si traduce in una scelta ottimale. La completezza viene presa in considerazione, in cui la "completezza" è una situazione in cui ogni parte è in grado di scambiare ogni bene, direttamente o indirettamente, con ogni altra parte senza costi di transazione. Al fine di analizzare ulteriormente il problema, l'assunzione della transitività, viene considerato un termine per il modo in cui le preferenze vengono trasferite da un'entità all'altra. Queste due ipotesi di completezza e transitività che sono imposte alle relazioni di preferenza compongono insieme la razionalità, lo standard con cui viene misurata una scelta.

Offerta e domanda

In microeconomia, l'offerta e la domanda sono un modello economico di determinazione dei prezzi in un mercato. Conclude che in un mercato competitivo, il prezzo unitario per un particolare bene varierà fino a quando non si stabilizza in un punto in cui la quantità richiesta dai consumatori (al prezzo corrente) sarà uguale alla quantità fornita dai produttori (al prezzo corrente), risultando in un equilibrio economico per prezzo e quantità.

Utilità-prezzo

Il costo opportunità di un'attività (o merci) è uguale ai migliori usi alternativi successivi. Il costo opportunità è un modo per misurare il costo di qualcosa. Piuttosto che limitarsi a identificare e aggiungere i costi di un progetto, si può anche identificare il prossimo modo alternativo migliore per spendere la stessa quantità di denaro. Il profitto dimenticato di questa prossima migliore alternativa è il costo opportunità della scelta originale.

Opportunità di lavoro

Ricerca macroeconomica e analisi dei dati sulle economie nazionali e globali. Raccolgono informazioni da studi longitudinali, sondaggi e statistiche storiche e le usano per fare previsioni sull'economia o persino per offrire soluzioni ai problemi. Aspetti specifici di un'economia, come la produzione e la distribuzione di materie prime, i tassi di povertà, l'inflazione o il successo degli scambi commerciali sono anche al centro dell'attenzione dei macroeconomisti, che vengono spesso consultati da politici e autorità civili quando prendono decisioni di politica pubblica.

I microeconomisti si concentrano su settori o aziende specifici. Un microeconomista esperto conduce ricerche approfondite sulle questioni finanziarie di un'azienda e offre consigli su come ridimensionare o apportare miglioramenti. Costruiscono spesso grafici del rapporto domanda / offerta per determinare il budget e le risorse da allocare alla produzione. Un microeconomista può aiutare gli imprenditori e i CFO a stabilire scale salariali basate sulle tendenze industriali e sulla disponibilità di fondi.

Formazione scolastica

La macroeconomia e la microeconomia sono, nel mondo universitario, generalmente relegate a specifici corsi di livello superiore che rientrano nella materia madre dell'economia. Il più delle volte, un vero e proprio corso di laurea sarà semplicemente in economia, anche se uno studente che si specializza in questa materia può quindi scegliere di specializzarsi nelle micro o macro aree come elettivi. A tutti gli specialisti in economia, indipendentemente dall'area, verrà richiesto di seguire più corsi di matematica, in particolare il calcolo, e, in genere, alcuni corsi di statistica come prerequisiti per corsi di economia di livello superiore. Agli studenti di affari e ad alcuni altri potenziali maggiori sarà spesso richiesto di frequentare un corso di base di economia o due come parte del loro corso di base per la fondazione, e alcuni studenti sceglieranno semplicemente di prendere Economia 101 per ciò che offre alla loro istruzione. Uno studente può anche essere minore in economia, una pratica che viene spesso fatta per fornire un buon background per gli studenti che cercano carriere in legge, affari, governo, giornalismo e insegnamento.

Opinioni sui cambiamenti economici

I macroeconomisti tendono a concentrarsi principalmente sullo stimolo economico e su ciò che lo accompagna, sebbene vi sia una mancanza di unità anche tra i macroeconomisti su questo particolare problema. Dal punto di vista macroeconomista, ciò che serve per riparare l'economia di un determinato paese oggi è versare denaro in esso. Questa azione viene fatta al fine di fornire una crescita economica e viene quindi analizzata in termini di quanta crescita viene prodotta, quanta disoccupazione è causata o prevenuta e quando il governo recupererà i suoi soldi, se non del tutto. La maggior parte dei macroeconomisti sono keynesiani, o economisti che sostengono l'intervento del governo e il governo dell'economia, e quindi misurano il successo principalmente in base ai fattori di cui sopra quando si considera cosa fare con i soldi del governo.

I microeconomisti, d'altra parte, spesso non sono altrettanto positivi riguardo all'azione di stimolo da parte del governo. Credono che i macroeconomisti tendano a ignorare la domanda microeconomica di base: dove sono gli incentivi? Chi ha un incentivo per migliorare l'economia? I microeconomisti ritengono che sia un errore considerare il paese come un'entità, perché non è il paese reale a decidere dove saranno spesi i soldi per gli stimoli. Piuttosto, sono i politici che governano il paese. Quindi, invece di guardare a ciò che sarebbe meglio per il paese, dobbiamo guardare a quali politici avrebbero un incentivo a fare. Invece di presumere che i politici sceglierebbero in base a ciò che è meglio per la salute economica di un paese, i microeconomisti ritengono che le persone debbano riconoscere a livello microeconomico che un politico sta scegliendo in base interamente ai propri incentivi.

Il problema è tale che, a livello di base, i microeconomisti osservano fattori completamente diversi rispetto ai macroeconomisti quando analizzano la salute dei nostri tentativi di ripresa economica.

Articoli Correlati