Lay vs. Lie

Laici e la menzogna sono verbi spesso confusi che hanno significati simili (avere a che fare con oggetti o persone che giacciono orizzontali su una superficie), ma per questo grande dettaglio - laici è transitiva e ha sempre un oggetto diretto; la bugia è intransitiva e non avrà mai un oggetto diretto.

Il motivo per cui sembra confuso è che anche il passato della menzogna viene chiamato laico. Ma questo laico dovrebbe essere paragonato al posato - il passato del laicato. Un ottimo modo per ricordare è cantare il participio presente, passato e passato di ogni verbo come un'unica unità: lay-lay-lay- lie-lay-lain.

Tabella di confronto

Grafico comparativo Lay contro Lie
Posare Menzogna
SensoPer posizionare o posizionare qualcosa un oggetto verso il basso in posizione orizzontale.Essere o rimanere a riposo in posizione orizzontale; reclinare; rimanere inattivo; occupare un determinato posto o posizione relativa.
Parte del discorsoVerbo transitivo: richiede un oggetto diretto.Verbo intransitivo - non coinvolge un oggetto diretto.
Tempo infinito / presentePer deporre: io, tu, tu, giaci / lui, lei, giaceMentire: io, tu, tu, mentiamo / lui, lei, mente
Forme di participio presenti, passate, passatePosa, posa, posaSdraiati, sdraiati, sdraiati
Esempi presentiPrima persona: poso le tovagliette sul tavolo. Terza persona: espone cinque disegni a settimana.Prima persona: sento la brezza sdraiarsi (giù) su questa panchina. Terza persona: fai attenzione al cane che si trova nell'angolo.
Tempo passatoLaidPosare
Esempi tesiPrima persona: ho posato la spada sul tavolo. Terza persona: ha fatto un ottimo lavoro quando ha emesso queste fatture.Prima persona: ho sentito un rumore alle mie spalle mentre mi sdraiavo sulla poltrona reclinabile. Terza persona: i fratelli sono rimasti a letto tutto il giorno fino a quando i genitori non li hanno svegliati per cena.
Esempi di participio passatoIn prima persona: avevo preparato tutto il materiale per la giornata. Terza persona: aveva disposto nove bottiglie sul bancone.In prima persona: mi sono sdraiato sotto le coperte per troppo tempo. Terza persona: è rimasta sdraiata sulla sedia a sdraio tutta la mattina.

Senso

Posare significa posare qualcosa, posizionarlo o sistemarlo sopra o su una superficie. Di solito è usato in riferimento a oggetti inanimati - per esempio, poserò queste candele su questo scaffale, o per favore appoggia questo libro sul tavolo. Il verbo lay avrà sempre un oggetto diretto.

Bugia è un verbo che significa reclinare o riposare in una posizione osmontale. Viene spesso usato per riferirsi a persone o animali - ad esempio, ho bisogno di sdraiarmi sul letto, o il cane si trova davanti alla tomba del suo padrone per ore.

Sintassi del verbo

In questo video, Emma spiega la differenza tra menzogna e laici:

Presenza di oggetto diretto

Lay è un verbo transitivo e avrà sempre, senza eccezione, un oggetto diretto. In altre parole, ciò comporterà due nomi:

  • il soggetto (ovvero la persona che stabilisce qualcosa),
  • un oggetto (cioè qualcosa che la persona sta ponendo).
    • Ad esempio, Jack appoggia il libro sul tavolo.

(Chiedi sempre: Jack giaceva COSA sul tavolo? - E ci dovrebbe essere una risposta: il libro.)

    • Appoggiai la testa in grembo.

(CHE COSA ho posato in grembo? - La mia testa.)

La frase avverbio - ovvero la frase che indica dove si è svolta l'azione non deve necessariamente avere un nome.

Le parole "tabella" e "giro" negli esempi precedenti alludono al luogo in cui è avvenuta l'azione, ma qui non abbiamo davvero bisogno di nomi. Ad esempio ho posato il libro lì. Metto giù la testa.

Appoggia il piatto (oggetto diretto) sul tavolo

Bugia è un verbo intransitivo, e riguarda solo ciò che il soggetto sta facendo (da solo a se stesso). Non avrà mai un oggetto diretto e l'unico nome richiesto è il soggetto.

  • Ad esempio, Jack si sdraia (sul letto).

(Chiedi: Jack mente COSA? E non c'è risposta, perché non c'è un oggetto diretto.)

  • Mi sdraio sull'erba.

(Mentisco COSA? Nessuna risposta.)

Ancora una volta, la frase avverbio può o meno avere un nome. Notate che quando chiedete a Jack che cosa giace ?, "sull'erba" risponde "dove", " non" cosa ". E anche qui, il nome avverbiale non deve necessariamente esistere. Ad esempio Jack si sdraia. Giaccio lì.

Nessun oggetto diretto

Azione vs posizione

Lay indicherà sempre un'azione in corso; un movimento. Quando dici che Jack pone il libro sul tavolo, il libro si sposta con la mano di Jack sul tavolo. La mia testa si abbassa sulle sue ginocchia.

Notare che c'è un movimento dal punto A al punto B nel posare il piatto sul tavolo

La bugia indica sempre e la posizione invariata. Quando dici che Jack giace sul letto, ti riferisci alla posizione di Jack, cioè è già lì, sdraiato sul letto.

Le piace mentire sul muro - nessun movimento

Perché la confusione?

Perché purtroppo il passato della menzogna sembra essere laico. Ecco come appaiono i due verbi nelle forme di participio presente, passato e passato:

Tempo presente:

Jack appoggia il libro sul tavolo. Jill giace sul letto.

Tempo passato:

Jack appoggiò il libro sul tavolo. Jill si stese sul letto.

Participio passato:

Jack aveva posato il libro sul tavolo. Jill si era sdraiato sul letto.

Come ricordare

Questa confusione può essere alleviata da due semplici trucchi:

1. Canta i tempi verbali nella tua mente come se fossi ancora nella scuola elementare: lay -lay-lay-lay-lay-lain

2. Chiedi sempre "COSA?" dopo il verbo e cercare un oggetto diretto, indipendentemente dal tempo.

Presente: Jack appoggia il libro sul tavolo. Jill giace sul letto. (Jack giace COSA? - Il libro. Jill mente COSA? - Nessun oggetto.)

Passato: Jack ha posato il libro sul tavolo. Jill si stese sul letto. (Jack giace COSA? - Il libro. Jill giace COSA? - Nessun oggetto.)

Participio:

Jack aveva posato il libro sul tavolo. Jill si era sdraiato sul letto. (Jack aveva messo COSA? - Il libro. Jill aveva mentito COSA? - Nessun oggetto.)

Articoli Correlati