Conoscenza vs. saggezza

"Dov'è la saggezza che abbiamo perso nella conoscenza? Dov'è la conoscenza che abbiamo perso nelle informazioni?" —TS Eliot. La conoscenza è raccolta dall'apprendimento e dall'educazione, mentre la maggior parte afferma che la saggezza è raccolta dalle esperienze quotidiane ed è uno stato di saggezza. La conoscenza sta semplicemente avendo chiarezza di fatti e verità, mentre la saggezza è la capacità pratica di prendere costantemente buone decisioni nella vita.

Tabella di confronto

Grafico comparativo di conoscenza contro saggezza
Conoscenza Saggezza
SensoLa conoscenza è informazione di cui qualcuno è a conoscenza. Conoscenza viene anche utilizzata per indicare la comprensione sicura di una materia, potenzialmente con la capacità di usarla per uno scopo specifico.La saggezza è la capacità di prendere giudizi e decisioni corretti. È una qualità immateriale acquisita attraverso le nostre esperienze nella vita.
TempoConsente il cambiamento in risposta a nuove informazioni o analisi. Cerca di migliorare sempre.Senza tempo. La saggezza è "Chi siamo" vs. "Cosa facciamo" La saggezza governa la scelta, la ricerca della conoscenza, la comunicazione e le relazioni.
fonteApprendimento, educazione, scienza, riflessione, pensiero ragionato e logico.Se stesso. Intuizione. La nostra esperienza personale La saggezza definisce e perfeziona il nostro personaggio. "Il personaggio è semplicemente quello che siamo ed è la persona e l'identità di tutto ciò che facciamo."

Definizione

Conoscenza:

  • Conoscere o comprendere qualcosa, specialmente su un argomento particolare
  • Avere consapevolezza di fatti e / o verità
  • Qualcosa che può essere conosciuto, informazioni

Saggezza:

  • Lo stato di essere saggio
  • La capacità di utilizzare la conoscenza e / o l'esperienza in modo intelligente
  • Capace di determinare ciò che è saggio rispetto a ciò che non è saggio
  • Un detto, una filosofia o altri consigli considerati saggi

Esempi

La conoscenza viene acquisita attraverso l'apprendimento dei fatti. Qualcuno che sa molto su una certa materia, come la scienza o la storia, può essere considerato ben informato . Le informazioni trovate online o nei libri possono aiutare qualcuno a espandere le sue conoscenze su un argomento.

La saggezza deriva dall'osservazione delle esperienze e dall'apprendimento da esse in un modo che influenza le decisioni e il comportamento futuri; è la capacità di vedere la verità di una questione, nonostante illusioni o distrazioni. Ad esempio, qualcuno potrebbe spendere oltre i propri mezzi e finire per indebitarsi inutilmente, ma se è saggio questo gli succederà solo una volta, come avrà imparato dal suo errore; in futuro, risparmierà i suoi soldi prima di spenderli con noncuranza. Una persona ancora più saggia potrebbe evitare del tutto un simile errore ascoltando la saggezza degli altri o scegliendo saggiamente di cercare informazioni (conoscenza) su come gestire correttamente le finanze.

Spesso, la saggezza viene tramandata nelle culture sotto forma di detti comuni, frasi filosofiche e citazioni, come aforismi e proverbi. (Un popolare proverbio inglese, ad esempio, è "Tieni i tuoi amici vicini e i tuoi nemici più vicini.") Tuttavia, se tale saggezza viene assorbita, creduta e applicata dipende dall'individuo.

In che modo il tempo influenza la conoscenza e la saggezza

Si dice che sia la conoscenza che la saggezza aumentino nel tempo, poiché in una persona ne sa di più a 20 anni rispetto a 10, o è più saggio a 50 anni rispetto a 25 anni. Tuttavia, il tempo ha una correlazione più diretta con la conoscenza che con la saggezza.

È comunemente accettato che una persona che trascorre 20 anni a studiare un argomento ne sappia più di qualcuno che ha trascorso solo 5 anni sulla stessa materia. Le esperienze nel tempo sono anche un fattore chiave quando si tratta di saggezza, ma la correlazione non è così diretta. In generale, più tempo equivale a più conoscenza, ma più tempo non garantisce la saggezza; qualcuno potrebbe benissimo commettere lo stesso errore a 60 anni che ha fatto a 20. La ragione di ciò è che la conoscenza è spesso un'acquisizione passiva di dati o fatti, mentre la saggezza richiede ulteriori passaggi per applicare il giudizio e trarre conclusioni o modificare di conseguenza il comportamento.

Il tempo può anche influenzare la conoscenza e la saggezza in modo negativo, poiché fatti e dati possono cambiare nel tempo o essere dimenticati. La saggezza tende a essere influenzata meno negativamente, sebbene, per una volta che una persona sia vista come "saggia", è generalmente considerata come tale indefinitamente. Tuttavia, poiché la saggezza è soggettiva e basata sul contesto, i tempi che cambiano possono sfociare in un "fuori contatto" con i tempi. Ad esempio, in passato la soluzione saggia a una gravidanza indesiderata era un matrimonio veloce, mentre nei tempi moderni una soluzione saggia può comportare l'aborto, l'adozione o l'abbraccio della genitorialità single.

Correlazione

Saggezza e conoscenza sono collegate. La saggezza è potenziata dalla conoscenza e dalla capacità di acquisire conoscenza in modo efficace. Ma la saggezza è anche la capacità di usare la conoscenza in modo pratico e produttivo. La conoscenza è spesso considerata "generata esternamente", nel senso che proviene principalmente da fonti esterne, come libri, lezioni in aula, video, ecc. D'altra parte, la saggezza è considerata principalmente proveniente da "fonti interne", ovvero proprio pensiero, analisi e giudizio introspettivo. La saggezza non può essere acquisita e applicata senza conoscenza, ma la conoscenza non è necessariamente guidata o potenziata dalla saggezza.

Applicazione di conoscenza e saggezza

L'applicazione della conoscenza è spesso una questione di ricerca o conoscenza dei fatti giusti, nel senso che esiste una netta differenza tra i fatti "giusti" e "sbagliati". Al contrario, la saggezza spesso richiede molto più dei fatti per percepire e scegliere l'azione "giusta" o per evitare l'azione "sbagliata". I fattori coinvolti possono includere speculazioni, sentimenti e valori morali o etici. In questo senso generale, l'applicazione della conoscenza tende ad essere un processo molto più semplice.

Un esempio di applicazione della conoscenza può essere trovato nello sviluppo di bombe nucleari, che furono il risultato finale di migliaia o forse milioni di passi. A seguito di questo sviluppo, la decisione di sganciare bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki è talvolta considerata saggia, con l'idea che questi atti abbreviarono la seconda guerra mondiale e salvarono così migliaia o addirittura milioni di vite. In termini di conoscenza, il risultato finale (la bomba atomica in corso di realizzazione) è ovvio, ma in termini di se l'applicazione di tale conoscenza fosse saggia o meno non è ancora chiara e soggetta a un intenso dibattito.

Articoli Correlati