Immigrato vs. Rifugiato

Un immigrato è un individuo che lascia il proprio paese per stabilirsi in un altro, mentre i rifugiati sono definiti come persone che escono dal proprio paese a causa di restrizioni o pericoli per la propria vita.

L'immigrazione è considerata un fenomeno naturale nell'ecologia della popolazione, mentre il movimento dei rifugiati si verifica solo sotto un qualche tipo di coercizione o pressione.

Tabella di confronto

Grafico comparativo immigrati contro rifugiati
immigrante Profugo
DefinizioneUn immigrato è qualcuno di un paese straniero che si trasferisce per vivere in un altro paese. Possono o meno essere cittadini.I rifugiati escono per paura o necessità. ad esempio per fuggire dalla persecuzione; o perché le loro case sono state distrutte in un disastro naturale; oa causa di guerre, violenze, opinioni politiche, violazioni dei diritti umani; o a causa della loro religione, credenze o opinioni politiche
Stato legaleGli immigrati sono soggetti alle leggi del loro Paese di adozione. Possono venire solo se hanno lavoro o un posto dove vivere.Definito dalle Nazioni Unite
Motivo del trasferimentoGli immigrati sono generalmente guidati da fattori economici o vogliono essere vicini alla famiglia.I rifugiati sono costretti a trasferirsi per motivi quali catastrofi naturali, paura di persecuzioni o persecuzioni dovute ad almeno una delle seguenti ragioni: razza, religione, nazionalità, appartenenza a un particolare gruppo sociale o opinione politica.
insediamentoGli immigrati di solito possono trovare una casa nel loro nuovo paese.Dal campo profughi a un paese terzo. Di solito non può tornare nel proprio paese.

Motivo della mossa

Gli immigrati si muovono per scelta e per promessa di una vita migliore. Le ragioni principali includono migliori condizioni economiche, istruzione e motivi familiari. Tuttavia, hanno ancora la possibilità di tornare nel proprio paese in qualsiasi momento.

I rifugiati, d'altra parte, escono per paura della persecuzione causata da guerre, violenze, instabilità politica, aggressività o per la loro religione, convinzioni, caste o opinioni politiche. Nella maggior parte dei casi, non è possibile per loro tornare nel loro paese.

Storia di rifugio e immigrazione

Sebbene il concetto di rifugiarsi in un'altra regione sia noto e compreso da tempo, il termine "rifugiato" è stato completamente definito dopo la Convenzione di Ginevra del 1951. Ora il termine rifugiato è un termine ben definito e distinto dagli sfollati interni o nazionali. Le persone che fuggirono dall'Europa dopo la seconda guerra mondiale furono chiamate rifugiati, insieme a quelle provenienti dall'Africa, a seguito delle guerre civili, dal Medio Oriente, dal Bangladesh e da molte altre nazioni. I maggiori paesi di origine per i rifugiati sono l'Afghanistan, l'Iraq, il Myanmar, il Sudan e i territori palestinesi.

La prima ondata di immigrati ebbe luogo quando persone provenienti dall'Europa occidentale si trasferirono nelle Americhe e vi si stabilirono. Ora le leggi governative più severe sono imposte all'immigrazione e le persone possono immigrare in un paese solo dopo laboriose pratiche burocratiche e documentazione. Ogni paese ha le sue regole stabilite per quanto riguarda l'ammissione di nuovi immigrati nel paese. Nel 2005, l'Europa ha ospitato il maggior numero di immigrati, principalmente dall'Asia.

Status legale degli immigrati contro i rifugiati

La protezione dei rifugiati è regolata dalla legge sui rifugiati e dal protocollo del 1967 relativo allo status dei rifugiati. Prima del reinsediamento i rifugiati soggiornano nei campi in cui ricevono servizi di base e assistenza sanitaria fino a quando possono tornare in patria o trasferirsi in un paese terzo.

Gli immigrati possono trasferirsi in un paese dopo le dovute pratiche burocratiche del governo o dell'ambasciata e devono attenersi alle leggi di quel paese.

insediamento

I campi profughi sono istituiti per fornire aiuti a queste persone fino a quando non possono tornare nel loro paese. Nel caso in cui non possano, le opzioni di reinsediamento sono fornite in un paese terzo. Un totale di 17 paesi come Australia, Canada, Danimarca, Cile e altri hanno quote di rifugiati e offrono opzioni di reinsediamento nei loro paesi a persone provenienti da campi profughi.

Gli immigrati tuttavia escono dalla propria volontà e devono esplorare le proprie opzioni di insediamento nel nuovo paese.

Articoli Correlati