Camera dei rappresentanti contro Senato

Il Congresso degli Stati Uniti è il ramo legislativo del governo federale ed è composto da due case: la camera bassa nota come Camera dei Rappresentanti e la camera alta nota come Senato . Le parole "Congresso" e "Camera" sono talvolta usate colloquialmente per riferirsi alla Camera dei rappresentanti. Ci sono 535 membri del Congresso: 100 senatori e 435 rappresentanti alla Camera.

I repubblicani attualmente controllano il Senato (da 54 a 44 democratici) e la Camera (da 246 a 188).

Tabella di confronto

Camera dei rappresentanti contro grafico comparativo del Senato
Camera dei rappresentanti Senato
introduzioneLa Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti è una delle due case del Congresso degli Stati Uniti. Viene spesso definita la casa.Il Senato degli Stati Uniti è la camera alta della legislatura bicamerale del Congresso degli Stati Uniti.
genereCamera bassa Risponde alle esigenze delle persone più rapidamente poiché i rappresentanti hanno un mandato di due anni. Le leggi in materia di entrate devono iniziare in sede.Camera alta. Il mandato di sei anni significa che il Senato può essere più lento e considerare gli effetti a lungo termine delle leggi.
sedili435 membri con diritto di voto, 6 membri senza diritto di voto: 5 delegati, 1 commissario residente100
Posti assegnatiBasato sulla popolazione di ciascuno statoDue per ogni stato
Durata del mandato2 anni. Tutti i 435 seggi sono rieleggibili ogni due anni.6 anni. Qui c'è un'idea continua del corpo. Solo un terzo dei seggi del senato viene eletto ogni due anni. Quindi solo 34 o 33 senatori possono candidarsi alle elezioni contemporaneamente.
Limiti di termineNessunaNessuna
ComandoNancy Pelosi (D) (Relatore); eletto dalla Camera dei rappresentanti.Il presidente del Senato [attualmente Mike Pence (R)] vota solo in caso di parità. Quando non è disponibile, il Presidente pro tempore, un senatore eletto dal Senato [attualmente Chuck Grassley (R)] prende il suo posto.
Leader di maggioranzaSteny Hoyer (D)Mitch McConnell (R)
Leader di minoranzaKevin McCarthy (R)Chuck Schumer (D)
Frusta di maggioranzaJames Clyburn (D)John Thune (R)
Frusta di minoranzaSteve Scalise (R)Dick Durbin (D)
Gruppi politiciDemocratico (235), repubblicano (199), 1 posto vacanteRepubblicano (53), Democratico (45), Indipendente (2)
Sistema di votoFirst-past-the-postFirst-past-the-post
StoriaBasato sul piano VirginiaBasato sul piano del New Jersey

Dimensione del Senato contro la Camera

Mentre ci sono 100 seggi al Senato (due senatori per ogni stato), ci sono 435 seggi nella Camera dei Rappresentanti (un rappresentante per ciascuno dei vari distretti congressuali, con il numero di distretti congressuali in ciascuno stato determinato dalla popolazione) .

Il Reapportionment Act del 1929 stabilì il numero finale della Camera all'attuale 435, con le dimensioni del distretto adattate in base alla crescita della popolazione. Tuttavia, poiché i confini del distretto non sono mai stati definiti in modo definitivo, possono e spesso si estendono in forme peculiari a causa di una pratica nota come gerrymandering.

Il gerrymandering è usato a livello legislativo statale per creare distretti che favoriscono in modo schiacciante una parte. Le sentenze della Corte Federale e Suprema hanno annullato gli sforzi gerrymandering che sono stati percepiti come basati sulla razza, ma per il resto alcuni distretti sono stati riconfigurati per dare a un partito un vantaggio politico estremo, permettendo così a quel partito di ottenere più potere nello stato e in la casa dei Rappresentanti.

Un grafico a linee che mostra quali partiti politici hanno controllato la Camera dei rappresentanti e il Senato degli Stati Uniti nel corso degli anni. Clicca per ingrandire.

Ruoli di rappresentanti e senatori

La Camera svolge un ruolo importante nel governo, principalmente quello di avviare tutta la legislazione basata sulle entrate. Qualsiasi proposta di aumento delle tasse deve provenire dall'Assemblea, con revisione e approvazione del Senato. Il Senato, d'altra parte, ha il potere esclusivo di approvare i trattati e le nomine giudiziarie e giudiziarie straniere, comprese le nomine alla Corte suprema.

In caso di impeachment (ad es. Andrew Johnson nel 1868 e Bill Clinton nel 1998), l'Assemblea determina se le accuse possono essere portate contro il funzionario, e una semplice votazione a maggioranza approva o respinge il deposito delle accuse (il processo di impeachment). Se approvato, il Senato funge quindi da organo investigativo / giudiziario per determinare se le accuse meritano la rimozione del funzionario accusato dal suo ufficio. Tuttavia, il voto al Senato deve rappresentare "una maggioranza significativa", che di solito significa 67 dei 100 voti.

I membri del Congresso sono considerati "al di là del potere di arresto" mentre sono in carica, tranne nei casi di tradimento, omicidio o frode. Questa clausola è stata utilizzata da rappresentanti e senatori per evitare citazioni e altre procedure giudiziarie. Un senatore può rinunciare al privilegio in qualsiasi momento, ma un membro della Camera deve sottoporre la sua petizione a un voto generale. Se una maggioranza semplice approva, il privilegio può essere revocato.

Il Congresso ha il potere di convocare qualsiasi cittadino. La non conformità con una citazione del Congresso può portare a una pena detentiva di un anno. Il caso viene ascoltato in un forum giudiziario e la punizione (una sentenza) per coloro che sono ritenuti colpevoli di "disprezzo del Congresso" è gestita rigorosamente dal sistema giudiziario.

L'ordine di successione nel governo federale è presidente, vicepresidente e poi presidente della Camera, il leader dei rappresentanti. Il vicepresidente è considerato il "presidente" del Senato, anche se non è tenuto a partecipare alla maggior parte delle sessioni del Senato. Il Senato elegge un "Presidente Pro Tempore", spesso il senatore senior o di più lunga durata del partito di maggioranza, che è responsabile della gestione delle attività quotidiane.

Durata dei termini

I senatori sono eletti per un mandato di sei anni, ma i rappresentanti della Camera hanno un mandato di due anni solo prima che debbano chiedere la rielezione. Ogni membro della Camera è eletto o rielezionato ogni due anni, ma il Senato ha un sistema sfalsato in cui solo un terzo dei senatori è eletto o rielezionato ogni due anni. È possibile che la Camera cambi in larga misura (in termini di controllo del partito) ogni due anni, ma i cambiamenti sono più lenti in Senato. In entrambe le camere, gli operatori storici hanno un grande vantaggio rispetto agli sfidanti, vincendo oltre il 90% di tutte le razze contestate.

Titoli di studio

Per essere eleggibile come rappresentante, una persona deve avere almeno 25 anni al momento delle elezioni e aver vissuto continuamente negli Stati Uniti per almeno 7 anni. Per diventare senatore, uno deve avere almeno 30 anni al momento delle elezioni e aver vissuto continuamente negli Stati Uniti per almeno 9 anni. Non è un requisito essere un cittadino nato per diventare un membro del Congresso.

comitati

Gran parte del lavoro del Congresso si svolge in commissioni. Sia la Camera che il Senato hanno commissioni permanenti, speciali, per conferenze e congiunte.

I comitati permanenti sono permanenti e forniscono basi di potere ai membri che servono più a lungo. Alla Camera, i comitati chiave includono Budget, Modi e Mezzi e Servizi armati, mentre il Senato ha Commissioni per gli stanziamenti, le relazioni con l'estero e la magistratura. (Esistono alcuni comitati in entrambe le camere, come ad esempio Budget, Servizi armati e Affari dei veterani.) Comitati speciali sono temporanei, formati per indagare, analizzare e / o valutare questioni specifiche. I comitati di conferenza si formano quando l'approvazione della legislazione sia in Camera e Senato; finalizzano la lingua nella legislazione. I comitati congiunti comprendono membri della Camera e del Senato, con la direzione di ciascun comitato che si alterna tra i membri di ciascuna camera.

I comitati dispongono anche di sottocomitati, che sono formati per concentrarsi maggiormente su determinate questioni. Alcuni sono diventati permanenti, ma la maggior parte si forma per periodi di tempo limitati. Sebbene utile per concentrarsi su questioni chiave, la proliferazione delle commissioni, e in particolare dei sottocomitati, ha decentralizzato il processo legislativo e lo ha rallentato in modo significativo, rendendo il Congresso meno sensibile ai cambiamenti delle tendenze e delle esigenze.

La legislazione sui dibattiti ha regole più rigorose in Aula che al Senato, applicabili sia a livello di commissione che di corpo intero. Alla Camera i tempi dei dibattiti sono limitati e gli argomenti sono stabiliti in anticipo, con discussioni limitate all'ordine del giorno. Al Senato è permessa la tattica chiamata filibustering. Una volta che il pavimento è stato assegnato a un senatore, lui o lei può parlare per tutto il tempo che il senatore sceglie, su qualsiasi argomento; nessun'altra attività può essere effettuata mentre la persona parla. Un filibuster viene utilizzato per bloccare la legislazione o le decisioni del Senato fino a quando non sarà possibile convocare un voto favorevole. Ciò ha comportato sforzi a volte comicamente assurdi da parte dei senatori. Ad esempio, durante un filibuster del 2013 sull'affordable care act, il senatore Ted Cruz (R-TX) ha letto da Green Eggs and Ham .

Origini della Camera e del Senato

In generale, la Camera rappresenta la popolazione, mentre il Senato rappresenta una popolazione "di proprietà terriera / di grandi dimensioni". In epoca coloniale, l '"organo legislativo" proposto aveva due modelli. Il Piano Virginia, approvato da Thomas Jefferson, ha creato un gruppo di rappresentanti in base alle dimensioni della popolazione, in modo che gli stati più popolosi possano avere una voce maggiore nelle questioni legislative. Opposto era il piano del New Jersey che limitava ogni stato allo stesso numero di rappresentanti; il piano suggeriva che ci fosse qualcosa da due a cinque rappresentanti per stato. Il piano del New Jersey fu criticato per aver tenuto in ostaggio stati più grandi con stati più piccoli, poiché ciascuno avrebbe avuto la stessa base di potere. Questo articolo su The New Yorker lo analizza bene:

James Madison e Alexander Hamilton odiavano assolutamente l'idea che ogni stato dovesse avere diritto allo stesso numero di senatori indipendentemente dalle dimensioni. Hamilton stava appassendo sull'argomento. "Dato che gli stati sono una raccolta di singoli uomini", ha offeso i suoi colleghi delegati alla Convenzione costituzionale di Filadelfia, "che dovremmo rispettare maggiormente, i diritti delle persone che li compongono o degli esseri artificiali derivanti dalla composizione? Niente potrebbe essere più assurdo o assurdo che sacrificare il primo al secondo. "

Secondo il Compromesso del Connecticut alla Convenzione costituzionale di Filadelfia nel 1787, gli Stati Uniti adottarono il sistema bicamerale del parlamento inglese (ovvero, House of Lords e House of Commons). Il compromesso era tra il piano della Virginia (piccolo stato) e la proposta del New Jersey (grande stato), due idee in competizione sul fatto che ogni stato dovesse ottenere pari rappresentanza nel governo federale o se la rappresentanza dovesse basarsi sulla popolazione. Il compromesso stabilì che i rappresentanti nella camera bassa (Camera dei rappresentanti) si baserebbero su un numero di popolazione (chiamato "distretto") mentre la camera alta (Senato) conterrebbe due rappresentanti per ogni stato. È stato inoltre deciso che tutte le classi sarebbero state idonee a diventare senatori, fatte salve le restrizioni di età e residenza.

Articoli Correlati