Heaven vs. Hell

Diverse religioni del mondo hanno un concetto di vita dopo la morte in paradiso o all'inferno . Questo confronto esamina le credenze di varie fedi religiose e le loro idee di paradiso e inferno.

Tabella di confronto

Tabella di confronto Heaven vs. Hell
Paradiso Inferno
Amministrato daAngelidemoni
Accesso aAlcuni umani dopo la loro morte, Angeli (escluso il diavolo) e Dio.Altri umani dopo la loro morte, il Diavolo e i Demoni.
Governato daAllah, dio Gesù eccIl diavolo
Riferimento originale aIl cielo o l'area sopra la terra dove sono collocati i "corpi celesti"L'area sotto la superficie terrestre o sotterranea
Posto diFelicità e PaceDolore e punizione
ClimaCaldo e piacevoleCaldo e scuro
EternamenteIn Presence Of GodBandito dalla presenza di Dio.
DurataEternitàEternità

Definizione

Paradiso

In origine il termine "paradiso" si riferiva al cielo o all'area sopra la terra in cui sono collocati i "corpi celesti". Questo è il significato principale della parola nella Bibbia. Era considerato la dimora di Dio e dei suoi angeli. Tuttavia, con il tempo, il termine venne usato anche nel senso della dimora dei giusti ad un certo punto dopo la morte. Questo è supportato da alcuni versetti della Bibbia, ma la Bibbia tende ad usare altri termini, come Paradiso, per questo. (Vedi sotto per altri termini.)

Inferno

L'inferno, secondo molte credenze religiose, è un'aldilà di sofferenza in cui i morti malvagi o ingiusti sono puniti. L'inferno è quasi sempre rappresentato come sotterraneo. Nell'Islam l'inferno è tradizionalmente rappresentato come infuocato. Alcune altre tradizioni, tuttavia, descrivono l'inferno come freddo e cupo. La punizione all'inferno corrisponde in genere ai peccati commessi nella vita.

Descrizione

Mentre ci sono fonti abbondanti e varie per le concezioni del Cielo, la visione tipica del credente sembra dipendere in gran parte dalla sua tradizione religiosa e dalla setta particolare. Generalmente le religioni concordano sul concetto di Cielo come pertinente a un tipo di vita pacifica dopo la morte legata all'immortalità dell'anima. Il cielo è generalmente interpretato come un luogo di felicità, a volte felicità eterna. L'inferno è spesso rappresentato popolato da demoni, che tormentano i dannati. Molti sono governati da un dio della morte, come Nergal, l'Hindu Yama o qualche altra terribile figura soprannaturale (ad esempio Satana).

Christainity

Paradiso

Storicamente, il cristianesimo ha insegnato "Cielo" come un concetto generalizzato, un luogo di vita eterna, in quanto è un piano condiviso che deve essere raggiunto da tutti i pii ed eletti (piuttosto che un'esperienza astratta relativa ai singoli concetti dell'ideale). La Chiesa cristiana è stata divisa su come le persone ottengono questa vita eterna. Dal XVI al tardo XIX secolo, la cristianità fu divisa tra la visione cattolica romana, la visione ortodossa, la vista copta, la vista giacobita, la vista abissina e la vista protestante. I cattolici romani credono che entrare nel Purgatorio dopo la morte (la morte fisica piuttosto che quella dell'ego) purifichi uno dei peccati (periodo di sofferenza fino a quando la propria natura è perfezionata), il che rende accettabile entrare in paradiso. Questo è valido solo per il peccato veniale, poiché i peccati mortali possono essere perdonati solo attraverso l'atto di riconciliazione e pentimento mentre si trovano sulla terra. Alcuni all'interno della Chiesa anglicana sostengono anche questa convinzione, nonostante la loro storia separata. Tuttavia, nelle Chiese orientali ortodosse, è solo Dio che ha l'ultima parola su chi entra in paradiso. Nella Chiesa ortodossa orientale, il cielo è inteso come unione e comunione con il Dio Uno e Trino (riunione di Padre e Figlio attraverso l'amore). Pertanto, il Cielo viene vissuto dagli ortodossi sia come una realtà inaugurata, anticipata e presente qui e ora nell'organismo divino-umano del Corpo di Cristo, la Chiesa, sia come qualcosa da perfezionare in futuro. In alcune sette cristiane protestanti, la vita eterna dipende dal fatto che il peccatore riceva la grazia di Dio (benedizione immeritata e immeritata derivante dall'amore di Dio) attraverso la fede nella morte di Gesù per i loro peccati, la sua risurrezione come Cristo e l'accettazione della sua Signoria (autorità e guida) sulle loro vite. In altre sette il processo può includere o meno un battesimo fisico o un processo obbligatorio di trasformazione o esperienza di rinascita spirituale. Secondo il controverso sito Web "Religioustolerance.org", "Le denominazioni protestanti conservatrici e principali tendono a basare la loro credenza in cielo sull'interpretazione letterale di alcuni passaggi della Bibbia e interpretazioni simboliche di altri. Arrivano a credenze molto diverse perché selezionano diversi passaggi da leggere letteralmente ".

Inferno

Nel cristianesimo, la parola popolarmente usata Inferno, tuttavia, è una traduzione di tre parole greche: api, Geenna e Tartaro. Ade, che significa letteralmente invisibile, di solito si riferisce allo stato di morte, che è definito da alcuni come un luogo di attesa cosciente per la risurrezione, e da altri come uno stato di incoscienza sinonimo di morte stessa. La Geenna, d'altra parte, più ambigua delle api, sembra riferirsi al giudizio e si adatta più strettamente alle concezioni moderne dell'Inferno. Il tartaro è usato in riferimento al giudizio degli angeli peccatori e sembra essere un'allusione alla mitologia greca (vedi Tartaro). Mentre la maggior parte del cristianesimo vede l'inferno come un luogo di eterno tormento, alcuni cristiani, come i universalisti cristiani (vedi Universalismo) sostengono che dopo la risurrezione, i peccatori non pentiti vengono giudicati e purificati nel lago di fuoco e poi accettati in Cielo, mentre altri credi che dopo la risurrezione, i peccatori non pentiti siano permanentemente distrutti nel lago di fuoco (vedi annichilismo). Esistono varie interpretazioni dei tormenti dell'Inferno, che vanno dalle fosse infuocate dei peccatori lamentosi all'isolamento solitario dalla presenza di Dio. Tuttavia, le descrizioni dell'Inferno trovate nella Bibbia sono piuttosto vaghe. I libri di Matteo, Marco e Giuda parlano di un luogo di fuoco, mentre i libri di Luca e Rivelazione lo riportano come un abisso. Le nostre immagini moderne e più grafiche dell'Inferno si sono sviluppate da scritti che non si trovano nella Bibbia. Dante's The Divine Comedy è una fonte d'ispirazione classica per le immagini moderne dell'inferno. Altri scritti paleocristiani illustrano anche l'angoscia dell'inferno. La maggior parte dei cristiani crede che la dannazione si verifichi immediatamente dopo la morte (giudizio particolare), e altri che si verifica dopo il Giorno del Giudizio, che è scritto nel libro dell'Apocalisse.

induismo

Paradiso

Nell'induismo, con la sua enfasi sulla reincarnazione, il concetto di paradiso non è così prominente. Mentre il paradiso è temporaneo (fino alla prossima nascita), lo stato permanente a cui aspirano gli indù è Moksha. Moksha è visto come la liberazione dell'anima dal ciclo della vita e della morte, un ristabilimento nella propria fondamentale natura divina e può includere l'unione con o unirsi a Dio. L'ingresso in paradiso (swarga loka) o l'inferno (Naraka) è deciso dal Signore della morte Yama e dal suo contabile karmico, Chitragupta, che registra le buone e le cattive azioni di una persona durante la sua vita. Va notato che Yama e Chitragupta sono subordinati al supremo Signore Ishwara (Dio) e lavorano sotto la sua direzione. L'ingresso in paradiso dipende solo dalle proprie azioni nella vita precedente e non è limitato dalla fede o dalla religione. Il sovrano del cielo, dove si godono i frutti di quelle buone azioni, è noto come Indra e si dice che la vita in quel regno includa l'interazione con molti esseri celesti (gandharva).

Inferno

Nell'induismo, ci sono contraddizioni sul fatto che esista o meno un inferno (indicato come 'Narak' in hindi). Per alcuni è una metafora di una coscienza. Ma a Mahabharata si parla dei Pandava e dei Kaurava che vanno all'inferno. Gli inferni sono anche descritti in vari Purana e altre scritture. Garuda Purana fornisce un resoconto dettagliato sull'Inferno, le sue caratteristiche e ravviva la pena per la maggior parte dei crimini come il codice penale moderno. Si ritiene che le persone che commettono un 'paap' (peccato) vadano all'inferno e debbano subire le punizioni secondo i peccati che hanno commesso. Il dio Yama, che è anche il dio della morte, è il re dell'inferno. I resoconti dettagliati di tutti i peccati commessi da un individuo dovrebbero essere conservati da Chitragupta, che è il detentore del record nella corte di Yama. Chitragupta legge i peccati commessi e Yama ordina le punizioni appropriate da dare agli individui. Queste punizioni includono l'immersione in olio bollente, il fuoco nel fuoco, la tortura con varie armi ecc. In vari Inferni. Gli individui che finiscono la loro quota delle punizioni rinascono secondo il loro karma. Tutti i creati sono imperfetti e quindi hanno almeno un peccato nella loro storia, ma se uno ha condotto una vita generalmente pia, si sale al cielo o Swarga dopo un breve periodo di espiazione all'inferno.

buddismo

Paradiso

Il Buddha confermò l'esistenza di altri mondi, di cieli e inferni popolati da esseri celesti. Nella prima letteratura buddista, il Buddha stesso fu descritto come se fosse andato nei cieli e si incontrasse con gli dei. Le Scritture citavano anche casi di divinità che scendevano sulla terra per assistere ad eventi importanti nella vita del Buddha. Nel buddismo gli dei non sono immortali, sebbene possano vivere molto più a lungo degli esseri terreni. Sono anche soggetti a decadimento, cambiamento e processo di divenire. L'intensità e il modo in cui avvengono questi processi possono tuttavia essere diversi e comportare periodi di tempo più lunghi. Ma come qualsiasi altro essere, sono con un inizio e una fine. Tuttavia, tutti gli esseri celesti sono considerati di status inferiore agli Arhat che hanno raggiunto il Nirvana. Anche gli dei erano originari dei mondi inferiori, ma lentamente e gradualmente si sono laureati in mondi superiori in virtù delle loro azioni passate e della coltivazione di qualità virtuose. Poiché ci sono molti cieli e mondi superiori di Brahma, questi dei possono evolversi progressivamente da un paradiso all'altro attraverso i loro meriti o discendere nei mondi inferiori a causa di qualche sfortuna o giusta intenzione. Gli dei del buddismo non sono quindi immortali. Né la loro posizione nei cieli è permanente. Possono tuttavia vivere per periodi di tempo più lunghi. Uno dei Sutra buddisti afferma che cento anni della nostra esistenza sono pari a un giorno e una notte nel mondo dei trentatre dei. Trenta giorni simili si sommano al loro mese. Dodici mesi del genere diventano il loro un anno, mentre vivono per un migliaio di tali anni.

Inferno

Diverso come le altre religioni, ci sono molte credenze sull'inferno nel buddismo. La maggior parte delle scuole di pensiero, Theravāda, Mahāyāna e Vajrayāna riconoscono diversi inferni, che sono luoghi di grande sofferenza per coloro che commettono azioni malvagie, come inferni freddi e inferni caldi. Come tutti i diversi regni dell'esistenza ciclica, un'esistenza all'Inferno è temporanea per i suoi abitanti. Quelli con karma sufficientemente negativo rinascono lì, dove rimangono fino a quando il loro specifico karma negativo è stato esaurito, a quel punto rinascono in un altro regno, come quello degli umani, dei fantasmi affamati, degli animali, degli asura, dei deva o di Naraka (Inferno) tutto secondo il karma dell'individuo. Ci sono un certo numero di buddisti moderni, specialmente tra le scuole occidentali, che credono che l'inferno non sia che uno stato d'animo. In un certo senso, una brutta giornata al lavoro potrebbe essere l'inferno, e una grande giornata al lavoro potrebbe essere il paradiso. Ciò è stato sostenuto da alcuni studiosi moderni che sostengono l'interpretazione di tali porzioni metafisiche delle Scritture simbolicamente piuttosto che letteralmente.

giudaismo

Paradiso

Mentre il concetto di paradiso (malkuth hashamaim מלכות השמים— Il regno dei cieli) è ben definito all'interno delle religioni cristiana e islamica, il concetto ebraico dell'aldilà, a volte noto come "olam haba", il mondo a venire, sembra avere è stato conteso tra varie prime sette come i Sadducei e quindi non è mai partito in modo sistematico o ufficiale come è stato fatto nel cristianesimo e nell'islam. Gli scritti ebraici si riferiscono a una "nuova terra" come la dimora dell'umanità in seguito alla risurrezione dei morti. Il giudaismo, tuttavia, crede nel cielo, non come una dimora futura per "anime buone", ma come "luogo" in cui Dio "risiede". Il misticismo ebraico riconosce sette cieli. In ordine dal più basso al più alto, i sette Cieli sono elencati accanto agli angeli che li governano e ogni ulteriore informazione:

  1. Shamayim: Il primo Paradiso, governato dall'Arcangelo Gabriele, è il più vicino dei regni celesti alla Terra; è anche considerata la dimora di Adamo ed Eva.
  2. Raquia: Il secondo paradiso è doppio controllo di Zachariel e Raffaello. Fu in questo Paradiso che Mosè, durante la sua visita in Paradiso, incontrò l'angelo Nuriel che si ergeva "alto 300 parasang, con un seguito di 50 miriadi di angeli tutti formati da acqua e fuoco". Inoltre, Raquia è considerato il regno in cui gli angeli caduti sono imprigionati e i pianeti fissati.
  3. Shehaqim: Il terzo cielo, sotto la guida di Anahel, funge da casa del Giardino dell'Eden e l'Albero della Vita; è anche il regno in cui viene prodotta la manna, il cibo santo degli angeli. Il Secondo libro di Enoch, nel frattempo, afferma che sia il Paradiso che l'Inferno sono ospitati a Shehaqim con l'inferno situato semplicemente "sul lato nord".
  4. Machonon: Il quarto cielo è governato dall'arcangelo Michele e, secondo Talmud Hagiga, contiene la celeste Gerusalemme, il tempio e l'altare.
  5. Machon: Il quinto Paradiso è sotto l'amministrazione di Samael, un angelo definito da alcuni malvagio, ma che per altri è semplicemente un oscuro servitore di Dio.
  6. Zebul: il sesto cielo rientra nella giurisdizione di Zachiel.
  7. Araboth: Il settimo cielo, sotto la guida di Cassiel, è il più santo dei sette Cieli, a condizione che alberga il Trono di Gloria frequentato dai Sette Arcangeli e funge da regno in cui dimora Dio; sotto il trono stesso si trova la dimora di tutte le anime umane non ancora nate. È anche considerata la casa dei Serafini, dei Cherubini e degli Hayyoth.

Inferno

Il giudaismo non ha una dottrina specifica sull'aldilà, ma ha una tradizione nel descrivere la Geenna. La gehenna non è l'inferno, ma piuttosto una specie di purgatorio in cui si è giudicati in base alle azioni della propria vita. La Kabbalah la descrive come una "sala d'attesa" (comunemente tradotta come "via di accesso") per tutte le anime (non solo per i malvagi). La stragrande maggioranza del pensiero rabbinico sostiene che le persone non sono nella Geenna per sempre; si dice che il più lungo che si possa essere lì sia di 11 mesi, tuttavia si è verificata un'eccezione occasionale. Alcuni lo considerano una fucina spirituale in cui l'anima viene purificata per la sua eventuale ascesa ad Olam Habah (ebr. עולם הבא; lett. "Il mondo a venire", spesso visto come analogo al Cielo). Questo è anche menzionato nella Cabala, dove l'anima è descritta come spezzata, come la fiamma di una candela che accende un'altra: la parte dell'anima che sale è pura e il pezzo "incompiuto" sta rinascendo. Quando uno è così deviato dalla volontà di Dio, si dice che sia in gehinom. Questo non significa riferirsi ad un certo punto nel futuro, ma al momento presente. Si dice che le porte di teshuva (ritorno) siano sempre aperte, e così si può allineare la propria volontà con quella di Dio in qualsiasi momento. Essere in disaccordo con la volontà di Dio è di per sé una punizione secondo la Torà. Inoltre, Subbotniks e l'ebraismo messianico credono nella Geenna, ma i samaritani probabilmente credono nella separazione dei malvagi in un'esistenza oscura, lo Sceol e i giusti in cielo.

Islam

Paradiso

Il concetto di paradiso nell'Islam è simile a quello trovato nel giudaismo e nel cristianesimo. Il Corano contiene molti riferimenti a un'aldilà nell'Eden per coloro che compiono buone azioni. Il cielo stesso è comunemente descritto nel Corano nel versetto 35 della Sura Al-Ra'd: "La parabola del Giardino che i giusti sono promessi! Sotto scorre fiumi. Perpetui sono i suoi frutti e l'ombra in essi. Tale è la fine dei giusti e la fine dei non credenti è il fuoco, in cui una persona dimora per sempre ". Poiché l'Islam rifiuta il concetto di peccato originale, i musulmani credono che tutti gli esseri umani siano nati puri e si rivolgeranno naturalmente a Dio, ma è il loro ambiente e la mancanza di forza di volontà che li influenza a scegliere modi di vita empi. Nell'Islam, quindi, un bambino che muore automaticamente va in paradiso, indipendentemente dalla religione dei suoi genitori. Il livello più alto del cielo è Firdaws (فردوس) - Pardis (پردیس), dove abiteranno i profeti, i martiri e le persone più veritiere e pie.

Inferno

I musulmani credono nel jahannam (in arabo: جهنم) (che deriva dalla parola ebraica gehennim e ricorda le versioni dell'inferno nel cristianesimo). Nel Corano, il libro sacro dell'Islam, ci sono letterali descrizioni dei condannati in un inferno infuocato, in contrasto con il paradiso simile a un giardino (jannah) di cui godono i giusti credenti. Inoltre, Heaven and Hell sono divisi in molti livelli diversi a seconda delle azioni perpetrate nella vita, in cui la punizione viene data in base al livello del male fatto nella vita, e il bene è separato in altri livelli a seconda di quanto uno ha seguito Dio mentre era vivo . C'è un numero uguale di menzioni sia dell'inferno che del paradiso nel Corano, che è considerato dai credenti come uno dei miracoli numerici del Corano. [Citazione necessaria] Il concetto islamico di inferno è simile al cristiano medievale veduta di Dante. [citazione necessaria] Tuttavia, Satana non è visto come il sovrano dell'Inferno, ma solo uno dei suoi sofferenti. La porta dell'inferno è sorvegliata da Maalik noto anche come Zabaaniyah. Il Corano afferma che il carburante di Hellfire sono rocce / pietre (idoli) ed esseri umani. Nomi dell'inferno secondo la tradizione islamica basato sull'Ayah coranica e Hadith:

  1. Jahim
  2. Hutamah
  3. Jahannam
  4. Ladza
  5. Hawiah
  6. Saqor
  7. Sae'er
  8. Sijjin
  9. Zamhareer

Sebbene generalmente l'inferno sia spesso descritto come un luogo caldo e tormentato per i peccatori, esiste una fossa infernale che si caratterizza in modo diverso dall'altro inferno nella tradizione islamica. Zamhareer è visto come l'inferno più freddo e più gelido di tutti, eppure la sua freddezza non è vista come un piacere o un sollievo per i peccatori che hanno commesso crimini contro Dio. Lo stato dell'Inferno di Zamhareer è una sofferenza dell'estrema freddezza delle bufere di neve e ghiaccio che nessuno su questa terra può sopportare. La fossa più bassa di tutti gli inferni esistenti è l'Hawiyah, che è pensata per gli ipocriti e le persone a due facce che hanno affermato di credere in Allah e nel suo messaggero dalla lingua, ma hanno denunciato entrambi nei loro cuori. L'ipocrisia è considerata il peccato più pericoloso di tutti nonostante il fatto che Shirk (alleanza con Dio) sia il più grande peccato visto da Allah. Il Corano dice anche che alcuni di coloro che sono dannati all'inferno non sono dannati per sempre, ma per un periodo di tempo indefinito. In ogni caso, ci sono buone ragioni per credere che la punizione all'inferno non sia destinata a durare per l'eternità, ma serve invece come base per la rettifica spirituale. Anche se nell'Islam, il diavolo, o shaytan, è creato dal fuoco, soffre all'inferno perché Hellfire è 70 volte più caldo del fuoco di questo mondo. Si diceva anche che Shaytan fosse derivato da shata, (letteralmente "bruciato"), perché creato da un fuoco senza fumo.

Articoli Correlati