Futures vs. Opzioni

La principale differenza tra opzioni e futures è che i contratti futures richiedono che la transazione specificata dal contratto debba aver luogo alla data specificata. Le opzioni, d'altra parte, danno al compratore del contratto il diritto - ma non l'obbligo - di eseguire la transazione.

Sia i contratti a termine che quelli a termine sono accordi standardizzati negoziati in una borsa come il NYSE o il NASDAQ o il BSE o il NSE. Le opzioni possono essere esercitate in qualsiasi momento prima della scadenza, mentre un contratto a termine consente la negoziazione dell'attività sottostante alla data specificata nel contratto.

Esiste un regolamento giornaliero sia per le opzioni che per i futures, e per negoziare opzioni o futures è necessario un conto a margine con un broker. Gli investitori utilizzano questi strumenti finanziari per coprire il loro rischio o per speculare (il loro prezzo può essere altamente volatile). Le attività sottostanti per i contratti futures e opzioni possono essere azioni, obbligazioni, valute o materie prime.

Tabella di confronto

Grafico comparativo di future e opzioni
Futures Opzioni
Transazione obbligatoriaSì; l'acquirente e il venditore sono entrambi obbligati a completare la transazione alla data specificata al prezzo stabilito nel contratto.No; l'acquirente ha l'opzione ma non l'obbligo di completare la transazione. Il venditore è obbligato a negoziare se l'acquirente dell'opzione sceglie. Il prezzo al quale avverrà la transazione è fissato nel contratto di opzione.
Data della transazioneLa data specificata nel contrattoIn qualsiasi momento prima della data di scadenza indicata nel contratto
Contratto standardizzato?
Negoziato in borsa?
Liquidazione giornaliera?
Conto margine richiesto?

Cosa sono i futures?

I contratti future sono accordi per negoziare un'attività sottostante in una data futura a un prezzo predeterminato. Sia l'acquirente che il venditore sono obbligati a effettuare transazioni in tale data. I futures sono contratti standardizzati negoziati in una borsa in cui possono essere acquistati e venduti dagli investitori.

Quali sono le opzioni?

Le opzioni sono contratti standardizzati che consentono agli investitori di negoziare un'attività sottostante a un prezzo specificato prima di una determinata data (la data di scadenza delle opzioni). Esistono due tipi di opzioni: call e put options. Le opzioni call danno all'acquirente il diritto (ma non l'obbligo) di acquistare l'attività sottostante a un prezzo predeterminato prima della data di scadenza, mentre un'opzione put dà all'acquirente dell'opzione il diritto di vendere il titolo.

Le opzioni sono opzionali, i futures no

Una delle principali differenze tra opzioni e future è che le opzioni sono esattamente questo, facoltativo. Il contratto di opzione stesso può essere acquistato e venduto in borsa, ma l'acquirente dell'opzione non è mai obbligato a esercitare l'opzione. Il venditore di un'opzione, d'altra parte, è obbligato a completare la transazione se l'acquirente sceglie di esercitare in qualsiasi momento prima della data di scadenza per le opzioni.

Perché vengono utilizzate opzioni e future?

Molte aziende utilizzano opzioni e future per coprire i propri rischi, come il rischio di cambio o il rischio del prezzo delle materie prime, per aiutare a pianificare i propri costi fissi su elementi che spesso cambiano di valore. Ad esempio, gli importatori possono proteggersi dal rischio che la loro valuta nazionale diminuisca di valore acquistando futures su valute che danno loro maggiore certezza nelle loro operazioni e pianificazioni. Allo stesso modo le compagnie aeree possono utilizzare opzioni e futures nel mercato delle materie prime perché le loro attività dipendono fortemente dal prezzo del petrolio. La Southwest Airlines ha notoriamente raccolto i frutti della sua strategia di copertura dei prezzi del petrolio nel 2008, quando il prezzo di un barile di petrolio ha superato i $ 125 perché avevano acquistato contratti futures per acquistare petrolio a $ 52.

I prezzi per le opzioni e i contratti futures sono altamente volatili, molto di più rispetto al prezzo dell'attività sottostante. Quindi gli investitori possono anche usarli per speculare. I broker richiedono conti a margine prima di consentire ai propri clienti di negoziare opzioni o future; spesso richiedono anche che i clienti siano investitori sofisticati prima di abilitare tali conti perché la volatilità e i rischi con le opzioni e la negoziazione a termine sono significativamente più elevati rispetto alla negoziazione dell'attività sottostante, ad esempio azioni o obbligazioni.

Le opzioni possono essere utilizzate per riservare il diritto di acquistare o vendere un articolo a un prezzo predeterminato durante un determinato periodo di tempo. Ad esempio, un investitore immobiliare potrebbe detenere un'opzione per acquistare un immobile durante un periodo di tempo mentre determinano se possono ottenere il finanziamento e le autorizzazioni di cui hanno bisogno. Tali opzioni, sebbene non negoziate in borsa, danno all'acquirente il "diritto di primo rifiuto" quando qualcuno fa un'offerta su una proprietà.

Terminologia Opzioni e Futures importanti

Sia per le opzioni che per i future, ci sono alcuni termini che è importante conoscere. Nel mondo delle opzioni, i termini "put" e "call" sono fondamentali per il business. Un "put" è la capacità di vendere un determinato bene a un determinato prezzo. Una "chiamata" è la possibilità di acquistare un articolo a un prezzo pre-negoziato. Il prezzo stesso è chiamato "prezzo d'esercizio" o "prezzo d'esercizio". Inoltre, le opzioni di solito hanno una "data di scadenza". Questa data è la data entro la quale l'opzione dovrebbe essere messa in atto, altrimenti l'opzione diventerà nulla.

Anche i futures hanno una loro terminologia. Il "prezzo di esercizio" o "prezzo a termine" è il prezzo dell'articolo che verrà pagato in futuro. L'acquisto di un articolo in futuro significa che l'acquirente è andato "a lungo". La persona che vende il contratto a termine si chiama "short".

Cosa può essere opzionale?

Ci sono molti elementi che possono essere opzionati. Le opzioni possono essere esercitate su un'ampia varietà di azioni, obbligazioni, immobili, attività commerciali, valute e persino materie prime. Utilizzate di frequente nel mondo degli investimenti, le opzioni possono essere utilizzate anche da società private e privati ​​come modo per detenere il diritto di acquistare o vendere qualcosa di valore. Le opzioni non garantiscono una vendita; forniscono solo il diritto ad esso.

Quali attività possono essere coperte con un contratto future?

I future coprono una miriade di oggetti. I futures possono essere scambiati con valuta, azioni, tassi di interesse e altri veicoli finanziari, nonché materie prime come petrolio greggio, grano e bestiame. A differenza delle opzioni, un contratto a termine è vincolante e il contratto deve essere rispettato secondo i termini dell'accordo.

Popolarità nel settore finanziario

I futures e le opzioni sono una parte significativa del settore del trading finanziario e sono pressoché ugualmente popolari, con opzioni che presentano un leggero vantaggio in termini di volume. Secondo FuturesIndustry.org, nella prima metà del 2012 sono stati scambiati 5, 46 milioni di contratti futures e 5, 66 milioni di contratti di opzione. [1]

Articoli Correlati