Politica fiscale contro politica monetaria

Si dice che i responsabili delle politiche economiche abbiano due tipi di strumenti per influenzare l'economia di un paese: fiscale e monetario .

La politica fiscale si riferisce alla spesa pubblica e alla riscossione delle entrate. Ad esempio, quando la domanda è bassa nell'economia, il governo può intervenire e aumentare le sue spese per stimolare la domanda. Oppure può abbassare le tasse per aumentare il reddito disponibile per le persone e le società.

La politica monetaria si riferisce all'offerta di moneta, che è controllata tramite fattori quali tassi di interesse e requisiti di riserva (CRR) per le banche. Ad esempio, per controllare l'inflazione elevata, i responsabili politici (di solito una banca centrale indipendente) possono alzare i tassi di interesse riducendo così l'offerta di moneta.

Questi metodi sono applicabili in un'economia di mercato, ma non in un'economia fascista, comunista o socialista. John Maynard Keynes fu un sostenitore chiave dell'azione o dell'intervento del governo usando questi strumenti politici per stimolare un'economia durante una recessione.

Tabella di confronto

Politica fiscale contro grafico comparativo di politica monetaria
Politica fiscale Politica monetaria
DefinizioneLa politica fiscale è l'uso della spesa pubblica e la riscossione delle entrate per influenzare l'economia.La politica monetaria è il processo attraverso il quale l'autorità monetaria di un paese controlla l'offerta di moneta, spesso mirando a un tasso di interesse per raggiungere una serie di obiettivi orientati alla crescita e alla stabilità dell'economia.
PrincipioManipolare il livello della domanda aggregata nell'economia per raggiungere obiettivi economici di stabilità dei prezzi, piena occupazione e crescita economica.Manipolare l'offerta di moneta per influenzare risultati come crescita economica, inflazione, tassi di cambio con altre valute e disoccupazione.
Policy-makerGoverno (ad es. Congresso USA, Segretario del Tesoro)Banca centrale (ad es. Federal Reserve statunitense o Banca centrale europea)
Strumenti politiciLe tasse; importo della spesa pubblicaTassi di interesse; requisiti di riserva; piolo di valuta; finestra di sconto; facilitazione per quantità; operazioni di mercato aperto; segnalazione

Strumenti politici

Sia la politica fiscale che quella monetaria possono essere espansive o contrazionali . Le misure politiche adottate per aumentare il PIL e la crescita economica sono chiamate espansive. Le misure prese per frenare in un'economia "surriscaldata" (di solito quando l'inflazione è troppo elevata) sono chiamate misure contrazionali.

Politica fiscale

I rami legislativo ed esecutivo della politica fiscale di controllo del governo. Negli Stati Uniti, questa è l'amministrazione del Presidente (principalmente il Segretario del Tesoro) e il Congresso che approva le leggi.

I responsabili politici utilizzano strumenti fiscali per manipolare la domanda nell'economia. Per esempio:

  • Tasse : se la domanda è bassa, il governo può ridurre le tasse. Ciò aumenta il reddito disponibile, stimolando così la domanda.
  • Spesa : se l'inflazione è elevata, il governo può ridurre le proprie spese, eliminando così la concorrenza per le risorse sul mercato (sia beni che servizi). Questa è una politica contrazionale che abbasserebbe i prezzi. Al contrario, quando c'è una recessione e la domanda aggregata è in calo, l'aumento della spesa pubblica in progetti infrastrutturali porterebbe a una maggiore domanda e occupazione.

Entrambi gli strumenti influenzano la posizione fiscale del governo, vale a dire che il deficit di bilancio aumenta se il governo aumenta la spesa o riduce le tasse. Questo deficit è finanziato dal debito; il governo prende in prestito denaro per coprire il deficit del suo bilancio.

Politica fiscale prociclica e anticiclica

In un articolo per VOX sul taglio delle tasse contro il dibattito sugli stimoli, Jeffrey Frankel, professore di economia dell'Università di Harvard, ha affermato che una politica fiscale ragionevole è anticiclica.

Quando un'economia è in un boom, il governo dovrebbe correre un avanzo; altre volte, durante la recessione, dovrebbe presentare un deficit. [Non c'è] alcun motivo per seguire una politica fiscale prociclica. Una politica fiscale prociclica si accumula sulla spesa e sui tagli delle tasse oltre ai boom, ma riduce la spesa e aumenta le tasse in risposta alle flessioni. Insufficienza di bilancio durante l'espansione; austerità nelle recessioni. La politica fiscale prociclica è destabilizzante, perché aggrava i pericoli di surriscaldamento, inflazione e bolle di attività durante i boom e aggrava le perdite di produzione e occupazione durante le recessioni. In altre parole, una politica fiscale prociclica aumenta la gravità del ciclo economico.

Politica monetaria

La politica monetaria è controllata dalla Banca centrale. Negli Stati Uniti, questa è la Federal Reserve. Il presidente della Fed è nominato dal governo e c'è un comitato di supervisione al Congresso per la Fed. Ma l'organizzazione è ampiamente indipendente ed è libera di prendere qualsiasi misura per soddisfare il suo duplice mandato: prezzi stabili e bassa disoccupazione.

Esempi di strumenti di politica monetaria includono:

  • Tassi di interesse : il tasso di interesse è il costo del prestito o, essenzialmente, il prezzo del denaro. Manipolando i tassi di interesse, la banca centrale può rendere più semplice o più difficile prendere in prestito denaro. Quando il denaro costa poco, c'è più indebitamento e più attività economica. Ad esempio, le aziende ritengono che i progetti che non sono sostenibili se devono prendere in prestito denaro al 5% sono realizzabili quando il tasso è solo del 2%. Tassi più bassi disincentivano anche il risparmio e inducono le persone a spendere i loro soldi piuttosto che a salvarli perché ottengono così poco ritorno sui loro risparmi.
  • Requisito di riserva : le banche sono tenute a detenere una certa percentuale (coefficiente di riserva in contanti o CRR) dei loro depositi in riserva al fine di garantire che abbiano sempre abbastanza liquidità per soddisfare le richieste di prelievo dei loro depositanti. È probabile che non tutti i depositanti ritirino simultaneamente i loro soldi. Pertanto, il CRR è di solito intorno al 10%, il che significa che le banche sono libere di prestare il restante 90%. Modificando il requisito di CRR per le banche, la Fed può controllare la quantità di prestiti nell'economia, e quindi l'offerta di moneta.
  • Piolo valutario : le economie deboli possono decidere di riporre la propria valuta contro una valuta più forte. Questo strumento viene solitamente utilizzato in caso di inflazione in fuga quando altri mezzi per controllarlo non funzionano.
  • Operazioni di mercato aperto : la Fed può creare denaro dal nulla e iniettarlo nell'economia acquistando titoli di Stato (ad esempio titoli del tesoro). Ciò aumenta il livello del debito pubblico, aumenta l'offerta di moneta e svaluta la valuta causando l'inflazione. Tuttavia, l'inflazione risultante supporta i prezzi delle attività come immobili e azioni.

Video che confrontano la politica fiscale e monetaria

Per una panoramica generale, guarda questo video di Khan Academy.

Per conoscere i diversi strumenti di politica monetaria e fiscale, guarda il video qui sotto.

Per una discussione tecnica più approfondita guarda questo video, che spiega gli effetti delle misure di politica fiscale e monetaria utilizzando il modello IS / LM.

Responsabilità

La politica fiscale è gestita dal governo, sia a livello statale che federale. La politica monetaria è il dominio della banca centrale. In molti paesi occidentali sviluppati - compresi Stati Uniti e Regno Unito - le banche centrali sono indipendenti (anche se con una certa supervisione) dal governo.

Nel settembre 2016, The Economist ha sollevato la questione di spostare la dipendenza dalla politica monetaria a quella fiscale, dato il contesto di bassi tassi di interesse nei paesi sviluppati:

Per vivere in sicurezza in un mondo a basso tasso, è tempo di andare oltre la dipendenza dalle banche centrali. Le riforme strutturali per aumentare i tassi di crescita sottostanti svolgono un ruolo vitale. Ma i loro effetti si materializzano solo lentamente e le economie hanno bisogno di soccorsi ora. La priorità più urgente è quella di arruolare la politica fiscale. Lo strumento principale per combattere le recessioni deve passare dalle banche centrali ai governi. A chiunque si ricordi degli anni '60 e '70, quell'idea sembrerà sia familiare che preoccupante. Allora i governi davano per scontato che era loro responsabilità soddisfare la domanda. Il problema era che i politici erano bravi a tagliare le tasse e ad aumentare le spese per rilanciare l'economia, ma senza speranza a invertire la rotta quando una tale spinta non era più necessaria. Lo stimolo fiscale divenne sinonimo di uno stato sempre più grande. Oggi il compito è trovare una forma di politica fiscale in grado di rilanciare l'economia nei momenti difficili senza radicare il governo nel bene.

Critica

Gli economisti libertari credono che l'azione del governo porti a risultati inefficienti per l'economia perché il governo finisce per raccogliere vincitori e vinti, sia intenzionalmente che per conseguenze non intenzionali. Ad esempio, dopo gli attacchi dell'11 settembre, la Federal Reserve ha tagliato i tassi di interesse e li ha mantenuti artificialmente bassi per troppo tempo. Ciò ha portato alla bolla immobiliare e alla successiva crisi finanziaria nel 2008.

Gli economisti e i politici raramente concordano sui migliori strumenti politici anche se concordano sul risultato desiderato. Ad esempio, dopo la recessione del 2008, repubblicani e democratici al Congresso avevano diverse prescrizioni per stimolare l'economia. I repubblicani volevano abbassare le tasse ma non aumentare la spesa pubblica mentre i democratici volevano usare entrambe le misure politiche.

Come notato nel precedente estratto, una critica alla politica fiscale è che i politici hanno difficoltà a invertire la rotta quando le misure politiche, ad esempio tasse più basse o spese più elevate, non sono più necessarie per l'economia. Questo può portare a uno stato sempre più grande.

Articoli Correlati