Uguaglianza vs. Equità

Nel contesto dei sistemi sociali, l' uguaglianza e l' equità si riferiscono a concetti simili ma leggermente diversi. L'uguaglianza generalmente si riferisce alle pari opportunità e agli stessi livelli di sostegno per tutti i segmenti della società. L'equità fa un ulteriore passo avanti e si riferisce offrendo diversi livelli di supporto a seconda della necessità di ottenere una maggiore equità dei risultati.

Tabella di confronto

Uguaglianza contro grafico comparativo delle azioni
Uguaglianza Equità
SensoL'uguaglianza è l'effetto di trattare ciascuno come senza differenza; ogni individuo è considerato senza il conteggio dei propri attributi misurabili; trattato come lo stesso di quelli con attributi diversiL'equità si riferisce all'equità e all'uguaglianza nei risultati, non solo nei supporti e nelle opportunità.
EsempioSussidi governativi a benzina o alimentari. Il sussidio è disponibile per tutte le persone, sia ricche che povere.Politiche di azione affermativa (alias "riserva" e "quote" per alcune fasce emarginate della società); le decisioni delle aziende di cercare consapevolmente un regista femminile per il loro consiglio di amministrazione composto da tutti gli uomini.

Esempi

Ecco alcuni elementi visivi che illustrano la differenza tra uguaglianza ed equità.

Un'immagine che illustra i concetti di uguaglianza, equità e giustizia. Per gentile concessione di Courtesy Advancing Equity and Inclusion: A Guide for Municipal, di City for All Women Initiative (CAWI), Ottawa

Una versione del quadro sull'uguaglianza contro l'equità che evidenzia l'importanza dell'inclusione delle persone con disabilità. Immagine gentilmente concessa da Maryam Abdul-Kareem.

Il caso dell'equità

La logica delle politiche che promuovono l'equità è che i vantaggi della classe economica e sociale tendono ad accumularsi e perpetuarsi. È ampiamente noto - e confermato da uno studio di ricerca dopo uno studio di ricerca - che le prestazioni dei bambini a scuola e su test standardizzati sono fortemente correlate al reddito familiare e all'educazione materna.

In un mondo strettamente "uguale" che non tiene conto di tali tendenze storiche, tutti i segmenti della popolazione sarebbero trattati allo stesso modo. E i bambini provenienti da famiglie ad alto reddito si esibiranno meglio a scuola e conseguentemente avranno migliori opportunità di college e lavoro, superando infine le loro controparti da famiglie più povere.

Nel tempo, tale divergenza nei risultati continuerà e si allargherà. In effetti, uno studio del National Bureau of Economic Research ha riscontrato un sostanziale "effetto nonno" nella mobilità economica intergenerazionale.

Grafico che mostra la mobilità economica intergenerazionale in varie condizioni sviluppate (un numero inferiore significa una maggiore mobilità economica). Gli Stati Uniti avevano circa 1/3 del rapporto tra mobilità economica della Danimarca e meno della metà di quella di Canada, Finlandia e Norvegia. Solo il Regno Unito ha una mobilità economica inferiore rispetto agli Stati Uniti

Azione affermativa

Un esempio di lotta per l'equità e non semplicemente per l'uguaglianza è l'azione affermativa. L'azione affermativa è la politica di favorire esplicitamente coloro che tendono a soffrire di discriminazione, specialmente in relazione al lavoro o all'istruzione; è un tipo di discriminazione positiva che mira a contrastare gli effetti della tradizionale discriminazione negativa che un segmento della popolazione tende a soffrire.

Ad esempio, le università potrebbero avere una politica di azione affermativa secondo cui accetteranno un certo numero minimo di studenti provenienti da contesti socioeconomici svantaggiati. Le università pubbliche e le agenzie governative in India hanno una politica di azione affermativa che mette da parte un certo numero di "seggi" in college o posti di lavoro per persone appartenenti a classi sociali storicamente soggiogate.

Queste politiche violano il principio di uguaglianza. Se la politica tratta allo stesso modo tutti i candidati (studenti o persone in cerca di lavoro), la suddetta perpetuazione di vantaggi economici continuerà.

Le tasse

Un altro modo in cui i governi cercano di progettare l'uguaglianza e l'equità è attraverso le tasse. Un sistema fiscale progressivo riscuote tasse più elevate su fasce di reddito più elevate. Ad esempio, i primi circa $ 10.000 di reddito sono tassati al 10%, i redditi tra $ 10.000 a $ 38.000 tassati al 12%, $ 38.000 a $ 84.000 al 24% e così via fino a quando il reddito superiore a $ 500.000 è tassato al 37%, con aliquote fiscali comprese tra fasce di reddito tra tali cifre. Una tassa sul reddito forfettaria del 20% sarebbe uguale, ma non equa, perché quelli con redditi più alti presumibilmente hanno una maggiore capacità di pagamento. Quindi un sistema fiscale progressivo è considerato più equo .

Un esempio di uguaglianza ma nessuna equità nel sistema fiscale sono le imposte sulle vendite. L'imposta sulle vendite di un prodotto è la stessa, indipendentemente da chi lo sta acquistando. Mentre le imposte sul reddito sono applicate dal governo federale (e da alcuni governi statali), le imposte sulle vendite sono applicate solo dai governi statali e locali. Un modo in cui i governi statali cercano di rendere il sistema fiscale delle vendite più equo è mantenendo basse aliquote fiscali sugli elementi essenziali. Ad esempio, nello stato di Washington, non vi è alcuna imposta sulle vendite di generi alimentari. La logica è che cibo e prodotti lattiero-caseari sono essenziali per tutte le persone, quindi imporre una tassa su di loro sarà più tassativo (nessun gioco di parole inteso) per i poveri, che devono spendere più del loro reddito discrezionale per queste necessità.

Americans with Disabilities Act

Nel 1990 il Congresso approvò il punto di riferimento Americans with Disabilities Act (ADA); la legge affrontava la questione dell'uguaglianza per le persone con disabilità. Innanzitutto, la legge proibisce la discriminazione basata sulla disabilità, garantendo che le persone con disabilità non vengano trattate ingiustamente. Questo promuove l'uguaglianza.

Ma la legge va oltre; richiede ai datori di lavoro coperti di fornire alloggi ragionevoli ai dipendenti con disabilità e impone requisiti di accessibilità agli alloggi pubblici. Quando fornisci alloggi ragionevoli, permetti alle persone con disabilità di partecipare pienamente alla società. Ad esempio, le rampe del marciapiede consentono alle persone con disabilità fisiche e visive di navigare autonomamente nei loro quartieri.

Tali sistemazioni sono talvolta criticate dai gruppi di imprese perché a volte possono aumentare i costi di costruzione di un edificio, una sede o uno spazio pubblico. Tuttavia, senza tali misure sarebbe estremamente difficile, se non impossibile, per le persone con determinate disabilità impegnarsi in modo significativo nella società. Ciò ridurrebbe la parità di accesso e sarebbe iniquo.

Politiche a favore delle donne

Un altro esempio di equità sono le politiche a favore delle donne sul posto di lavoro. Gli studi hanno dimostrato che la crescita della carriera di molte donne si blocca quando si prendono una pausa dal lavoro dopo il parto. Alcune donne si dimettono quando diventano madri e quindi trovano molto difficile rientrare nella forza lavoro qualche anno dopo. Anche le donne che prendono un prolungato congedo di maternità dal loro lavoro scoprono che i loro coetanei vengono promossi su di loro.

Alla luce di tali ostacoli strutturali che le donne devono affrontare, è necessario creare politiche favorevoli alle donne per una maggiore equità sul posto di lavoro. Molti uffici offrono sale per l'allattamento per le madri che allattano. Molte aziende offrono ai loro dipendenti un prolungato congedo di maternità (e paternità). Molte nazioni richiedono un congedo di maternità retribuito, alcune per oltre 6 mesi. In effetti, gli Stati Uniti sono tra le sole 4 nazioni del mondo senza un congedo di maternità retribuito obbligatorio. [1]

Articoli Correlati