Epidemia contro Pandemia

Epidemia e pandemia sono usate per descrivere focolai diffusi di una malattia, ma ci sono sottili differenze tra le due parole.

Tabella di confronto

Grafico comparativo tra epidemia e pandemia
Epidemico Pandemia
DefinizioneUn'epidemia si verifica quando il tasso di incidenza (cioè nuovi casi in una determinata popolazione umana, durante un determinato periodo) di una certa malattia supera sostanzialmente ciò che è "previsto", in base all'esperienza recente.Una pandemia è un'epidemia di una malattia infettiva che si diffonde attraverso le popolazioni umane in una vasta regione, come un continente.
ConfrontoFocolaio di malattia concentrato in una particolare regione.Focolaio di malattia che si verifica su una vasta area geografica e colpisce una percentuale molto elevata della popolazione.

definizioni

Un'epidemia (dalle epoche greche + persone demos ) è una classificazione di una malattia che appare come nuovi casi in una data popolazione umana, durante un determinato periodo, ad un tasso che supera sostanzialmente ciò che è "previsto", in base all'esperienza recente (il numero di nuovi casi nella popolazione durante un determinato periodo di tempo è chiamato "tasso di incidenza").

Una pandemia (dal greco πᾶν (pan, "all") + + δῆμος (dēmos, "the people") è un'epidemia che si diffonde in una grande regione (ad esempio un continente), o persino in tutto il mondo.

Differenze tra un'epidemia e una pandemia

In poche parole, quando un'epidemia sfugge di mano, si chiama pandemia. Questo ha 2 sfumature:

  • Diffusione geografica
    • Un'epidemia che non è localizzata in una città o in una piccola regione ma abbraccia un'area geografica più ampia può essere chiamata pandemia.
  • Tasso di incidenza
    • Un'epidemia può essere localizzata in una piccola regione, ma il numero di persone colpite può essere molto, molto grande rispetto a ciò che è "previsto". In questo caso, può essere definita una pandemia anche se la sua diffusione geografica non è molto grande. Ad esempio, supponiamo che una malattia abbia un tasso di infezione "previsto" del 15%. Quando il 40% della popolazione di uno stato è infetto, abbiamo un'epidemia tra le mani. Quando il 75% della popolazione è infetta, ha raggiunto proporzioni pandemiche .

Video che spiega le differenze

In questo video, il Dr. Kenneth Alexander, capo delle malattie infettive pediatriche presso il Medical Center dell'Università di Chicago, spiega le differenze tra un focolaio, un'epidemia e una pandemia e risponde alle domande sull'epidemia di influenza suina.

Pandemia influenzale

Gli esperti avvertono che una nuova pandemia di influenza potrebbe uccidere 20 milioni di persone in tutto il mondo. [1] Ci sono state più pandemie influenzali nel 20 ° secolo. Si stima che la pandemia di influenza spagnola del 1918 abbia causato 50 milioni di morti, con un tasso di malattia che va dal 20% al 40% della popolazione mondiale. La pandemia di influenza asiatica del 1958-1959 causò la morte di circa 2 milioni di persone e si stima che l'influenza di Hong Kong del 1968-1969 abbia causato circa 1 milione di morti.

L'unica mitigazione efficace contro una pandemia è un vaccino. I progressi scientifici hanno notevolmente ridotto il tempo necessario per sviluppare un nuovo vaccino. Tuttavia, è ancora stimato in circa 30 settimane. Gli esperti ritengono che abbreviare questo a 6 settimane sia l'unico modo per frenare la diffusione di una pandemia.

Articoli Correlati