Voto elettorale vs. voto popolare

Nelle elezioni presidenziali, il voto popolare significa semplicemente un aggregato di tutti gli elettori di tutti gli stati in America. Si dice che il candidato che ottiene il maggior numero di voti a livello nazionale abbia vinto il voto popolare. Ma il vincitore del voto popolare potrebbe finire per perdere le elezioni, come ha fatto Al Gore nel 2000 e Hillary Clinton nel 2016. Nelle elezioni presidenziali del 2012, Mitt Romney ha vinto il 48% dei voti popolari ma solo il 38% dei voti elettorali.

Questo perché sebbene gli americani votino direttamente per il candidato prescelto nelle elezioni presidenziali ogni 4 anni, il presidente viene eletto dall'istituzione chiamata Collegio elettorale. Questo articolo spiega la differenza tra il voto elettorale e il voto popolare, ovvero come funziona il sistema del collegio elettorale.

Tabella di confronto

Voto elettorale contro grafico comparativo di voto popolare
Voto elettorale Voto popolare
Struttura politicaRepubblica rappresentativaDemocrazia diretta
Progressione del votoIl cittadino vota per delegato o rappresentante, generalmente in conformità con le loro alleanze / appartenenza al partito. I delegati si riuniscono e votano. Il vincitore di quel voto è eletto per la posizione in questione.I cittadini votano per la scelta del funzionario per la posizione eletta. I voti vengono contati. La maggioranza dei voti è eletta in quella posizione.
BurocraziaRichiede la formazione di una qualche forma di comitato, collegio o consiglio per votare dopo che sono stati eletti. Potrebbe anche avere organizzazioni di supervisione del governo.Non richiede formazione di tali gruppi, né l'elezione di tali gruppi. Potrebbe anche avere organizzazioni di supervisione del governo.
Istituzione di distretti elettoraliI delegati regionali obbligatori corrono per determinate sedi dei delegati del distretto tramite il loro partito o individualmente.Non richiesto.
ManipolazionePresente e creato a seguito dei distretti di voto.Non creato a causa della mancanza di necessità per i distretti di voto.
Vantaggi del partitoFavorisce i partiti della maggioranza, in quanto possono concentrare le risorse, cambiare la burocrazia, stabilire e presidiare i distretti di voto.Non favorisce in particolare le dimensioni di un partito, anche se migliora notevolmente il potenziale per i partiti di minoranza, ad esempio un terzo partito politico negli Stati Uniti
Storia modernaNon consente alle aree più popolate (ad esempio, CA o NY) di trarre vantaggio dal fatto di poter votare sempre per il candidato, rappresentando in tal modo le altre aree rurali della nazione.Più difficile da realizzare oltre i gruppi geograficamente vicini prima del trasporto e della comunicazione moderni. Questi ostacoli non sono più in atto per le nazioni sviluppate.

Il collegio elettorale

Ci sono 538 elettori totali nel collegio elettorale, che sono scelti da ogni stato degli Stati Uniti e dal distretto di Columbia (ma non da altri territori come Puerto Rico). Il numero di elettori per uno stato si basa sull'appartenenza al voto di quello stato al Congresso, vale a dire il numero di rappresentanti alla Camera più il numero di senatori. Ci sono un totale di 435 rappresentanti e 100 senatori al Congresso; così insieme a 3 elettori del Distretto di Columbia che portano il numero totale di elettori a 538. Un candidato alla presidenza ha bisogno di 270 (poco più del 50%) dei voti elettorali per vincere.

Ecco un elenco del numero di voti elettorali per ogni stato:

StatoVoti elettorali
Alabama9
Alaska3
Arizona11
Arkansas6
California55
Colorado9
Connecticut7
Delaware3
Washington DC3
Florida29
Georgia16
Hawaii4
Idaho4
Illinois20
Indiana11
Iowa6
Kansas6
Kentucky8
Louisiana8
Maine4
Maryland10
Massachusetts11
Michigan16
Minnesota10
Mississippi6
Missouri10
Montana3
Nebraska5
Nevada6
New Hampshire4
New Jersey14
Nuovo Messico5
New York29
Carolina del Nord15
Nord Dakota3
Ohio18
Oklahoma7
Oregon7
Pennsylvania20
Rhode Island4
Carolina del Sud9
Sud Dakota3
Tennessee11
Texas38
Utah6
Vermont3
Virginia13
Washington12
Virginia dell'ovest5
Wisconsin10
Wyoming3

Come vengono assegnati i voti elettorali

In tutti gli stati ad eccezione del Nebraska e del Maine, gli elettori vengono premiati in base al vincitore. Ciò significa che tutti gli elettori / delegati in uno stato vengono assegnati al vincitore del voto popolare in quello stato. Quindi in un'elezione molto contestata come il 2000 (Bush contro Gore), quando George Bush vinse la Florida con una divisione del 50-50% circa del voto popolare in quello stato, vinse tutti i 27 voti elettorali per la Florida.

Maine e Nebraska usano un metodo leggermente diverso per allocare i voti elettorali. Nel "Metodo del distretto congressuale", un elettore all'interno di ciascun distretto congressuale è selezionato con voto popolare in quel distretto. I restanti due elettori (che rappresentano i 2 seggi del Senato USA) sono selezionati dal voto popolare in tutto lo stato. Questo metodo è stato utilizzato in Nebraska dal 1996 e in Maine dal 1972.

Svantaggi del collegio elettorale

I critici del sistema che utilizza il voto elettorale per scegliere un presidente sostengono che il sistema è ingiusto. Dicono che il sistema non è democratico perché il numero dei voti elettorali non è direttamente proporzionale alla popolazione dello stato. Ciò conferisce agli Stati più piccoli un'influenza sproporzionata nelle elezioni presidenziali. Ad esempio, le Hawaii hanno una popolazione di soli 1, 36 milioni ma hanno 4 voti elettorali mentre l'Oregon ha una popolazione 3 volte più grande (3, 8 milioni) ma solo 7 voti elettorali. Se il potere di un singolo voto fosse calcolato in termini di numero di persone per voto elettorale, perderebbero stati come New York (519.000 persone per voto elettorale) e California (508.000 persone per voto elettorale). I vincitori sarebbero stati come il Wyoming (143.000 persone per voto elettorale) e il Nord Dakota (174.000 persone per voto elettorale). [1]

Un'altra critica è che il sistema di voto elettorale non penalizza uno stato per scarsa affluenza alle urne o per la privazione del diritto di voto dei suoi cittadini (come criminali condannati o, storicamente, schiavi e donne). Lo stato ottiene lo stesso numero di voti indipendentemente dal fatto che l'affluenza alle urne sia 40% o 60%. Con un voto popolare, gli stati con maggiore affluenza aumenteranno direttamente la loro influenza sull'esito della corsa presidenziale.

Ancora un'altra critica è che scoraggia gli elettori negli stati in cui un partito detiene una maggioranza sostanziale, cioè repubblicani in stati tipicamente blu come la California o democratici in stati rossi come il Texas. Poiché i voti elettorali vengono assegnati in base al principio del vincitore, anche una significativa minoranza dei voti contrarian non avrà alcun impatto sul risultato delle elezioni. D'altra parte, se si dovesse usare un voto popolare, ogni singolo voto avrebbe un impatto.

Vantaggi del voto elettorale rispetto a un voto popolare

I sostenitori dell'utilizzo del voto elettorale sostengono che protegge i diritti degli stati più piccoli ed è una pietra angolare del federalismo americano. Gli stati possono progettare il proprio meccanismo - senza il coinvolgimento federale - per scegliere i propri elettori.

Un altro vantaggio è che l'impatto di eventuali problemi a livello statale, come la frode, è localizzato. Nessun partito politico può commettere frodi su larga scala in qualsiasi stato per influenzare drammaticamente le elezioni.

Va notato che il Collegio elettorale segue semplicemente l'influenza dello stato nel Congresso, che promuove leggi e agisce come un meccanismo intrinseco di controllo e bilanciamento per l'amministrazione del presidente. Vale a dire che la rappresentanza per vari stati al Congresso non è direttamente proporzionale alla loro popolazione.

Diversi vincitori del voto elettorale e popolare

La più grande critica al sistema elettorale di voto è che è possibile per un candidato presidenziale vincere il voto popolare e perdere il voto elettorale. Cioè, più americani hanno votato per il candidato ma lui o lei ha ancora perso. Mentre questo è raro, è successo 4 volte:

  • George Bush (vincitore del voto elettorale) contro Al Gore nel 2000: Al Gore ha vinto il voto popolare con 543.816 voti
  • Benjamin Harrison (vincitore del voto elettorale) contro Grover Cleveland nel 1888
  • Rutherford B. Hayes (vincitore) contro Samuel J. Tilden nel 1876: Tiden vinse il voto popolare con 264.292 voti
  • John Quincy Adams vinse il voto elettorale nel 1824 ma perse il voto popolare contro Andrew Jackson con 44.804 voti nel 1824

Supporto popolare per il collegio elettorale

Un sondaggio Gallup nel gennaio 2013 ha scoperto che la stragrande maggioranza degli americani preferirebbe rinunciare al collegio elettorale per le elezioni presidenziali.

Risultati di un sondaggio Gallup che indica un forte sostegno all'abolizione del sistema elettorale del college per l'elezione di un presidente.

Implicazioni di un'elezione popolare di voto

Sarebbe errato presumere che Hillary Clinton o Al Gore sarebbero stati presidente se il collegio elettorale fosse stato abolito e le elezioni fossero state decise con voto popolare. In effetti, Donald Trump ha affermato di sostenere un'elezione popolare per il voto del presidente e ha ribadito questo punto di vista anche dopo aver vinto il voto del collegio elettorale e aver perso il voto popolare.

Come sostenne Aaron Blake quando scrisse per il Washington Post, il collegio elettorale forza i candidati a strutturare la loro campagna in un modo specifico; si concentrano su una dozzina di stati "viola" o altalenanti, come Florida, Ohio, Wisconsin, Carolina del Nord, Virginia, Iowa e New Hampshire. I repubblicani non sprecano risorse facendo campagne in stati decisamente blu come Washington, Oregon e California, mentre i democratici evitano di fare campagne in stati rossi come Texas, Georgia e Oklahoma.

Se le elezioni fossero decise con il voto popolare, le strategie della campagna sarebbero molto diverse. Se Trump avesse fatto una campagna più efficace in California, ad esempio, il suo deficit di voto popolare in quello stato non sarebbe stato così grande come era. Clinton ha ottenuto 4, 3 milioni di voti in più rispetto a Trump in California. In altre parole, se lo stato della California fosse escluso, Trump vincerebbe il voto popolare con 1, 5 milioni di voti. I sostenitori del sistema elettorale del college affermano che questo era esattamente il tipo di scenario - cioè un grande stato che prevalse sui desideri di altri stati - che l'attuale sistema era progettato per gestire. [2]

Distorsione a favore dei repubblicani

Allo stato attuale, l'effetto pratico del collegio elettorale è che i repubblicani hanno un vantaggio sui democratici. Eseguendo un'analisi del sistema elettorale, completo di simulazioni per vari risultati di voto, la rivista Economist ha scoperto che

affinché i democratici abbiano una probabilità superiore al 50% di ottenere il controllo della Camera nelle elezioni di medio termine di novembre, dovranno vincere il voto popolare di circa sette punti percentuali. In altre parole, riteniamo che i repubblicani abbiano una probabilità dello 0, 01% di vincere il voto popolare per la Camera. Ma stimiamo che la loro possibilità di garantire la maggioranza dei deputati sia circa un terzo.

La distorsione deriva dalle attuali tendenze politiche; quando il sistema fu progettato oltre 200 anni fa, la situazione era piuttosto diversa. Ogni stato riceve solo due senatori, non importa quanto sia popoloso. Gli stati popolosi hanno grandi popolazioni urbane che tendono ad essere più inclini alla democrazia. Quindi, nell'atmosfera politica in cui ci troviamo oggi, i democratici sono in svantaggio. Tra 100 anni, la situazione potrebbe essere invertita.

Articoli Correlati