Democratico vs. Repubblicano

Questo confronto esamina le differenze tra le politiche e le posizioni politiche dei partiti democratici e repubblicani su questioni importanti come le tasse, il ruolo del governo, i diritti (previdenza sociale, assistenza sanitaria statale), il controllo delle armi, l'immigrazione, l'assistenza sanitaria, l'aborto, la politica ambientale e la regolamentazione . Questi due partiti dominano il panorama politico americano ma differiscono notevolmente nelle loro filosofie e ideali.

Link speciale per le elezioni del 6 novembre 2018: trova il tuo seggio elettorale

Tabella di confronto

Grafico comparativo Democratico contro Repubblicano
Democratico Repubblicano
FilosofiaLiberale, inclinata a sinistra.Conservatore, inclinato a destra.
Idee economicheSalari minimi e tassazione progressiva, ovvero aliquote fiscali più elevate per fasce di reddito più elevate. Nato da ideali anti-federalisti ma si è evoluto nel tempo per favorire una maggiore regolamentazione del governo.Credere che le tasse non dovrebbero essere aumentate per nessuno (compresi i ricchi) e che i salari dovrebbero essere stabiliti dal libero mercato.
Idee sociali e umaneBasato sulla responsabilità sociale e della comunitàBasato su diritti individuali e giustizia
Posizione su questioni militariDiminuzione della spesaAumento della spesa
Posizione sul matrimonio gaySostegno (alcuni democratici non sono d'accordo)Opposizione (alcuni repubblicani non sono d'accordo)
Posizione sull'abortoDovrebbe rimanere legale; supporta Roe v. WadeNon dovrebbe essere legale (con alcune eccezioni); si oppongono a Roe v. Wade
Posizione sulla pena di morteMentre il sostegno alla pena di morte è forte tra i democratici, gli oppositori della pena di morte sono una parte sostanziale della base democratica.Una grande maggioranza di repubblicani sostiene la pena di morte.
Posizione sulle tasseProgressivo (i redditi alti dovrebbero essere tassati a un'aliquota più elevata). Generalmente non si oppone all'aumento delle tasse per finanziare il governo.Tendono a favorire una "imposta fissa" (stessa aliquota fiscale indipendentemente dal reddito). Generalmente contrario all'aumento delle tasse.
Posizione sul regolamento del governoI regolamenti governativi sono necessari per proteggere i consumatori.Le normative governative ostacolano il capitalismo del libero mercato e la crescita dell'occupazione.
Politica sanitariaSupportare l'assistenza sanitaria universale; forte sostegno del coinvolgimento del governo nell'assistenza sanitaria, compresi Medicare e Medicaid. Supporta generalmente Obamacare.Le società private possono fornire servizi sanitari in modo più efficiente rispetto ai programmi gestiti dal governo. Si oppongono alle disposizioni di Obamacare come (1) l'obbligo per le persone di acquistare un'assicurazione sanitaria o di pagare una multa, (2) la copertura richiesta di contraccettivi.
Posizione sull'immigrazioneVi è un maggiore sostegno globale nel partito democratico per una moratoria sulla deportazione - o offrendo un percorso di cittadinanza a - alcuni immigrati privi di documenti. ad esempio quelli senza precedenti penali, che hanno vissuto negli Stati Uniti per oltre 5 anni.I repubblicani sono generalmente contrari all'amnistia per gli immigrati privi di documenti. Si oppongono anche all'ordine esecutivo del presidente Obama che ha posto una moratoria sull'espulsione di alcuni lavoratori. I repubblicani finanziano anche azioni di rafforzamento delle frontiere.
Tradizionalmente forte negli statiCalifornia, Massachusetts, New YorkOklahoma, Kansas, Texas
SimboloAsinoElefante
ColoreBluRosso
Fondato nel18241854
Sito webwww.democrats.orgwww.gop.com
Capo del SenatoChuck SchumerMitch McConnell
presidenteTom PerezRonna Romney McDaniel
Presidenti famosiFranklin Roosevelt (FDR), John F. Kennedy, Bill Clinton, Woodrow Wilson, Jimmy Carter, Barack ObamaAbraham Lincoln, Teddy Roosevelt, Ronald Reagan, George Bush, Richard Nixon
Posti al Senato45/100 (esclusi 2 senatori indipendenti che fanno causa al Partito Democratico)53/100
Sedili nella Camera dei rappresentanti235/435200/435
governatorati23/5027/50
membri44, 7 milioni (a partire dal 2017)32, 8 milioni (a partire dal 2017)
Candidati alla presidenza 2016Hillary Clinton, Bernie Sanders, Martin O'MalleyDonald Trump, Marco Rubio, Ted Cruz, Ben Carson, Jeb Bush, Chris Christie, Carly Fiorina, altri.

Storia dei partiti democratici e repubblicani

Il Partito Democratico fa risalire le sue origini alle fazioni anti-federaliste nel periodo dell'indipendenza americana dal dominio britannico. Queste fazioni furono organizzate nel partito democratico - repubblicano da Thomas Jefferson, James Madison e altri influenti oppositori dei federalisti nel 1792.

Il partito repubblicano è il più giovane dei due partiti. Fondato nel 1854 da attivisti e modernizzatori dell'espansione anti-schiavitù, il Partito Repubblicano salì alla ribalta con l'elezione di Abraham Lincoln, il primo presidente repubblicano. Il partito presiedette la guerra civile e la ricostruzione americane e fu tormentato da fazioni interne e scandali verso la fine del XIX secolo.

Dalla divisione del Partito Repubblicano nelle elezioni del 1912, il Partito Democratico si è costantemente posizionato alla sinistra del Partito Repubblicano in materia economica e sociale. La filosofia attivista economicamente di sinistra di Franklin D. Roosevelt, che ha fortemente influenzato il liberalismo americano, ha modellato gran parte dell'agenda economica del partito dal 1932. La coalizione di New Deal di Roosevelt controllava di solito il governo nazionale fino al 1964.

Il Partito repubblicano oggi sostiene una piattaforma a favore delle imprese, con basi nel libertarismo economico e nel conservatorismo fiscale e sociale.

Differenze nella filosofia

La filosofia repubblicana tende maggiormente alle libertà, ai diritti e alle responsabilità individuali. Al contrario, i democratici attribuiscono maggiore importanza all'uguaglianza e alla responsabilità sociale / comunitaria.

Mentre ci possono essere diverse differenze di opinione tra singoli democratici e repubblicani su alcune questioni, ciò che segue è una generalizzazione della loro posizione su molte di queste questioni.

Ruolo del governo

Una delle differenze fondamentali tra gli ideali del partito democratico e repubblicano riguarda il ruolo del governo. I democratici tendono a favorire un ruolo più attivo per il governo nella società e credono che tale coinvolgimento possa migliorare la qualità della vita delle persone e contribuire a raggiungere gli obiettivi più ampi di opportunità e uguaglianza. D'altra parte, i repubblicani tendono a favorire un piccolo governo, sia in termini di numero di persone impiegate dal governo sia in termini di ruoli e responsabilità del governo nella società. Vedono il "grande governo" come uno spreco e un ostacolo per ottenere risultati. Il loro approccio è il capitalismo darwiniano in quanto le imprese forti dovrebbero sopravvivere in un libero mercato piuttosto che il governo che influenza - attraverso la regolamentazione - chi vince o perde nel mondo degli affari.

Ad esempio, i democratici tendono a favorire le normative ambientali e le leggi antidiscriminazione per l'occupazione. I repubblicani tendono a considerare tali regolamenti dannosi per le imprese e la crescita dell'occupazione perché la maggior parte delle leggi ha conseguenze indesiderate. In effetti, la Environmental Protection Agency (EPA) è un'agenzia governativa che molti candidati alla presidenza repubblicana adorano deridere come esempio di agenzie governative "inutili" che avrebbero chiuso.

Un altro esempio è il programma di buoni pasto. I repubblicani al Congresso chiedevano tagli al Programma di assistenza nutrizionale supplementare (o SNAP), mentre i Democratici volevano espandere questo programma. I democratici hanno sostenuto che con un alto tasso di disoccupazione, molte famiglie avevano bisogno dell'assistenza fornita dal programma. I repubblicani hanno sostenuto che c'erano molte frodi nel programma, che sta sprecando dollari dei contribuenti. I repubblicani favoriscono anche una maggiore responsabilità individuale, quindi vorrebbero istituire regole che costringano i beneficiari dei programmi di welfare ad assumersi una maggiore responsabilità personale attraverso misure come la sperimentazione obbligatoria di droghe e la ricerca di un lavoro. [1]

Democratico vs repubblicano si trovano su questioni controverse

Democratici e Repubblicani hanno idee diverse su molte questioni relative ai pulsanti di scelta rapida, alcune delle quali sono elencate di seguito. Queste sono opinioni ampiamente generalizzate; va notato che ci sono molti politici in ciascun partito che hanno posizioni diverse e più sfumate su questi temi.

Militare

Repubblicani: preferiscono aumentare le spese militari e avere una posizione più dura nei confronti di paesi come l'Iran, con una maggiore tendenza a schierare l'opzione militare.

Democratici: preferiscono aumenti inferiori delle spese militari e sono relativamente più riluttanti a usare la forza militare contro paesi come l'Iran, la Siria e la Libia.

Leggi sul controllo delle armi

I democratici preferiscono più leggi sul controllo delle armi, ad esempio si oppongono al diritto di trasportare armi nascoste in luoghi pubblici. I repubblicani si oppongono alle leggi sul controllo delle armi e sono forti sostenitori del secondo emendamento (il diritto di portare le armi) e il diritto di portare armi nascoste.

Aborto

I democratici sostengono i diritti di aborto e mantengono legale l'aborto elettivo. I repubblicani credono che gli aborti non debbano essere legali e che Roe v. Wade dovrebbe essere rovesciato. Alcuni repubblicani arrivano al punto di opporsi al mandato di contraccezione, ovvero richiedere piani di assicurazione sanitaria a carico del datore di lavoro per coprire la contraccezione.

Un punto di divergenza correlato è la ricerca sulle cellule staminali embrionali: i democratici la sostengono mentre i repubblicani no.

Diritti LGBTQ

I democratici tendono a favorire la parità di diritti per le coppie gay e lesbiche, ad esempio il diritto di sposarsi e adottare figli. I repubblicani credono che il matrimonio debba essere definito come tra un uomo e una donna in modo da non sostenere il matrimonio gay, né consentire alle coppie gay di adottare figli.

I democratici sostengono inoltre maggiormente i diritti delle persone transgender; per esempio, entro circa un mese dalla sua entrata in carica, il presidente repubblicano Donald Trump ha annullato le protezioni per gli studenti transgender che avevano permesso loro di usare bagni corrispondenti alla loro identità di genere.

Ora che il matrimonio gay è legale in tutta la nazione, il campo di battaglia si è spostato su questioni correlate come i diritti transgender e le leggi antidiscriminazione che proteggono le persone LGBTQ. Ad esempio, i democratici preferiscono le leggi che vietano alle aziende di rifiutare di servire i clienti gay.

Pena di morte

L'opinione della maggioranza in America sulla pena di morte è che dovrebbe essere legale. Tuttavia, molti democratici sono contrari e la piattaforma del Partito Democratico del 2016 ha chiesto l'abolizione della pena di morte. [2]

Le tasse

I democratici sostengono le tasse progressiste. Un sistema fiscale progressivo è quello in cui le persone ad alto reddito pagano le tasse a un tasso più elevato. Questo è il modo in cui le fasce di imposta sul reddito federali sono attualmente impostate. Ad esempio, i primi $ 10.000 di reddito sono tassati al 10% ma i redditi marginali superiori a $ 420.000 sono tassati al 39, 6%.

I repubblicani sostengono le riduzioni fiscali per tutti (sia i ricchi che i poveri). Credono che un governo più piccolo avrebbe bisogno di meno entrate dalle tasse per sostenersi. Alcuni repubblicani sono sostenitori di una "tassa forfettaria" in cui tutte le persone pagano la stessa percentuale del loro reddito in tasse indipendentemente dal livello di reddito. Considerano aliquote fiscali più elevate sui ricchi una forma di guerra di classe.

Correlati: un confronto tra i piani fiscali di Donald Trump e Hillary Clinton

Salario minimo

I democratici favoriscono l'aumento del salario minimo per aiutare i lavoratori. I repubblicani si oppongono all'aumento del salario minimo perché fa male alle imprese.

Politica estera

La politica estera americana è stata tradizionalmente relativamente coerente tra le amministrazioni democratiche e repubblicane. Gli alleati chiave sono sempre stati altri poteri occidentali come Regno Unito, Francia. Gli alleati in Medio Oriente erano - e continuano a rimanere - paesi come Israele, Arabia Saudita e Bahrein.

Tuttavia, alcune differenze possono essere viste in base alla gestione delle relazioni con determinati paesi da parte dell'amministrazione Obama. Ad esempio, Israele e gli Stati Uniti sono sempre stati forti alleati. Ma i rapporti tra Obama e il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu sono stati tesi. Un importante contributo a questa tensione è stata la politica iraniana dell'amministrazione Obama. Gli Stati Uniti hanno inasprito le sanzioni contro l'Iran nel primo mandato di Obama, ma hanno negoziato un accordo nel secondo mandato che ha consentito ispezioni internazionali su impianti nucleari iraniani. Anche gli Stati Uniti e l'Iran hanno trovato un terreno comune contro la minaccia dell'ISIS. Questo riavvicinamento ha irritato il tradizionale rivale iraniano Israele, anche se per tutti gli scopi pratici Israele e gli Stati Uniti rimangono alleati fedeli. I repubblicani al Congresso si sono opposti all'accordo con l'Iran e all'allentamento delle sanzioni contro l'Iran. Hanno anche invitato Netanyahu a tenere un discorso contro l'accordo.

Un altro paese in cui l'amministrazione democratica di Obama ha invertito decenni di politica americana è Cuba. Il repubblicano Rand Paul sostenne lo scioglimento delle relazioni con Cuba, ma la sua opinione non è condivisa dalla maggioranza dei repubblicani. [3]. Repubblicani come i contendenti presidenziali Marco Rubio e Ted Cruz si sono opposti pubblicamente alla normalizzazione delle relazioni con Cuba. [4] [5]

Immigrazione

I politici di entrambe le parti vengono spesso ascoltati dicendo che "Il sistema di immigrazione in questo paese è rotto". Tuttavia, il divario politico è stato troppo ampio per far passare qualsiasi legislazione bipartisan per "riparare" il sistema con una "riforma globale dell'immigrazione".

Immigrati privi di documenti

In generale, il Partito Democratico è considerato più solidale con la causa degli immigrati. Vi è un ampio sostegno tra i democratici per il DREAM Act che garantisce la residenza condizionata (e la residenza permanente al raggiungimento di ulteriori qualifiche) agli immigrati privi di documenti che sono venuti negli Stati Uniti quando erano minorenni. Il disegno di legge non è mai stato approvato ma l'amministrazione (democratica) Obama ha emesso alcune protezioni per alcuni immigrati qualificati senza documenti.

Le deportazioni

Entrambe le amministrazioni democratiche e repubblicane hanno usato e favorito le espulsioni. Più immigrati privi di documenti furono deportati sotto il presidente Obama di qualsiasi altro presidente prima di lui. Le deportazioni sono continuate, se non accelerate, sotto il presidente Trump.

Immigrazione legale

I repubblicani preferiscono che l'immigrazione legale sia "basata sul merito" o "basata sul punto". Tali sistemi sono utilizzati da paesi come il Canada e l'Australia per consentire visti di ingresso legittimi a persone con competenze richieste che possono contribuire all'economia. Il rovescio della medaglia di tale sistema è che potrebbero non essere disponibili visti sufficienti per l'immigrazione basata sulla famiglia. Un sistema basato sul merito è anche l'opposto di "Dammi il tuo stanco, il tuo povero, le tue masse rannicchiate che desiderano respirare liberamente, i rifiuti miserabili della tua costa brulicante". filosofia.

Diritti civili

Abraham Lincoln apparteneva al Partito repubblicano, quindi le radici del partito risiedono nella libertà individuale e nell'abolizione della schiavitù. In effetti, l'82% dei repubblicani al Senato degli Stati Uniti ha votato a favore del Civil Rights Act del 1964, mentre solo il 69% dei democratici ha fatto. L'ala meridionale del partito democratico era fortemente contraria alla legislazione sui diritti civili.

Tuttavia, dopo l'approvazione del Civil Rights Act, c'è stata una sorta di inversione di ruolo. Todd Purdum, autore di An Idea Whose Time Has Come, un libro sulle manovre legislative dietro il passaggio del Civil Rights Act, lo afferma in un'intervista a NPR:

 SIEGEL: Quanto del Partito repubblicano al Congresso ha sostenuto la legge sui diritti civili così com'era ancora? E quanti hanno votato per la coagulazione per rompere il filibuster? PURDUM: Bene, il voto finale al Senato per il disegno di legge è stato da 73 a 27, con 27 voti su 33 repubblicani. Quindi, in termini proporzionali, i repubblicani hanno sostenuto questo disegno di legge molto più di quanto i democratici abbiano fatto in entrambe le case. SIEGEL: Poche settimane dopo che Lyndon Johnson ha firmato quel disegno di legge, come abbiamo sentito all'inizio, i repubblicani vanno e nominano Barry Goldwater come presidente, un repubblicano che aveva votato contro i diritti civili. E la loro eredità viene espulsa in quel momento. PURDUM: In qualche modo importante è stato l'inizio della trasformazione del Partito Repubblicano dal partito di Lincoln al partito del contraccolpo bianco che è, francamente, la reputazione che nel Sud dura particolarmente fino ad oggi e ha ferito il Partito Repubblicano come marchio nazionale alle elezioni presidenziali. 

I repubblicani ritengono che il punto di vista di Purdum sia fuorviante perché Goldwater ha sostenuto precedenti tentativi di approvare una legge sui diritti civili e la desegregazione, ma non gli è piaciuta la legge del 1964 perché sentiva che violava i diritti degli Stati.

In ogni caso, la dinamica attuale è che minoranze come ispanici e afroamericani e hanno molte più probabilità di votare democratico che repubblicano. Tuttavia, ci sono importanti repubblicani afroamericani come Colin Powell, Condoleezza Rice, Herman Cain, Clarence Thomas, Michael Steele e Alan West, nonché ispanici come Marco Rubio, Ted Cruz, Alberto Gonzales e Brian Sandoval.

Leggi sugli ID degli elettori

Gruppi di libertà civili come l'ACLU criticano il GOP per aver spinto per le leggi sull'identità degli elettori - i repubblicani credono che queste leggi siano necessarie per prevenire le frodi degli elettori mentre i democratici affermano che le frodi degli elettori sono praticamente inesistenti e che queste leggi privano il diritto al voto degli elettori neri e ispanici che tendono ad essere più povero e incapace di ottenere le carte d'identità.

Black Lives Matter

Il movimento Black Lives Matter è una priorità prevalentemente democratica, mentre i repubblicani hanno espresso maggiore preoccupazione per le sparatorie di agenti di polizia. La convenzione repubblicana del 2016 prevedeva la morte di persone uccise per mano di immigrati privi di documenti, nonché uno sceriffo che proclama "la vita blu". La convenzione democratica, d'altra parte, ha fornito un forum per testimonianze delle madri di uomini e donne neri uccisi in scontri con la polizia. [6]

Loghi dei partiti democratici e repubblicani

Logo del Partito repubblicano (GOP)

Logo del Partito Democratico

Elenco degli stati rossi e degli stati blu

A causa della copertura televisiva durante alcune delle elezioni presidenziali in passato, il colore Rosso è diventato associato ai repubblicani (come negli stati rossi - gli stati in cui vince il candidato presidenziale repubblicano) e il blu è associato ai democratici.

Il Partito Democratico, un tempo dominante negli Stati Uniti sud-orientali, è ora il più forte nel Nord-est (Mid-Atlantic e New England), nella regione dei Grandi Laghi e lungo la costa del Pacifico (in particolare la California costiera), comprese le Hawaii. I democratici sono anche i più forti nelle principali città. Di recente, i candidati democratici sono andati meglio in alcuni stati del sud, come Virginia, Arkansas e Florida, e negli stati delle Montagne Rocciose, in particolare Colorado, Montana, Nevada e New Mexico.

Dal 1980, geograficamente la "base" repubblicana ("stati rossi") è più forte nel sud e nell'ovest e più debole nel nord-est e nella costa del Pacifico. Il maggior focus dell'influenza politica del Partito Repubblicano si trova negli stati di Great Plains, in particolare Oklahoma, Kansas e Nebraska, e negli stati occidentali dell'Idaho, Wyoming e Utah.

Gli stati rossi sono più numerosi degli stati blu

Nel febbraio 2016, Gallup ha riferito che per la prima volta da quando Gallup ha iniziato a tracciare, gli stati rossi ora superano gli stati blu.

Una mappa che mostra gli stati di tendenza repubblicana in rosso e gli stati di tendenza democratica in blu. aka mappa di stati rossi e blu.

Nel 2008, 35 stati si sono appoggiati ai democratici e questo numero è sceso a solo 14 ora. Allo stesso tempo, il numero di stati pendenti repubblicani è aumentato da 5 a 20. Gallup ha determinato che 16 stati erano competitivi, vale a dire che non si appoggiavano a nessuna delle due parti. Wyoming, Idaho e Utah erano gli stati più repubblicani, mentre gli stati più inclini alla democrazia erano il Vermont, le Hawaii e il Rhode Island.

Famosi presidenti repubblicani vs democratici

I repubblicani hanno controllato la Casa Bianca per 28 degli ultimi 43 anni da quando Richard Nixon è diventato presidente. Famosi presidenti democratici sono stati Franklin Roosevelt, che ha aperto la strada al New Deal in America e ha sostenuto 4 termini, John F. Kennedy, che ha presieduto all'invasione della Baia dei Porci e alla crisi dei missili cubani, ed è stato assassinato in carica; Bill Clinton, che è stato messo sotto accusa dalla Camera dei Rappresentanti; e i vincitori del premio Nobel per la pace Barack Obama e Jimmy Carter.

Famosi presidenti repubblicani includono Abraham Lincoln, che abolì la schiavitù; Teddy Roosevelt, noto per il Canale di Panama; Ronald Reagan, accreditato per aver posto fine alla Guerra Fredda con Gorbachev; e i due presidenti della famiglia Bush degli ultimi tempi. Il presidente repubblicano Richard Nixon è stato costretto a dimettersi per lo scandalo Watergate.

Per confrontare i candidati presidenziali dei due partiti alle elezioni del 2016, vedere Donald Trump vs Hillary Clinton .

Controllo della Casa Bianca

Questo grafico mostra quale partito controllava la Casa Bianca dal 1901. Puoi trovare l'elenco dei presidenti su Wikipedia.

Una cronologia che mostra quale partito politico aveva un incombente alla Casa Bianca. Presidenti repubblicani in rosso e presidenti democratici in blu. 1901-presente.

Demografia repubblicana vs democratica

Dati interessanti su come il supporto per ciascuna parte suddiviso per razza, geografia e divario urbano-rurale durante le elezioni di medio termine del 2018 sono presentati qui nei grafici.

Il Pew Research Group, tra gli altri, esamina regolarmente i cittadini americani per determinare l'affiliazione al partito o il supporto per vari gruppi demografici. Alcuni dei loro ultimi risultati sono di seguito.

Vantaggi partigiani per età

In generale, il sostegno al partito democratico è più forte tra i giovani elettori. Con l'avanzare dell'età demografica, aumenta il sostegno al partito repubblicano.

Vantaggio di collaborazione per anno di nascita, a partire dal 2014 (pubblicato da Pew Research)

Per genere

In generale, le donne si appoggiano alla democrazia mentre il sostegno tra gli uomini è diviso in modo approssimativo tra i due partiti.

Divario di genere nell'identificazione del partito (Pew Research Group, 2015)

Per razza

Il supporto per le parti può anche variare in modo significativo in base all'etnia e alla razza, con afro-americani e ispanici. Ad esempio, nelle elezioni presidenziali del 2012, il repubblicano Mitt Romney ha ottenuto solo il 6% dei voti neri; e nel 2008 John McCain ha ottenuto solo il 4%. [7]

Identificazione del partito per razza (Pew Research Group, 2015)

Per livello di istruzione

Il sostegno alle due parti varia anche in base al livello di istruzione; il sostegno al partito democratico è più forte tra i laureati e anche tra le persone che hanno un diploma di scuola superiore o inferiore.

Identificazione del partito per livello di istruzione (Pew Research Group, 2015)

Articoli Correlati