Debito vs. patrimonio netto

Le aziende possono raccogliere capitali tramite debito o capitale proprio. Il patrimonio netto si riferisce alle azioni, o una partecipazione di proprietà, in una società. Gli acquirenti del capitale di una società diventano azionisti di quella società. Gli azionisti recuperano il loro investimento quando il valore della società aumenta (le loro azioni aumentano di valore) o quando la società paga un dividendo. Gli acquirenti del debito di una società sono finanziatori; recuperano il loro investimento sotto forma di interessi pagati dalla società sul debito.

Spesso è più facile per le aziende raccogliere fondi attraverso il debito, in quanto vi sono meno normative sull'emissione del debito, il rischio per un investitore (prestatore) è generalmente inferiore e le attività di una società possono essere utilizzate come garanzia.

Tabella di confronto

Grafico comparativo del debito rispetto al patrimonio netto
Debito Equità
Breve definizioneUna somma di denaro, proprietà o servizio dovuta a qualcun altro.Quanto vale un bene (qualcosa di proprietà) dopo che tutti i debiti e altre passività sono stati pagati.
Esempio per un individuoPortare un saldo su una carta di credito. A meno che a un certo punto il saldo non venga interamente pagato, la società della carta di credito addebiterà gli interessi su tale saldo, creando più debito.Il valore di una casa dopo che un'ipoteca è stata pagata per intero.
usiPer l'acquisto di beni più preziosi dell'attuale capacità di una parte di pagarli. Può essere scambiato con azioni e altri vantaggi dalle aziende.Per la stima del potenziale guadagno in qualsiasi transazione di attività e per l'uso come potere d'acquisto. Può essere scambiato per debito e altri vantaggi dalle aziende.
tipiProtetto / non garantito, privato / pubblico, prestito, obbligazione.Capitale conferito, capitale guadagnato, entrate.
Calcolo(Importo dovuto - Valore del patrimonio)(Valore del patrimonio - Debito)
Formula di costoRd (1-tc) [dove Rd è il costo del debito; TC è l'aliquota dell'imposta sulle società.]Re = rf + β (rm - rf) [dove Re è costo del capitale proprio; rf è il tasso privo di rischio; rm è il rendimento atteso sul mercato; β è equity beta.]
negoziabili

Come raccogliere capitale

I prestiti garantiti sono comunemente utilizzati dalle imprese per raccogliere capitali per uno scopo particolare (ad es. Espansione o rimodellamento). Allo stesso modo, le carte di credito e altre linee di credito rotanti spesso aiutano le aziende a fare acquisti quotidiani che potrebbero non essere in grado di permettersi attualmente, ma sanno che saranno in grado di permettersi presto. Alcune società, in particolare quelle più grandi, possono anche emettere obbligazioni societarie.

La raccolta di capitali con capitale proprio è nota come finanziamento azionario . Le azioni della società vengono vendute ad altri che acquistano quindi una partecipazione nella società. Le piccole imprese che traggono vantaggio dal finanziamento azionario spesso vendono azioni a investitori, dipendenti, amici e familiari. Le aziende più grandi, come Google, tendono a vendere al pubblico attraverso borse, come il NASDAQ e il NYSE, dopo un'offerta pubblica iniziale (IPO).

Una parte importante della raccolta di capitali per una società in crescita è il rapporto debito / patrimonio netto della società - spesso calcolato come debito diviso per il patrimonio netto - che è visibile nel bilancio di una società.

Rischio di debito vs. capitale proprio

Qualsiasi debito, in particolare il debito ad alto interesse, comporta dei rischi. Se un'azienda assume una grande quantità di debito e successivamente scopre che non è in grado di pagare i propri prestiti ai finanziatori, ci sono buone probabilità che l'azienda fallisca sotto il peso degli interessi del prestito e che debba presentare istanza di fallimento nel Capitolo 7 o nel Capitolo 11 .

Il finanziamento azionario evita tali rischi e comporta numerosi vantaggi, ma dare agli altri una partecipazione in un'impresa può essere rischioso; meno un'azienda è preziosa, più proprietà potrebbe richiedere un investitore, un fatto che può rivelarsi costoso. Inoltre, il finanziamento azionario è strettamente regolato per proteggere gli investitori da operazioni losche, il che significa che questo metodo di raccolta di capitali è inizialmente costoso e richiede tempo con la necessità di coinvolgere avvocati e commercialisti. Come tale, il debito è un modo molto più semplice per raccogliere capitali temporanei o addirittura a lungo termine.

Tuttavia, non è sempre possibile raccogliere capitali con debito. Durante le recessioni, il credito può essere difficile da ottenere poiché le banche diventano riluttanti a prestare denaro o solo a prestare denaro a tassi di interesse molto elevati. Nella crisi finanziaria del 2008, ad esempio, alle piccole imprese veniva spesso negato il credito e costrette a cercare opzioni di finanziamento azionario. [1]

Costi del debito rispetto al patrimonio netto

Al di fuori del costo degli interessi, ci sono poche spese associate al capitale raccolto tramite debito. Nel 2012, il prestito medio per le piccole imprese negli Stati Uniti era di poco meno di $ 338.000 e i tassi di interesse medi per tali prestiti erano compresi tra il 2, 25% e il 2, 75%, a seconda della durata del prestito. [2] Le carte di credito hanno tassi di interesse molto più alti. Anche con una buona storia creditizia, la maggior parte delle carte di credito avrà un APR dell'11% o superiore.

La raccolta di capitali tramite finanziamenti azionari può essere un'attività costosa che richiede esperti che comprendano i regolamenti governativi posti su questo metodo di finanziamento. Quando gli investitori offrono i loro soldi a una società, corrono il rischio di perdere il proprio denaro e quindi si aspettano un ritorno su tale investimento. Il loro rendimento atteso è il costo del capitale proprio. Una percentuale dei potenziali profitti dell'azienda è promessa agli investitori in base al numero di azioni della società che acquistano e al valore di tali azioni. Pertanto, il costo del capitale proprio ricade sulla società che riceve fondi di investimento e può effettivamente essere più costoso del costo del debito di una società, a seconda dell'accordo con gli azionisti.

Costo del capitale proprio e costo del capitale

Il costo del capitale è il costo totale dei fondi raccolti da un'azienda - sia debito che capitale proprio. Il costo medio ponderato del capitale (WACC) tiene conto degli importi del debito e del patrimonio netto e dei rispettivi costi e calcola un tasso di rendimento teorico che l'impresa (e, quindi, tutti i suoi progetti) deve battere.

Come spiegato sopra, al fine di calcolare il costo del capitale, si deve calcolare il costo del debito e il costo del capitale proprio . Determinare il costo del debito è abbastanza facile perché il tasso di interesse sul debito è noto. Calcolare il costo del capitale proprio è più complicato; ci sono diversi modelli proposti per calcolarlo. Uno di questi modelli è il Capital Asset Pricing Model (CAPM). Per questo modello,

dove:

  • è il rendimento atteso dall'investitore azionario, ovvero il costo del capitale proprio
  • è il tasso di interesse privo di rischio, ad esempio il rendimento di un titolo del Tesoro americano
  • ( beta ), la sensibilità dei rendimenti di attività in eccesso attesi ai rendimenti di mercato in eccesso previsti
  • è il rendimento atteso del mercato
  • è talvolta noto come premio di mercato (la differenza tra il tasso di rendimento atteso sul mercato e il tasso di rendimento privo di rischio).

Debito e patrimonio netto in bilancio

Il capitale del debito e del patrimonio netto è visibile nel bilancio di una società. In particolare, in fondo a un bilancio, il rapporto debito / patrimonio netto di una società è chiaramente stampato.

Significato

Quando un bilancio mostra che i debiti sono stati costantemente rimborsati o diminuiscono nel tempo, ciò può avere effetti positivi su una società. Al contrario, quando i debiti che avrebbero dovuto essere pagati molto tempo fa rimangono in bilancio, ciò può danneggiare le prospettive future di una società e la capacità di ricevere più credito. Ciò che è considerato un rapporto debito / capitale "normale" varia leggermente a seconda del settore; tuttavia, in generale, se il rapporto debito / patrimonio netto di una società supera il 40% o il 50%, questo è probabilmente un segno che la società sta lottando.

L'equità tende a indicare una salute finanziaria positiva per l'individuo in quanto mostra la capacità di un individuo di estinguere i propri debiti in modo tempestivo e muoversi verso il possesso effettivo delle attività che hanno preso in prestito. Per un'azienda, l'equità è anche un segno di salute in quanto dimostra la capacità delle imprese di rimanere preziose per gli azionisti e di mantenere le proprie entrate al di sopra delle proprie spese.

Se una società ha un livello di indebitamento elevato, ciò può significare una delle due cose: la società sta vivendo un brutto anno perché non è stata in grado di ripagare ciò che deve, o al contrario, la società anticipa un ottimo anno e è disposto a indebitarsi profondamente nella convinzione che trarrà profitto molto più di quanto abbia preso in prestito.

Quest'ultima è una mossa molto rischiosa che può o non può ripagare, quindi è relativamente raro che le aziende assumano grandi quantità di debito contemporaneamente. Nel 2013, quando Apple si è immerso profondamente nel debito vendendo obbligazioni societarie per un valore di $ 17 miliardi, è stata una grande mossa che non si vede molto spesso. Il video del Wall Street Journal che segue illustra la mossa di Apple.

Implicazioni fiscali

Il debito può essere attraente non solo per la sua semplicità ma anche per il modo in cui viene tassato. In base alla legge fiscale degli Stati Uniti, l'IRS consente alle società di detrarre i pagamenti degli interessi dal reddito imponibile. Ciò riduce l'obbligo fiscale di una società.

Al contrario, i pagamenti di dividendi agli azionisti non sono deducibili dalle tasse per la società. In effetti, anche gli azionisti che ricevono dividendi sono tassati perché i dividendi sono trattati come il loro reddito. In effetti, i dividendi sono tassati due volte, una volta nella società e poi di nuovo quando vengono distribuiti ai proprietari della società.

Implicazioni legali

La vendita di debito, ovvero l'emissione di obbligazioni, è relativamente semplice, soprattutto se un'azienda ha già dimostrato la sua stabilità e il merito di credito complessivo. La vendita di azioni, tuttavia, è difficile e costosa, in gran parte a causa delle normative imposte dalla Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti. [3]

Articoli Correlati