Dati vs. informazioni

C'è una sottile differenza tra dati e informazioni. I dati sono i fatti o i dettagli da cui derivano le informazioni . I singoli dati sono raramente utili da soli. Perché i dati diventino informazioni, i dati devono essere inseriti nel contesto.

Tabella di confronto

Grafico comparativo dati contro informazioni
Dati Informazione
SensoI dati sono fatti grezzi e non organizzati che devono essere elaborati. I dati possono essere qualcosa di semplice e apparentemente casuale e inutile fino a quando non vengono organizzati.Quando i dati vengono elaborati, organizzati, strutturati o presentati in un determinato contesto in modo da renderli utili, vengono chiamati informazioni.
EsempioIl punteggio del test di ogni studente è un dato.Il punteggio medio di una classe o dell'intera scuola sono informazioni che possono essere ricavate dai dati forniti.
Etimologia"Dati" deriva da una singolare parola latina, dato, che originariamente significava "qualcosa di dato". Il suo primo utilizzo risale al 1600. Nel tempo i "dati" sono diventati il ​​plurale del dato."Informazioni" è una parola più antica che risale al 1300 e ha origini in francese antico e inglese medio. Ha sempre fatto riferimento a "l'atto di informare", di solito per quanto riguarda l'educazione, l'istruzione o altre comunicazioni di conoscenza.

Dati vs. informazioni - Differenze di significato

"I numeri non hanno modo di parlare per se stessi. Parliamo per loro. Li infondiamo di significato." —Statista Nate Silver nel libro Il segnale e il rumore

I dati sono semplicemente fatti o cifre: frammenti di informazioni, ma non informazioni stesse. Quando i dati vengono elaborati, interpretati, organizzati, strutturati o presentati in modo da renderli significativi o utili, vengono chiamati informazioni . Le informazioni forniscono un contesto per i dati.

Ad esempio, un elenco di date - dati - è privo di significato senza le informazioni che rendono rilevanti le date (date delle festività).

"Dati" e "informazioni" sono strettamente collegati, indipendentemente dal fatto che uno li riconosca come due parole separate o le usi in modo intercambiabile, come è comune oggi. Il fatto che siano usati in modo intercambiabile dipende in qualche modo dall'uso dei "dati": il suo contesto e la grammatica.

Esempi di dati e informazioni

  • La storia delle letture della temperatura in tutto il mondo negli ultimi 100 anni sono dati. Se questi dati sono organizzati e analizzati per scoprire che la temperatura globale sta aumentando, allora sono informazioni.
  • Il numero di visitatori di un sito Web per paese è un esempio di dati. Scoprire che il traffico dagli Stati Uniti sta aumentando mentre quello dall'Australia sta diminuendo è un'informazione significativa.
  • Spesso sono richiesti dati per il backup di un reclamo o di una conclusione (informazioni) derivati ​​o dedotti da esso. Ad esempio, prima che un farmaco sia approvato dalla FDA, il produttore deve condurre studi clinici e presentare molti dati per dimostrare che il farmaco è sicuro.

Dati "fuorvianti"

Poiché i dati devono essere interpretati e analizzati, è del tutto possibile - anzi, molto probabile - che vengano interpretati in modo errato. Quando ciò porta a conclusioni errate, si dice che i dati sono fuorvianti. Spesso questo è il risultato di dati incompleti o di una mancanza di contesto. Ad esempio, il tuo investimento in un fondo comune potrebbe aumentare del 5% e potresti concludere che i gestori del fondo stanno facendo un ottimo lavoro. Tuttavia, ciò potrebbe essere fuorviante se i principali indici di borsa sono aumentati del 12%. In questo caso, il fondo ha notevolmente sottoperformato il mercato.

Video che spiega le differenze

Etimologia

"Dati" deriva da una singolare parola latina, dato, che originariamente significava "qualcosa di dato". Il suo primo utilizzo risale al 1600. Nel tempo i "dati" sono diventati il ​​plurale del dato .

"Informazioni" è una parola più antica che risale al 1300 e ha origini in francese antico e inglese medio. Ha sempre fatto riferimento a "l'atto di informare", di solito per quanto riguarda l'educazione, l'istruzione o altre comunicazioni di conoscenza.

Grammatica e utilizzo

Mentre "informazione" è un nome numerico o non numerabile che assume un verbo singolare, "dati" è tecnicamente un sostantivo plurale che merita un verbo plurale (ad esempio, I dati sono pronti. ). La singolare forma di "dati" è dato - che significa "un fatto" - una parola che è per lo più caduta fuori dall'uso comune ma è ancora ampiamente riconosciuta da molte guide di stile (ad esempio, Il dato dimostra il suo punto ).

Nell'uso comune che è meno probabile che riconosca il dato, "dati" è diventato in molti casi un nome di massa e assume un verbo singolare (ad esempio, I dati sono pronti. ). Quando ciò accade, è molto facile che "dati" e "informazioni" vengano usati in modo intercambiabile (ad es. L'informazione è pronta ).

Articoli Correlati