Ciclone contro uragano

I cicloni sono sistemi atmosferici tempestosi che hanno il potenziale di causare distruzione. Sono causati dall'instabilità in condizioni atmosferiche. A seconda della regione e della gravità delle condizioni di tempesta, queste tempeste possono essere chiamate tifoni o uragani .

Gli uragani sono un tipo di cicloni tropicali che hanno anche il potenziale di causare una massiccia distruzione a causa dei loro forti venti, pioggia e inondazioni.

Tabella di confronto

Grafico di confronto ciclone contro uragano
Ciclone uragano
DiUn ciclone è un sistema atmosferico di aria in rapida circolazione ammassata attorno a un centro a bassa pressione, di solito accompagnato da tempo tempestoso spesso distruttivo. Le tempeste che iniziano nel Pacifico meridionale sono chiamate cicloni.Un uragano è un ciclone che si trova nell'Oceano Atlantico del Nord, o nell'Oceano Pacifico del nord-est a est della International Date Line, o nell'oceano del Pacifico meridionale a est di 160E, e con venti sostenuti che raggiungono o superano 74 mph.
RotazioneIn senso orario nell'emisfero meridionale e in senso antiorario nell'emisfero settentrionale.In senso orario nell'emisfero meridionale e in senso antiorario nell'emisfero settentrionale
IntensitàComunemente abbastanza forte. La scala per la misurazione dei cicloni è chiamata scala Beaufort e scala Saffir-Simpson e può variare in diversi paesi. I venti possono avvicinarsi a 300 km / h e causare danni all'ampolla.Gli uragani sono classificati in cinque categorie secondo la scala del vento dell'uragano Saffir-Simpson. La velocità del vento e l'intensità del danno aumentano dalla categoria 1 alla categoria 5.
PosizioneOceano Pacifico Meridionale, Oceano Indiano. I cicloni nel Pacifico nord-occidentale che raggiungono (superano) 74 mph sono "tifoni".Oceano Atlantico del Nord, Oceano Pacifico nordorientale a est della International Date Line o Oceano Pacifico del sud a est di 160E. Gli uragani si trovano vicino alla zona tropicale, sopra acque calde nell'oceano Atlantico e Pacifico.
Le aree più colpitel'oceano Pacificomar dei Caraibi
Frequenza10-14 all'anno10-15 all'anno
avvenimentozone caldeDi solito zone calde
Forme di precipitazionepioggiaPioggia

Immagini dell'uragano Andrew dalla NASA GOES

Definizioni di cicloni e uragani

Un ciclone è definito nel dizionario come "un sistema atmosferico caratterizzato dalla rapida circolazione verso l'interno delle masse d'aria attorno a un centro a bassa pressione, di solito accompagnato da tempo tempestoso spesso distruttivo".

Un uragano è un tipo di ciclone tropicale con venti sostenuti che superano i 74 mph e accompagnato da pioggia, tuoni e fulmini.

Posizione geografica

I cicloni iniziano in regioni tropicali come le isole del Pacifico, l'Australia settentrionale e altre aree.

Gli uragani si trovano vicino alla zona tropicale, sopra acque calde nell'oceano Atlantico e Pacifico.

Uragano Isaac visto da un satellite della NASA il 28 agosto 2012.

Differenze nelle caratteristiche

I cicloni hanno un centro di bassa pressione che si chiama "occhio", e il vento che circonda è in senso antiorario nell'emisfero settentrionale e in senso orario nell'emisfero meridionale. La velocità dei cicloni varia da 32 a 200 km / h. I cicloni si verificano principalmente in una stagione particolare e colpiscono principalmente le zone costiere. I cicloni possono essere di sei tipi principali: polare, polare basso, extratropicale, subtropicale, tropicale e mesociclone.

Gli uragani si sviluppano sull'acqua dell'oceano più calda di 26, 5 gradi Celsius e il calore e l'umidità dell'oceano formano la base di questo tipo di tempesta. Pertanto, gli uragani si indeboliscono rapidamente sulla terra e sulle acque fredde, che non possono fornire abbastanza calore o umidità per sostenere questa tempesta. I centri a bassa pressione degli uragani sono conosciuti come "occhio" e sono più caldi delle aree circostanti. L'occhio è circondato da forti venti e pioggia e questa zona è chiamata "parete dell'occhio". Gli uragani non hanno fronti. La stagione degli uragani raggiunge il picco da metà agosto a fine ottobre nell'Oceano Atlantico.

Rotazione

Sia i cicloni che gli uragani ruotano in senso orario nell'emisfero meridionale e in senso antiorario nell'emisfero settentrionale.

Differenze di intensità e danni

Gli uragani sono classificati in cinque categorie secondo la scala Saffir-Simpson. La velocità del vento e l'intensità del danno aumentano dalla Categoria 1 alla Categoria 5. Gli uragani di Categoria 1 causano danni minimi con velocità del vento di 74-95 miglia orarie (mph), la categoria 2 causa danni moderati con velocità del vento che variano da 96-110 mph, la categoria 3 causa danni estesi, con velocità del vento di 111-130 mph, la categoria 4 provoca danni estremi con velocità del vento di 131-155 mph e la categoria 5 presenta danni catastrofici con velocità del vento di oltre 155 mph.

La scala per misurare i cicloni è chiamata scala Beaufort e scala Saffir-Simpson e può variare in base al paese. La scala per misurare l'intensità dei cicloni dipende dall'intensità del danno e dalla velocità del vento. La scala varia da danni domestici trascurabili e distruzione di piante e alberi a danni estesi e distruzione diffusa, con velocità del vento che varia da 74 a 156 mph.

Frequenza

Ci sono 10-14 cicloni che si verificano ogni anno. Nell'oceano Atlantico, gli uragani si verificano circa cinque o sei volte l'anno.

rivelazione

I cicloni e gli uragani vengono rilevati dal radar Pulse-Doppler, dalla fotogrametria e dai modelli di turbolenza del terreno.

Notizie sugli uragani

Articoli Correlati