Conservatore vs. Liberale

L'epiteto conservatore o liberale è usato per descrivere opinioni e affiliazioni politiche ed economiche. Il significato di "conservatore" o "liberale" potrebbe essere diverso in diversi contesti: sociale, economico e politico. Differiscono anche nell'uso in diversi paesi e nel tempo.

Tabella di confronto

Tabella comparativa conservativa contro liberale
prudente Liberale
visioni politicheDi destra, anti-federalista. Preferisce un governo più piccolo, meno regolamentazione, la maggior parte dei servizi forniti dal settore privato in un libero mercato e un'interpretazione letterale della Costituzione.Federalista di sinistra. Preferire un numero maggiore di normative e servizi come l'assistenza sanitaria universale gratuita da parte del governo a tutti i cittadini.
Viste economicheIl governo dovrebbe tassare di meno e spendere di meno. Ridurre la spesa per bilanciare il bilancio dovrebbe essere la priorità. I redditi più alti dovrebbero avere un incentivo a investire (crediti). La carità è responsabilità delle persone.Il governo dovrebbe fornire più servizi ai meno fortunati (come l'assistenza sanitaria) e aumentare le tasse se necessario. I redditi ad alto reddito dovrebbero pagare una percentuale maggiore del loro reddito sotto forma di imposte.
Viste socialiOpposto al matrimonio gay, all'aborto e alla ricerca sulle cellule staminali embrionali. Sostenere il diritto di portare armi, pena di morte e responsabilità personale come individuo.Le coppie gay ottengono uguali diritti come tutti gli altri (ad esempio il matrimonio); l'aborto dovrebbe essere legale; sostenere la ricerca sulle cellule staminali embrionali. Supportare le restrizioni e le normative sul diritto di portare armi.
Responsabilità personaleGli individui dovrebbero esercitare la responsabilità personale ed è il ruolo dei governi a renderli responsabili anche con sanzioni severe. Le leggi sono emanate per riflettere il miglior interesse della società nel suo insieme.Le persone dovrebbero rivolgersi al governo per fornire una struttura. Le leggi sono emanate per proteggere ogni individuo per una società uguale a volte a spese della libertà economica se necessario.

Le questioni sociali

In termini di opinioni su questioni sociali, i conservatori si oppongono al matrimonio gay, all'aborto e alla ricerca sulle cellule staminali embrionali. I liberali, d'altra parte, sono più inclini a sinistra e generalmente supportano il diritto dei gay di sposarsi e il diritto delle donne di scegliere di abortire, come stabilito dalla Corte Suprema degli Stati Uniti a Roe v Wade .

Per quanto riguarda il diritto di portare armi, i conservatori sostengono questo diritto in quanto si applica a tutti i cittadini degli Stati Uniti, mentre i liberali si oppongono alla proprietà civile delle armi - o per lo meno, chiedono che le restrizioni siano posti come controlli sui precedenti delle persone che vogliono comprare armi, richiedendo la registrazione di pistole ecc.

Problemi economici

Le diverse scuole di pensiero economico trovate tra conservatori e liberali sono strettamente legate alla storia anti-federalista e federalista americana, con i conservatori che desiderano poco o nessun intervento del governo negli affari economici e che i liberali desiderano una maggiore regolamentazione.

I conservatori economici ritengono che il settore privato possa fornire la maggior parte dei servizi in modo più efficiente rispetto al governo. Ritengono inoltre che la regolamentazione del governo sia dannosa per le imprese, di solito abbia conseguenze indesiderate e dovrebbe essere minima. Con molti conservatori che credono nell'economia del "gocciolamento", favoriscono un piccolo governo che riscuote meno tasse e spende meno.

Al contrario, i liberali credono che molti cittadini facciano affidamento sui servizi governativi per l'assistenza sanitaria, l'assicurazione contro la disoccupazione, le norme sulla salute e la sicurezza e così via. Come tale, i liberali spesso favoriscono un governo più grande che paga di più e spende di più per fornire servizi ai suoi cittadini.

Vedi anche: Confronto tra i piani fiscali di Hillary Clinton e Donald Trump

Alcuni buoni esempi di questa divisione delle politiche sono l'Agenzia per la protezione ambientale, che i liberali ritengono vitale e alcuni conservatori vogliono abolire o ridimensionare, e i programmi Medicare e Medicaid, che i liberali vogliono espandere e i conservatori ritengono che dovrebbero essere privatizzati parzialmente o completamente un sistema di buoni collegato agli assicuratori sanitari privati.

Nella prima parte del ventesimo secolo, i liberali - specialmente quelli in Gran Bretagna - erano coloro che rappresentavano il giusto capitalismo. In tempi più recenti, tuttavia, la nomenclatura sembra essersi invertita. L'eccezione a ciò si trova in Australia, dove il partito conservatore mainstream si chiama Partito Liberale e il partito non conservatore mainstream si chiama Partito Laburista.

Visioni politiche

I liberali politici credono che i partiti motivati ​​dall'interesse personale siano disposti a comportarsi in modo dannoso per la società a meno che il governo non sia preparato e autorizzato a vincolarli. Credono che la regolamentazione sia necessaria quando gli individui, le società e le industrie dimostrano la volontà di perseguire guadagni finanziari a un costo intollerabile per la società e diventano troppo potenti per essere vincolati da altre istituzioni sociali. I liberali credono in protezioni sistematiche contro luoghi di lavoro pericolosi, prodotti di consumo non sicuri e inquinamento ambientale. Rimangono diffidenti nei confronti della corruzione e degli abusi storici - in particolare l'oppressione delle minoranze politiche - che si sono verificati in assenza di controllo da parte delle autorità statali e locali. I liberali apprezzano gli educatori e si affidano alla scienza. Credono che il benessere pubblico sia promosso coltivando una società ampiamente tollerante e tollerante.

I conservatori politici ritengono che la regolamentazione commerciale faccia più male che bene: usurpando inutilmente le libertà politiche, potenzialmente soffocando le innovazioni trasformative e in genere portando a ulteriori interferenze normative. Sostengono la contrazione del coinvolgimento del governo anche negli aspetti non commerciali della società, invitando il settore privato ad assumere le proprie attività. I conservatori chiedono la devoluzione dei poteri agli stati e credono che soluzioni su misura locale siano più appropriate alle circostanze locali. Promulgano la responsabilità individuale e credono che una società forte sia formata da cittadini che possono resistere da soli. I conservatori apprezzano le forze armate e pongono l'accento sulla fede. I conservatori credono nell'importanza della stabilità e promuovono la legge e l'ordine per proteggere lo status quo.

I liberali credono nell'accesso universale alle cure sanitarie - credono che la salute personale non debba in alcun modo dipendere dalle proprie risorse finanziarie e sostengono l'intervento del governo per interrompere tale legame. I conservatori politici non preferiscono sponsorizzazioni governative dell'assistenza sanitaria; preferiscono che tutte le industrie siano private, favoriscano la deregolamentazione del commercio e sostengono un ruolo ridotto per il governo in tutti gli aspetti della società - credono che il governo non debba in alcun modo essere coinvolto nelle decisioni di acquisto della propria sanità.

Tratti psicologici

Jonathan Haidt, un professore di psicologia dell'Università della Virginia, ha esaminato i valori di liberali e conservatori attraverso attributi morali accoppiati: danno / cura, equità / reciprocità, ingroup / lealtà, autorità / rispetto, purezza / santità . Descrive le differenze psicologiche nel seguente discorso TED:

Haidt ha anche scritto un libro, The Righteous Mind, basato sui suoi studi condotti per diversi anni su argomenti liberali e conservatori. Nicholas Kristof, un liberale dichiarato, ha offerto una recensione imparziale del libro e ha citato alcune scoperte interessanti come:

  • La moralità per i conservatori include tre attributi che non sono così apprezzati dai liberali: lealtà, rispetto per l'autorità e santità .
  • La ricerca suggerisce che i conservatori sono particolarmente in sintonia con le minacce, con un riflesso più sorprendente in risposta a rumori forti. I conservatori secernono anche più umidità della pelle quando vedono immagini disgustose, come una persona che mangia vermi: i liberali rispondono in modo meno enfatico.
  • I liberali preferiscono i cani empatici, non sottomessi; i conservatori cercano cani leali e obbedienti.

libertari

I liberali non dovrebbero essere confusi con i libertari. I libertari ritengono che il ruolo del governo dovrebbe essere estremamente limitato, specialmente nella sfera economica. Credono che i governi siano inclini alla corruzione e alle inefficienze e che il settore privato in un libero mercato possa ottenere risultati migliori delle burocrazie governative, perché prendono decisioni migliori sull'allocazione delle risorse. I liberali, d'altra parte, favoriscono un maggiore coinvolgimento del governo perché credono che ci siano diverse aree in cui il settore privato - specialmente se non regolamentato - ha bisogno di controlli ed equilibri per garantire la protezione dei consumatori.

L'obiettivo principale dei libertari è la massimizzazione della libertà per tutti i cittadini, indipendentemente dalla razza, dalla classe o dalla posizione socio-economica.

Articoli Correlati