Composto vs. Elemento

Elementi e composti sono pure sostanze chimiche presenti in natura. La differenza tra un elemento e un composto è che un elemento è una sostanza fatta dello stesso tipo di atomi, mentre un composto è composto da elementi diversi in proporzioni definite. Esempi di elementi includono ferro, rame, idrogeno e ossigeno. Esempi di composti includono acqua (H 2 O) e sale (cloruro di sodio - NaCl)

Gli elementi sono elencati in base al loro numero atomico nella tavola periodica. Tra i 117 elementi noti, 94 sono presenti in natura come carbonio, ossigeno, idrogeno ecc. 22 sono prodotti artificialmente con cambiamenti radioattivi. La ragione di ciò è la loro instabilità a causa della quale subiscono un decadimento radioattivo per un periodo di tempo dando origine a nuovi elementi durante il processo come uranio, torio, bismuto ecc. Gli elementi si combinano in rapporti fissi e danno origine a composti stabili a causa di legami chimici che facilita la formazione di composti.

Tabella di confronto

Grafico di confronto composto contro elemento
Composto Elemento
DefinizioneUn composto contiene atomi di diversi elementi combinati chimicamente insieme in un rapporto fisso.Un elemento è una sostanza chimica pura fatta dello stesso tipo di atomo.
RappresentazioneUn composto è rappresentato usando la sua formula chimica che rappresenta i simboli dei suoi elementi costitutivi e il numero di atomi di ciascun elemento in una molecola del composto.Un elemento è rappresentato mediante simboli.
ComposizioneI composti contengono elementi diversi in un rapporto fisso disposto in modo definito attraverso legami chimici. Contengono solo un tipo di molecola. Gli elementi che compongono il composto vengono combinati chimicamente.Gli elementi contengono solo un tipo di atomo. Ogni atomo ha lo stesso numero atomico, cioè lo stesso numero di protoni nel loro nucleo.
EsempiAcqua (H2O), cloruro di sodio (NaCl), bicarbonato di sodio (NaHCO3) ecc.Idrogeno (H), ossigeno (O), sodio (Na), cloro (Cl), carbonio (C), ferro (Fe), rame (Cu), argento (Ag), oro (Au) ecc.
Capacità di abbattereUn composto può essere separato in sostanze più semplici mediante metodi / reazioni chimici.Gli elementi non possono essere scomposti in sostanze più semplici da reazioni chimiche.
tipiÈ possibile creare un numero enorme, praticamente illimitato di composti chimici. I composti sono classificati in composti molecolari, composti ionici, composti intermetallici e complessi.Sono stati osservati circa 117 elementi. Può essere classificato come metallo, non metallo o metalloide.

Differenze nelle proprietà

Gli elementi si distinguono per nome, simbolo, numero atomico, punto di fusione, punto di ebollizione, densità e energie di ionizzazione. Nella tavola periodica, gli elementi sono disposti in base al loro numero atomico e sono raggruppati in base a proprietà chimiche simili e sono rappresentati dai loro simboli.

  • Numero atomico : il numero atomico è indicato dalla lettera Z ed è il numero di protoni presenti nel nucleo dell'atomo dell'elemento. Ad esempio, il carbonio ha 6 protoni nel suo nucleo e per Carbon, Z = 6. Il numero di protoni è anche indicativo di carica elettrica o numero di elettroni presenti nel nucleo che determina le proprietà chimiche dell'elemento.
  • Massa atomica - la lettera A indica la massa atomica dell'elemento che è il numero totale di protoni e neutroni nel nucleo di un atomo dell'elemento. Gli isotopi degli stessi elementi differiscono nelle loro masse atomiche.
  • Isotopi : gli isotopi di un elemento hanno lo stesso numero di protoni nel loro nucleo ma differiscono nel numero di neutroni. Gli elementi presenti in natura hanno più di un isotopo stabile. Pertanto gli isotopi hanno proprietà chimiche simili (a causa dello stesso numero di protoni) ma proprietà nucleari diverse (a causa del diverso numero di neutroni). Ad esempio, il carbonio ha tre isotopi, Carbon - 12, Carbon -13 e Carbon - 14.
  • Allotropi : gli atomi di un elemento possono formare legami tra loro in più di un modo portando a differenze nelle loro proprietà chimiche. Ad esempio, il carbonio si lega in un tetraedro per formare il diamante e gli strati di esagoni di carbonio formano la grafite.

I composti sono composti da diversi elementi in una proporzione fissa. Ad esempio, 1 atomo di sodio (Na) si combina con 1 atomo di cloro (Cl) per formare una molecola di composto di cloruro di sodio (NaCl). Gli elementi in un composto non mantengono sempre le loro proprietà originali e non possono essere separati con mezzi fisici. La combinazione di elementi è facilitata dalla loro valenza. La valenza è definita come il numero di atomi di idrogeno richiesti che possono combinarsi con un atomo dell'elemento che forma il composto. La maggior parte dei composti possono esistere come solidi (temperature abbastanza basse) e possono essere decomposti dall'applicazione del calore. A volte elementi estranei sono intrappolati all'interno della struttura cristallina dei composti dando loro una struttura non omogenea. I composti sono rappresentati dalla loro formula chimica che segue il sistema Hill in cui gli atomi di carbonio sono elencati per primi, seguiti dagli atomi di idrogeno dopo i quali gli elementi sono elencati in ordine alfabetico.

Visualizzazione delle differenze

Questa immagine mostra le differenze tra elementi e composti a livello atomico. Gli elementi hanno solo 1 tipo di atomi; i composti hanno più di 1. Elementi e composti sono entrambe sostanze; differiscono dalle miscele in cui sostanze diverse si mescolano insieme ma non tramite legami atomici.

Una visualizzazione per le differenze tra elementi, composti e miscele, sia omogenee che eterogenee.

Storia degli elementi e dei composti

Inizialmente gli elementi venivano usati come riferimento a qualsiasi stato della materia come liquido, gas, aria, solido ecc. Le tradizioni indiane, giapponesi e greche si riferiscono a cinque elementi, ovvero aria, acqua, terra, fuoco ed etere. Aristotele concettualizzò un nuovo quinto elemento chiamato "quintessenza" - che apparentemente formava i cieli. Mentre la ricerca continua, molti eminenti scienziati hanno spianato la strada all'attuale comprensione e descrizione degli elementi. Tra questi, il lavoro di Robert Boyle, Antoine Lavoisier, Dmitri Mendeleev sono particolarmente notevoli. Lavoisier fu il primo a stilare un elenco di elementi chimici e Mendeleev fu il primo a disporre gli elementi in base al loro numero atomico nella tavola periodica. La definizione più attuale di un elemento è assegnata dagli studi condotti da Henry Moseley che afferma che il numero atomico di un atomo è espresso fisicamente dalla sua carica nucleare.

Prima del 1800 l'uso del termine composto poteva anche significare una miscela. Fu nel diciannovesimo secolo che il significato di un composto poteva essere distinto da una miscela. Alchimisti come Joseph Louis Proust, Dalton e Berthollet e i loro studi su vari composti hanno dato alla chimica moderna l'attuale definizione di composto. Il lavoro di Proust ha dimostrato al mondo della chimica che i composti sono stati resi composizione costante dei rispettivi elementi.

Numero CAS

Ogni sostanza chimica è identificata dal suo identificativo numerico univoco: il numero CAS (servizio di riassunti chimici). Quindi ogni composto ed elemento chimico ha un numero CAS. Questo rende le ricerche nel database di elementi e composti più convenienti.

Articoli Correlati