Comunismo contro fascismo

Mentre il comunismo è un sistema basato su una teoria dell'uguaglianza economica e fa appello a una società senza classi, il fascismo è un sistema nazionalista dall'alto verso il basso con rigidi ruoli di classe che è governato da un dittatore onnipotente. Sia il comunismo che il fascismo sono nati in Europa e hanno guadagnato popolarità all'inizio della metà del 20 ° secolo.

Tabella di confronto

Comunismo contro grafico comparativo del fascismo
comunismo Fascismo
FilosofiaDa ciascuno secondo le sue capacità, a ciascuno secondo i suoi bisogni. Il libero accesso agli articoli di consumo è reso possibile dai progressi della tecnologia che consentono la super-abbondanza.Lo stato deve guadagnare gloria attraverso continue conquiste e guerre. Il passato è stato glorioso e lo stato può essere rinnovato. L'individuo non ha alcun valore al di fuori del proprio ruolo nel promuovere la gloria dello Stato. Le filosofie variavano per paese.
Elementi chiaveGoverno centralizzato, economia pianificata, dittatura del "proletariato", proprietà comune degli strumenti di produzione, nessuna proprietà privata. uguaglianza tra i sessi e tutte le persone, attenzione internazionale. Di solito antidemocratico con un sistema a 1 partito.Idealismo reale, governo centralizzato, darwinismo sociale, economia pianificata, antidemocratico, meritocratico, nazionalismo estremo, militarismo, razzismo (nazismo). Ruoli di genere tradizionali e / o esagerati. Sistema a partito unico.
ideeTutte le persone sono uguali e quindi le lezioni non hanno senso. Il governo dovrebbe possedere tutti i mezzi di produzione e terra e anche tutto il resto. Le persone dovrebbero lavorare per il governo e la produzione collettiva dovrebbe essere ridistribuita equamente.Unione tra imprese e stato, con lo stato che dice all'impresa cosa fare, con proprietà nominalmente privata. Corporativismo in Italia, nazionalsocialismo in Germania. Pianificazione centrale dell'economia nazionale. Ridistribuzione della ricchezza (nazista).
Sistema politicoUna società comunista è apolide, priva di classe e governata direttamente dal popolo. Questo, tuttavia, non è mai stato raggiunto. In pratica, sono stati di natura totalitaria, con un partito centrale che governa la società.Un leader carismatico ha autorità assoluta. Spesso il simbolo dello stato. I consiglieri del governo sono generalmente scelti in base al merito anziché alle elezioni. Clientelismo comune.
Proponenti chiaveKarl Marx, Friedrich Engels, Peter Kropotkin, Rosa Luxemburg, Vladimir Lenin, Emma Goldman, Leon Trotsky, Joseph Stalin, Ho Chi Minh, Mao Zedong, Josip Broz Tito, Enver Hoxha, Che Guevara, Fidel Castro.Adolf Hitler, Benito Mussolini, Francisco Franco, José Antonio Primo de Rivera, Corneliu Zelea Codreanu, Ante Pavelić, Ikki Kita, Wang Jingwei, Plínio Salgado, Konstantin Rodzaevsky, Oswald Mosley, William Dudley Pelley, Aleksandr Dugin.
Proprietà privataAbolito. Il concetto di proprietà viene negato e sostituito con il concetto di beni comuni e proprietà con "utenza".Nominalmente permesso. Contingente al servizio, all'obbedienza o all'utilità per lo Stato.
DefinizioneTeoria o sistema internazionale di organizzazione sociale basata sulla detenzione di tutte le proprietà in comune, con proprietà effettiva attribuita alla comunità o allo stato. Rifiuto dei mercati liberi ed estrema sfiducia nel capitalismo in qualsiasi forma.Uno stato estremamente nazionalista e autoritario, di solito guidato da una persona a capo di un partito. Nessuna elezione democratica di rappresentanti. Nessun mercato libero. Nessun individualismo o gloria individuale. Lo stato controlla la stampa e tutti gli altri media.
Coordinamento economicoLa pianificazione economica coordina tutte le decisioni relative agli investimenti, alla produzione e all'allocazione delle risorse. La pianificazione viene effettuata in termini di unità fisiche anziché di denaro.Le imprese sono nominalmente di proprietà privata; lo Stato impone risultati e investimenti. La pianificazione si basa sulla produzione di manodopera prevista anziché sul denaro.
Struttura socialeTutte le distinzioni di classe vengono eliminate. Una società in cui ognuno è sia il proprietario dei mezzi di produzione sia i propri dipendenti.La rigorosa struttura di classe ritenuta necessaria per prevenire il caos (fascista italiano). Tutte le distinzioni di classe vengono eliminate (nazista tedesco). Il nazismo crede in una razza "superiore". Il fascismo italiano non era inizialmente razzista nella dottrina.
ReligioneAbolito: tutti i religiosi e la metafisica vengono respinti. Engels e Lenin concordarono sul fatto che la religione era una droga o "alcol spirituale" e che doveva essere combattuta. Per loro, l'ateismo messo in pratica significava un "rovesciamento forzato di tutte le condizioni sociali esistenti.Il fascismo è una religione civica: i cittadini adorano lo stato attraverso il nazionalismo. Lo stato sostiene solo organizzazioni religiose che sono legalmente / storicamente legate a quello stato; ad esempio, la Guardia di ferro in Romania ha sostenuto la chiesa ortodossa rumena.
Struttura della proprietàI mezzi di produzione sono di proprietà comune, il che significa che nessuna entità o individuo possiede proprietà produttive. L'importanza è attribuita a "utenti" piuttosto che a "proprietà".I mezzi di produzione sono nominalmente di proprietà privata ma diretti dallo Stato. La proprietà privata delle imprese dipende dalla presentazione alla direzione e agli interessi dello Stato.
Scelta liberaO il "voto" collettivo o i governanti dello stato prendono decisioni economiche e politiche per tutti gli altri. In pratica, i righelli, la forza, la propaganda ecc. Sono usati dai sovrani per controllare la popolazione.L'individuo è considerato insignificante; devono sottomettersi alle decisioni della direzione. I ruoli di genere tradizionali sono confermati e / o esagerati.
Movimenti politiciComunismo marxista, leninismo e marxismo – leninismo, stalinismo, trotskismo, maoismo, dengismo, via di Prachanda, hoxismo, titoismo, eurocomunismo, lussemburghismo, comunismo del Consiglio, comunismo di sinistra.Nazionalsocialismo, Falangismo, Nazismo, Strasserismo, Neo-Nazismo, Neo-Fascismo, Bolscevismo Nazionale.
Sistema economicoI mezzi di produzione sono tenuti in comune, annullando il concetto di proprietà dei beni capitali. La produzione è organizzata per provvedere direttamente ai bisogni umani senza alcun uso di denaro. Il comunismo si basa su una condizione di abbondanza materiale.Autarchia (autosufficienza nazionale). Keynesiano (principalmente). Grandi opere pubbliche, spesa in deficit. Sindacato anti e sindacalismo. Fortemente contro i mercati finanziari internazionali e l'usura.
Modo di cambiareIl governo in uno stato comunista è l'agente del cambiamento piuttosto che qualsiasi mercato o desiderio da parte dei consumatori. Il cambiamento da parte del governo può essere rapido o lento, a seconda del cambiamento nell'ideologia o persino del capriccio.Il governo in uno stato fascista è l'agente del cambiamento piuttosto che qualsiasi mercato o desiderio da parte dei consumatori. Il cambiamento da parte del governo può essere rapido o lento, a seconda di un cambiamento nella produzione di manodopera o anche per capriccio del dittatore.
DiscriminazioneIn teoria, tutti i membri dello stato sono considerati uguali tra loro.Credere in una razza superiore (nazismo). Credenza in una nazione superiore (fascismo e nazismo). Genere (F & N). Handicap mentali o fisici. Malattia mentale. Alcolisti. Gli omosessuali. Roma. Ebrei (nazisti). Opposizione ideologica e politica, sindacati (F&N).
Mezzi di controlloTeoricamente non c'è controllo statale.Il fascismo impiega forza diretta (polizia segreta, intimidazioni governative, campi di concentramento e omicidi), propaganda (abilitata da mezzi di comunicazione statali, pesantemente censurati), manifestazioni, ecc.
EsempiIdealmente, non esiste un leader; le persone governano direttamente. Questo non è mai stato effettivamente praticato e ha appena utilizzato un sistema monopartitico. Esempi di stati comunisti sono l'ex Unione Sovietica, Cuba e la Corea del Nord.I governi fascisti sono generalmente guidati da una persona: un dittatore. Questa non è un'aberrazione della dottrina, in realtà è una componente importante di essa.
variazioniAnarchismo di sinistra, comunismo del Consiglio, comunismo europeo, comunismo juche, marxismo, comunismo nazionale, comunismo pre-marxista, comunismo primitivo, comunismo religioso, comunismo internazionale.Nazismo, austrofascismo, fascismo britannico, cristofascismo, fascismo clericale, falangismo, francoismo, fascismo italiano, nazionalsocialismo, neofascismo, proto-fascismo, fascismo tropicale.
I primi restiTeorizzato da Karl Marx e Frederick Engels a metà del XIX secolo come alternativa al capitalismo e al feudalesimo, il comunismo non fu provato fino a dopo la rivoluzione in Russia nei primi anni '10.L'impero romano, che si potrebbe sostenere, era un'entità fascista. Le prime teorie fasciste si basavano su esempi lasciati dall'impero romano.
Vista del mondoIl comunismo è un movimento internazionale; I comunisti in un paese si vedono solidali con i comunisti in altri paesi. I comunisti diffidano delle nazioni e dei leader nazionalisti. I comunisti diffidano fortemente delle "grandi imprese".I fascisti sono ultra-nazionalisti che si identificano fortemente con altre nazioni e leader nazionalisti. I fascisti diffidano dell'internazionalismo e raramente rispettano gli accordi internazionali. I fascisti non credono nel concetto di diritto internazionale.
Esempi moderniLe dittature recenti di estrema sinistra includono l'URSS (1922-1991) e la sua sfera in tutta l'Europa orientale. Al momento solo cinque nazioni hanno governi comunisti: Cina, Corea del Nord, Cuba, Laos e Russia.Le dittature recenti di estrema destra includono la Repubblica del Cile sotto Augusto Pinochet (1973-1990) e la Repubblica argentina sotto Juan Perón (1946-1955) / (1973-1974). Al momento non esistono governi apertamente fascisti.
Vista della guerraI comunisti credono che la guerra faccia bene all'economia stimolando la produzione, ma dovrebbe essere evitata.La guerra fa bene al morale della nazione e quindi fa bene allo Stato. Attraverso la conquista della guerra, lo Stato può raggiungere la gloria. Lo stato nazionale è rafforzato dalla sottomissione delle nazioni inferiori. La guerra non ha effetti negativi sull'economia.
StoriaI principali partiti comunisti includono il Partito comunista dell'Unione Sovietica (1912-91), il Partito comunista cinese (1921-ON), il Partito dei lavoratori della Corea (1949-ON) e il Partito comunista di Cuba (1965-ON ).Termine coniato da Mussolini negli anni 1920 quando ottenne il controllo dell'Italia. Altri importanti regimi fascisti includono il NSDAP in Germania (1933-45), l'Unione Nazionale in Portogallo (1934-68) e la Spagna francoista (1936-1975).
LetteraturaIl manifesto comunista, "Das Kapital", Lo stato e la rivoluzione, La giungla, Riforma o rivoluzione, Capitale (Vol. I: Un'analisi critica della produzione capitalista), Socialismo: utopico e scientifico, l'Uva dell'ira.The Dottrine of Fascism, Manifesto fascista, "La Conquista del Estado", "Mein Kampf", La mia autobiografia, Il mito del XX secolo, L'ultima volontà di un fascista russo.

Cosa sono il comunismo e il fascismo?

Come sistema socioeconomico, il comunismo considera tutte le proprietà come comuni, cioè di proprietà della comunità o dello stato. Questo sistema sottolinea anche l'importanza di una società "senza classi", in cui non vi sono differenze tra le classi abbienti e lavoratrici, tra uomini e donne o tra razze. Mentre il comunismo marxista è la forma più comune di comunismo, esiste anche il comunismo non marxista.

Come è evidente da molteplici definizioni di fascismo, vi sono notevoli variazioni in ciò che gli scienziati sociali chiamano fascismo . Tuttavia, tenteremo di descrivere cosa significa generalmente. Anche il fascismo è un sistema politico ed economico, ma si concentra sullo stato nazionale, come governato da un dittatore, e su una rigida struttura sociale. Sotto il fascismo, l'iper-mascolinità, la gioventù e persino la violenza e il militarismo sono tenuti in grande considerazione. Qualsiasi idea "esterna" che sia in conflitto con lo stato nazionale è indesiderabile; come tale, il fascismo spesso evita il conservatorismo, il liberalismo, la democrazia e il comunismo, allo stesso modo, ed è anche generalmente ostile verso l'uguaglianza per le donne e le diverse razze e persone.

Filosofia Comunista

Il comunismo può essere fatto risalire a Thomas More, un eminente cattolico inglese che scrisse di una società basata sulla proprietà comune della proprietà in Utopia nel 1516. L'origine del comunismo è più comunemente associata a Karl Marx e Friedrich Engels nel loro libro del 1848 The Communist Manifesto . Marx era un critico della rivoluzione industriale e sentiva che le classi lavoratrici venivano sfruttate sotto il capitalismo.

Nel libro, Marx ed Engels propongono un sistema comunista, in cui la proprietà è di proprietà comune di una società ateistica e senza classi, eliminando così le differenze tra lavoratori (proletariato) e élite facoltose (borghesia). Sostengono che il raggiungimento di questo stato eliminerebbe quasi tutti i problemi sociali causati dalla disuguaglianza e dallo sfruttamento e metterebbe l'umanità su un livello superiore di progresso. Tuttavia, Marx ed Engels non descrivono mai come si possa creare una società del genere, lasciando essenzialmente una lista vuota da riempire per gli altri.

Dal 1917 al 1924, Vladimir Lenin guidò il Partito comunista in Russia, stabilendo la struttura e la direzione che l'ideologia avrebbe preso. La sua visione di uno stato comunista globale era poco più che un'estensione della "rivoluzione dei lavoratori" di Marx. A tal fine, Lenin ha cercato di influenzare il comunismo e il suo sviluppo in tutta Europa. Tuttavia, le lotte interne al potere del partito hanno portato al licenziamento o all'esilio di leader chiave, come Leon Trotsky, e hanno lasciato il regime comunista russo in balia dell'opportunismo alla morte di Lenin. In quel vuoto entrò Joseph Stalin, che evitò le questioni teoriche a favore del potere solidificante.

Lo sviluppo del comunismo in tutto il mondo fu influenzato dopo gli anni '30 da problemi economici, specialmente nei territori postcoloniali, come parti dell'Africa e dell'Asia, e in regioni politicamente instabili nell'America centrale e meridionale. Sebbene la Russia abbia cercato di assumere un ruolo guida attraverso l'influenza economica e militare, così come la Cina in Asia, la mancanza di un vero successo economico ha finora limitato i guadagni ottenuti dal comunismo.

Filosofia fascista

Il fascismo si basa sulla gloria dello stato nazionale. Le sue origini possono essere fatte risalire ai movimenti nazionalistici della fine del XIX secolo. Due francesi, Charles Maurras e Georges Sorel, hanno scritto del nazionalismo integrale e dell'azione radicale sindacalista come modi per creare una società più organica e prospera. Questi scritti influenzarono l'italiano Enrico Corradini, che postulò un movimento razionalista-sindacalista, guidato dall'aristocrazia e dalle forze antidemocratiche. Combinato con il futurismo, una dottrina dei primi del 20 ° secolo di forzare il cambiamento (anche ricorrendo alla violenza), i semi del fascismo hanno messo radici in Italia all'inizio della prima guerra mondiale. Tuttavia, il fascismo si è formato in modi diversi in ogni paese, riuscendo (Italia, Germania, Spagna, brevemente in Portogallo) o fallimento (Francia) a modo suo.

Nonostante i diversi processi di sviluppo, i regimi fascisti condividono diverse caratteristiche in comune, tra cui il nazionalismo militarista estremo, l'opposizione alla democrazia parlamentare, la politica economica conservatrice che favorisce i ricchi, il disprezzo per il liberalismo politico e culturale, la convinzione nella gerarchia sociale naturale e il dominio di élite e il desiderio di creare un Volksgemeinschaft (tedesco per "comunità popolare"), in cui gli interessi individuali sono subordinati al bene della nazione. Altre due caratteristiche emerse nella pratica: il legame degli interessi corporativi con la "volontà nazionale" e il controllo diretto dei media che porta a una propaganda diffusa.

Questo video cerca di spiegare le principali differenze tra fascismo e comunismo.

Struttura sociale e gerarchie di classe

I comunisti ispirati al Manifesto comunista credono che le gerarchie di classe debbano essere abolite dallo stato che prende il controllo della proprietà privata e dell'industria, abolendo così la classe capitalista. Allo stesso modo, sono spesso contro altri costrutti sociali, come ruoli di genere rigidi.

Contrariamente all'obiettivo del comunismo di una società senza classi, il fascismo sostiene una rigida struttura di classe, garantendo che ogni membro della società abbia un ruolo specifico e immutabile. Spesso nelle società fasciste le donne sono limitate alla casa e all'educazione dei figli, e un certo gruppo razziale o etnico è considerato superiore, con l'unità nazionale ed etnica incoraggiata a spese dell'individualità e della diversità. Ad esempio, il regime fascista di Hitler glorificò la razza ariana e chiese lo sterminio di ebrei, zingari e polacchi durante la seconda guerra mondiale. Inoltre, altri gruppi con differenze effettive o percepite, inclusi omosessuali, disabili e comunisti, furono presi di mira durante l'Olocausto.

Sistema politico

Sia il fascismo che il comunismo sono contrari al processo democratico ma con alcune differenze. Il fascismo guarda alla democrazia parlamentare. Leader fascisti come Hitler e Mussolini hanno partecipato alla politica elettorale prima di salire al potere. Ma dopo aver preso il potere, i leader fascisti tendevano ad abolire i partiti politici, si opponevano al suffragio universale e divennero dittatori e sovrani per la vita.

Nei paesi comunisti, la democrazia potrebbe essere la strada verso il potere (viene eletta la maggioranza comunista), ma la regola prevalente è il governo a partito unico. Sebbene le elezioni possano continuare a tenersi, il Partito comunista di un paese è spesso l'unico organo idoneo a collocare i candidati alle elezioni. La leadership nel partito di solito si basa sull'anzianità piuttosto che sul merito. Un comitato di governo centrale all'interno del partito governa il dibattito (consentendolo o meno) e fondamentalmente stabilisce la "linea" seguita dal partito. Sebbene il comunismo predichi l'inclusione, la tendenza è verso l'elitarismo e la concentrazione del potere all'interno della sola direzione del partito. [1]

Sistema economico

Il comunismo si basa sull'equa distribuzione della ricchezza. Il principio del comunismo marxiano era "Da ciascuno secondo le sue capacità, a ciascuno secondo le sue necessità". Tutti nella società ricevono una quota uguale dei benefici derivati ​​dal lavoro, ad esempio cibo e denaro. Al fine di garantire che tutti ricevano un importo uguale, tutti i mezzi di produzione sono controllati dallo stato.

Il fascismo consente l'impresa privata, ma il suo sistema economico è interamente focalizzato sul rafforzamento e glorificazione dello stato. Sia l'Italia fascista che la Germania nazista miravano all'autosufficienza, in modo che ogni paese potesse sopravvivere completamente senza scambi con altre nazioni. Vedi corporativismo fascista.

Diritti individuali

Sia nel comunismo che nel fascismo, la scelta o la preferenza individuale contano meno della società nel suo insieme. Nel comunismo, la religione e la proprietà privata sono entrambe abolite, il governo controlla tutto il lavoro e la ricchezza e le scelte individuali come il lavoro o l'educazione tendono ad essere dettate dal governo. Mentre la proprietà privata è consentita nel fascismo, la maggior parte delle altre scelte sono anche controllate per aumentare la forza dello stato.

Storia del fascismo e del comunismo in pratica

Il primo esempio del comunismo marxista nel mondo reale fu in Russia nel 1917, quando il partito bolscevico prese il controllo della rivoluzione di ottobre. I leader russi dell'epoca, come Vladimir Lenin e Leon Trotsky, furono visti come esempi degni di emulazione in altri paesi, guidando la crescita dei partiti comunisti in tutta Europa. In reazione a quella che fu vista come una crescente minaccia comunista, il fascismo apparve in Italia e Germania.

Il fascismo moderno è nato in Italia negli anni '20, quando Benito Mussolini ha acquisito il controllo e coniato il termine "fascismo" per descrivere la sua forma di governo. L'attenzione era concentrata sul nazionalismo piuttosto che sull'inclusione in uno "stato comunista globale" che molti temevano avrebbe creato marionette del partito comunista russo. Per impedire ai lavoratori di impadronirsi del controllo dei loro luoghi di lavoro, le società e i principali motori economici sono stati rilevati dal governo (nazionalizzato), unendo le imprese e il governo in monopoli. Il fascismo si diffuse poi in tutta Europa, compresa la Germania a partire dal 1933 con i nazisti e il Portogallo nel 1934.

Il comunismo si diffuse in Europa e in Asia, stabilendo una presenza costante nei dibattiti politici di importanti paesi come Inghilterra, Francia e Stati Uniti. In Cina, l'ascesa del Partito Comunista, guidato da Mao Zedong, fu il risultato di una guerra civile. La "caduta della Cina" nel comunismo ha suscitato grande preoccupazione in Europa e negli Stati Uniti, a causa dello scoppio della seconda guerra mondiale.

Dopo la guerra si formò l'Unione Sovietica, con l'aggiunta forzata di diversi paesi alla sua coalizione comunista. La Cina è diventata attiva nella sua sfera di influenza asiatica, appoggiando la Corea del Nord contro la Corea del Sud sostenuta dagli Stati Uniti durante la guerra di Corea, aiutando infine il suo alleato a rimanere una nazione comunista. Il Vietnam fu anche un banco di prova in una guerra in cui gli Stati Uniti avevano il ruolo di "difensore della democrazia" contro lo spettro di una "teoria del domino" basata sul comunismo. Gli Stati Uniti persero questa guerra e i paesi vicini, Laos e Cambogia, stabilirono governi comunisti.

Il comunismo trovò anche punti d'appoggio in Sud America, America Centrale e Africa. Tuttavia, molti di questi regimi furono rovesciati dai successivi colpi di stato o indeboliti dall'influenza degli Stati Uniti. Un'eccezione è Cuba, dove il suo governo fu rovesciato dalle forze di Fidel Castro nel 1959 e dichiarò fedeltà all'Unione Sovietica; da allora è rimasta una nazione comunista.

Il fascismo fu sconfitto nella seconda guerra mondiale, ma la Spagna, sotto Francisco Franco, continuò un regime fascista fino agli anni '70. Altri regimi fascisti sono emersi in Sud America e Africa, ma non sono riusciti a rimanere al potere a lungo.

La diffusione del comunismo, sebbene estesa, ebbe probabilmente meno successo di quanto avrebbe potuto essere a causa della mancanza di collaborazione tra Unione Sovietica e Cina, ognuna delle quali esponeva una diversa filosofia del "vero comunista". Il crollo dell'Unione Sovietica nel 1989 e la depressione economica della Cina che è durata oltre 50 anni, in aggiunta al fallimento di altri governi comunisti, hanno portato ad un ampio abbandono del comunismo come teoria politica.

Esempi moderni

A partire dal 2015, Cina, Cuba e Corea del Nord sono le più importanti di una dozzina di paesi comunisti (su oltre 210 al mondo). Tuttavia, la Cina ha adottato le pratiche capitalistiche di base per sviluppare l'economia più grande e in più rapida crescita del mondo, Cuba ha accettato di normalizzare le relazioni con gli Stati Uniti (incluso lo sviluppo economico) e il "comunismo teocratico" della Corea del Nord, dove si vede la famiglia Kim come un dio, può finire mentre sono in corso discussioni per la riunificazione con la Corea del Sud.

Al momento nessun paese opera secondo una filosofia fascista, ma i neofascisti (o neonazisti) esistono in molti paesi, compresi gli Stati Uniti

Comunisti e fascisti popolari

Noti sostenitori del comunismo negli Stati Uniti includono i cantanti Woody Guthrie, Pete Seeger e Paul Robeson; le attiviste Angela Davis e Bill Ayers; e notò le spie Alger Hiss e i Rosenberg. Molte persone sostenevano apertamente il comunismo negli anni '20 e '30. Ma gli anni '50 videro l'ascesa del senatore Joe McCarthy e del Comitato delle attività non americane della Camera (HUAC), che lanciò centinaia di "indagini" alla ricerca di simpatizzanti comunisti. Sebbene la credenza nel comunismo non sia un crimine secondo la legge degli Stati Uniti, e queste attività alla fine hanno trovato pochissime prove di una cospirazione comunista, un numero considerevole di persone ha subito danni irreparabili alla loro reputazione, come quelli sulla lista nera di Hollywood.

Alcuni famosi americani e compagnie furono coinvolti con i regimi fascisti d'Europa, in particolare la Germania nazista, sebbene la maggior parte in seguito abbia ritirato il loro sostegno aperto. Tra i più noti c'erano l'aviatore Charles Lindbergh, il magnate del giornale William Randolph Hearst, l'industriale Henry Ford e Joseph Kennedy (padre di John F. e Ted Kennedy).

Comunismo e fascismo nei sistemi capitalistici

Molte persone considerano il capitalismo, il comunismo e il fascismo come sistemi completamente separati, ma ci sono elementi condivisi. Nei sistemi capitalistici, la presenza di opere di "dominio pubblico", condivise da tutti, segue un principio comunista, così come un sistema di educazione pubblica. Le società di proprietà dei dipendenti seguono un modello comunista nel fornire ai lavoratori gli stessi diritti e privilegi dei proprietari.

Il lobbismo è una caratteristica fascista nei sistemi capitalistici, in particolare negli Stati Uniti, poiché consente e persino incoraggia la ricchezza degli affari a influenzare la legislazione. Ciò consente alle aziende di cementare alleanze con il potere del governo e di sostituire i diritti dei cittadini. Un'estensione di questo principio è vista nella decisione Citizens United della Corte Suprema, che garantisce diritti di "libertà di parola" alle società.

Articoli Correlati