Comune raffreddore vs. influenza

A differenza del comune raffreddore, l'insorgenza dei sintomi dell'influenza (o dell'influenza ) è molto improvvisa e rapida. Mentre il raffreddore e l'influenza sono entrambe malattie virali infettive, i sintomi del raffreddore sono generalmente limitati solo al naso e alla testa. Ma l' influenza è una malattia molto più grave, con sintomi come febbre, brividi e dolori muscolari. Una persona che soffre del raffreddore comune può generalmente camminare e lavorare, ma un malato di influenza di solito non ha voglia di alzarsi dal letto. Oltre 30.000 persone muoiono di influenza ogni anno negli Stati Uniti.

Tabella di confronto

Grafico comparativo comune del raffreddore contro influenza
Raffreddore Influenza
SintomiTosse, dolori, affaticamento, mal di gola, naso che cola o chiuso, starnuti, naso chiuso, a volte reazione cutanea.I sintomi dell'influenza si manifestano rapidamente (entro 3-6 ore) e comprendono febbre, brividi, forti dolori e fastidio al torace.
TrattamentoAntistaminici, decongestionanti, antinfiammatori non steroidei, riposo extra, bevono molti liquidi.A volte i farmaci antivirali aiutano a controllare l'influenza, ma spesso i pazienti semplicemente aspettano che il loro corpo combatta il virus e superi la malattia. Sono disponibili anche farmaci per facilitare il comfort del paziente.
FaticaA volteDa moderato a grave
doloriA volteSolito e spesso grave, colpisce tutto il corpo.
FebbreA volteDi solito presente
Gola infiammataSpessoRaro
starnutiGeneralmenteRaro
Naso tappatoGeneralmenteRaro
GravitàPochissimo rischio di complicanze o gravi problemi di salute, a meno che la salute e il sistema immunitario non siano già gravemente compromessi.Possono verificarsi gravi problemi di salute, come polmonite, infezioni batteriche.
BrividiNoComune
Fastidio al pettoRaroSpesso grave
Vaccinazione possibileNo

Sintomi di raffreddore comune vs. influenza

L'influenza (influenza) è molto più grave di un comune raffreddore. Con il raffreddore, i sintomi sono centrati attorno al naso e alla gola. Ma l'influenza tende a far soffrire tutto il corpo, il paziente è malato dappertutto.

I sintomi di un raffreddore includono naso che cola o intasato, starnuti, lieve irritazione alla gola, febbre lieve, mal di gola, sensazione di ostruzione delle orecchie e infine muco colorato o secrezione nasale (il che significa che il sistema immunitario sta combattendo l'infezione ).

I sintomi dell'influenza di solito iniziano improvvisamente con la febbre alta e potresti sentirti abbastanza male da andare a letto. Altri sintomi includono irritazione alla gola o ai polmoni, tosse secca, febbre alta, brividi, sudorazione e forti dolori muscolari.

Sono disponibili test per diagnosticare l'influenza ma non esistono tali test per il raffreddore.

Meccanismo di infezione per raffreddore vs influenza

Entrambe le malattie sono sospese nell'aria e contagiose, l'influenza in particolare a causa del suo breve periodo di incubazione. Il modo più comune per contrarre l'influenza o il raffreddore è inalare goccioline da tosse o starnuti. Gli starnuti espellono una concentrazione significativamente maggiore di "nuvola" di virus rispetto alla tosse. La "nuvola" è in parte invisibile e cade ad una velocità abbastanza lenta da durare per ore - con parte dei nuclei delle goccioline che evaporano e lascia nell'aria "nuclei di goccioline" molto più piccoli e invisibili. Anche le goccioline da starnuti o tosse turbolenti o dal contatto con le mani possono durare ore sulle superfici. Il periodo di incubazione (tempo tra l'infezione e lo sviluppo di sintomi) è di 1-3 giorni. Il periodo infettivo (tempo durante il quale una persona infetta può infettare gli altri) inizia circa 1 giorno prima dell'inizio dei sintomi e continua per i primi 5 giorni della malattia. I sintomi, tuttavia, non sono necessari per lo spargimento o la trasmissione virale, in quanto una percentuale di soggetti asintomatici presenta virus nei tamponi nasali, probabilmente controllando il virus a concentrazioni troppo basse per poter presentare sintomi.

Trattamento

Trattamento per raffreddore comune

Non esiste una cura per il raffreddore comune. Il trattamento è limitato alle opzioni di supporto sintomatico, che massimizzano il comfort del paziente e limitano le complicanze e le conseguenze dannose. Il trattamento più affidabile è una combinazione di liquidi e molto riposo. L'Istituto Nazionale di Allergia e Malattie Infettive suggerisce di riposare molto, di bere liquidi per mantenere l'idratazione, di fare gargarismi con acqua salata calda, di usare gocce per la tosse, spray per la gola, dolore da banco o medicine fredde. Le gocce nasali saline possono aiutare ad alleviare la congestione.

Il raffreddore comune è auto-limitante e il sistema immunitario dell'ospite si occupa efficacemente dell'infezione. Entro pochi giorni, la risposta immunitaria umorale del corpo inizia a produrre anticorpi specifici che possono impedire al virus di infettare le cellule. Inoltre, come parte della risposta immunitaria mediata dalle cellule, i leucociti distruggono il virus attraverso la fagocitosi e distruggono le cellule infette per prevenire ulteriori replicazioni virali. In soggetti sani e immunocompetenti, il raffreddore comune si risolve in media in sette giorni.

Sebbene alcune persone assumano antibiotici per trattare il raffreddore comune, i medici ritengono che gli antibiotici non siano affatto efficaci nel trattamento del raffreddore comune. Questo perché il freddo è causato da un virus e non da un batterio.

Trattamento influenzale

Si consiglia alle persone con influenza di riposare molto, di bere molti liquidi, di evitare l'uso di alcol e tabacco e, se necessario, di assumere farmaci come il paracetamolo (paracetamolo) per alleviare la febbre e i dolori muscolari associati all'influenza. Bambini e adolescenti con sintomi influenzali (in particolare la febbre) dovrebbero evitare di assumere l'aspirina durante un'infezione da influenza (in particolare l'influenza di tipo B) perché ciò può portare alla sindrome di Reye, una malattia rara ma potenzialmente fatale del fegato. Poiché l'influenza è causata da un virus, gli antibiotici non hanno alcun effetto sull'infezione; se non prescritti per infezioni secondarie come la polmonite batterica, possono portare a batteri resistenti. I farmaci antivirali sono talvolta efficaci, ma i virus possono sviluppare resistenza ai farmaci antivirali standard.

Le due classi di antivirali sono gli inibitori della neuraminidasi e gli inibitori del M2 (derivati ​​dell'adamantano). Gli inibitori della neuraminidasi sono attualmente preferiti per le infezioni da virus influenzale. Il CDC ha raccomandato di non utilizzare gli inibitori del M2 durante la stagione influenzale 2005-2006.

TAMIFLU

TAMIFLU, un marchio per il farmaco oseltamivir, di solito aiuta solo se assunto entro 24 a 48 ore dall'esordio dei primi sintomi. Anche se non "cura" l'influenza, può aiutare ad alleviare alcuni sintomi e accelerare il recupero. Si noti, tuttavia, che i pediatri generalmente non prescrivono TAMIFLU a bambini molto piccoli a causa dei potenziali effetti collaterali come allucinazioni. I ricercatori hanno sollevato serie preoccupazioni su Tamiflu, non solo sui suoi effetti sulla salute mentale ma anche sull'efficacia del farmaco:

Cochrane [ricercatori] ha concluso che gli studi [clinici] non dimostrano che Tamiflu previene ricoveri, contagiosità o complicanze. L'unica cosa che fa sicuramente, ha detto Cochrane, è ridurre la durata dei sintomi di circa un giorno.

Prevenzione

Un'altra differenza tra raffreddore e influenza è che l'influenza è prevenibile. Ogni anno, solo una manciata di ceppi del virus dell'influenza causano la maggior parte dell'influenza in tutto il mondo. Di conseguenza, gli scienziati lavorano ogni anno sul vaccino antinfluenzale. Mentre il vaccino è abbastanza efficace, i ceppi di influenza imprevisti possono evolversi contro i quali il vaccino fallirà. È disponibile anche un vaccino antinfluenzale per via nasale.

Miti sull'influenza

Ecco alcune idee sbagliate comuni sull'influenza vaccinale [1]:

  1. Il vaccino antinfluenzale provoca l'influenza. La verità è che un vaccino antinfluenzale impiega fino a due settimane per diventare efficace; quindi se una persona viene infettata prima che il vaccino abbia avuto abbastanza tempo per lavorare, si ammalerà.
  2. È troppo tardi per essere vaccinato se hai già avuto l'influenza quest'anno. Il vaccino antinfluenzale è progettato per proteggere da molteplici ceppi del virus dell'influenza. È possibile contrarre l'influenza più di una volta, ogni volta causata da un diverso sforzo. Anche se hai avuto l'influenza, un vaccino può comunque proteggere da altri ceppi del virus.
  3. I vaccini antinfluenzali sono efficaci al 100%. La verità è che puoi ancora ammalarti di influenza anche dopo essere stato vaccinato. Tuttavia, le stime del CDC hanno scoperto che le persone vaccinate hanno il 62% in meno di probabilità di contrarre l'influenza e hanno un rischio molto più basso di richiedere cure mediche se si ammalano.
  4. Le persone allergiche alle uova non possono farsi vaccinare contro l'influenza. I vaccini antinfluenzali sono rischiosi solo se si hanno gravi allergie alle uova. La maggior parte delle persone che soffrono di allergie alle uova non sono a rischio di complicazioni con un vaccino antinfluenzale. Gli effetti collaterali sono lievi, come orticaria o prurito della pelle.

Umidità e virus dell'influenza

Gli scienziati che studiano il legame tra il virus dell'influenza e l'umidità nell'aria hanno concluso che il virus prospera meglio quando l'umidità è superiore al 98% o tra lo zero e il 50%. La dott.ssa Linsey Marr, ricercatrice della Virginia Tech, raccomanda di utilizzare un umidificatore per mantenere i livelli di umidità intorno al 50% (ma non oltre il 60%, perché ciò può causare l'accumulo di muffe) per dare al virus dell'influenza le minori possibilità di sopravvivenza. [2]

Prevenire il raffreddore comune

D'altra parte, il comune raffreddore è causato da una grande varietà di virus, che mutano abbastanza frequentemente durante la riproduzione, con conseguente cambiamento costante dei ceppi virali. Pertanto, l'immunizzazione di successo è altamente improbabile.

Il modo migliore per evitare il raffreddore è evitare il contatto ravvicinato con i malati esistenti; lavarsi le mani accuratamente e regolarmente; e per evitare di toccare la bocca e il viso. I saponi antibatterici non hanno alcun effetto sul virus del raffreddore: è l'azione meccanica del lavaggio delle mani che rimuove le particelle del virus.

Notizie recenti

Articoli Correlati