Capitalismo contro socialismo

Il capitalismo e il socialismo sono in qualche modo opposti scuole di pensiero in economia. Gli argomenti centrali nel dibattito sul socialismo contro il capitalismo riguardano l'uguaglianza economica e il ruolo del governo. I socialisti credono che la disuguaglianza economica sia dannosa per la società e il governo è responsabile della sua riduzione attraverso programmi a beneficio dei poveri (ad es. Istruzione pubblica gratuita, assistenza sanitaria gratuita o sovvenzionata, sicurezza sociale per gli anziani, tasse più alte per i ricchi). D'altro canto, i capitalisti credono che il governo non usi le risorse economiche in modo efficiente come fanno le imprese private, e quindi la società sta meglio con il libero mercato che determina vincitori e vinti economici.

Gli Stati Uniti sono ampiamente considerati il ​​bastione del capitalismo e gran parte della Scandinavia e dell'Europa occidentale sono considerate democrazie socialiste. Tuttavia, la verità è che ogni paese sviluppato ha alcuni programmi socialisti.

Una forma estrema di socialismo è il comunismo .

Vedi anche comunismo contro socialismo.

Tabella di confronto

Grafico comparativo tra capitalismo e socialismo
Capitalismo Socialismo
FilosofiaIl capitale (o il "mezzo di produzione") è posseduto, gestito e scambiato al fine di generare profitti per proprietari privati ​​o azionisti. Enfasi sul profitto individuale piuttosto che sui lavoratori o sulla società nel suo insieme. Nessuna restrizione per chi può possedere capitale.Da ciascuno secondo le sue capacità, a ciascuno secondo il suo contributo. Enfasi sulla distribuzione degli utili nella società o nella forza lavoro per integrare i salari / stipendi individuali.
ideeLaissez-faire significa "lasciare che sia"; si oppone all'intervento del governo in economia perché i capitalisti credono che introduca inefficienze. Un mercato libero produce il miglior risultato economico per la società. Il governo non dovrebbe scegliere vincitori e vinti.Tutti gli individui dovrebbero avere accesso agli articoli di consumo di base e ai beni pubblici per consentire l'autorealizzazione. Le industrie su larga scala sono sforzi collettivi e quindi i rendimenti di queste industrie devono andare a beneficio della società nel suo insieme.
Elementi chiaveLa concorrenza per la proprietà del capitale guida l'attività economica e crea un sistema di prezzi che determina l'allocazione delle risorse; i profitti vengono reinvestiti nell'economia. "Produzione a scopo di lucro": beni e servizi utili sono un sottoprodotto della ricerca del profitto.Calcolo in natura, Proprietà collettiva, Proprietà comune cooperativa, Democrazia economica Pianificazione economica, Pari opportunità, Libera associazione, Democrazia industriale, Modello input-output, Internazionalismo, Buono lavoro, Bilanciamento materiale.
Proponenti chiaveRichard Cantillon, Adam Smith, David Ricardo, Frédéric Bastiat, Ludwig von Mises, Fredrich A. Hayek, Murray N. Rothbard, Ayn Rand, Milton Friedman.Charles Hall, François-Noël Babeuf, Henri de Saint-Simon, Robert Owen, Charles Fourier, Louis Auguste Blanqui, William Thompson, Thomas Hodgskin, Pierre-Joseph Proudhon, Louis Blanc, Moses Hess, Karl Marx, Friedrich Engels, Mikhail Bukinin.
Sistema politicoPuò coesistere con una varietà di sistemi politici, tra cui la dittatura, la repubblica democratica, l'anarchismo e la democrazia diretta. La maggior parte dei capitalisti sostiene una repubblica democratica.Può coesistere con diversi sistemi politici. La maggior parte dei socialisti sostiene la democrazia partecipativa, alcuni (socialdemocratici) sostengono la democrazia parlamentare e i marxisti-leninisti sostengono il "centralismo democratico".
DefinizioneUna teoria o un sistema di organizzazione sociale basato su un libero mercato e la privatizzazione in cui la proprietà è attribuita alle singole persone. È consentita anche la comproprietà volontaria.Una teoria o un sistema di organizzazione sociale basato sulla detenzione della maggior parte delle proprietà in comune, con la proprietà effettiva attribuita ai lavoratori.
Struttura socialeLe classi esistono in base alla loro relazione con il capitale: i capitalisti possiedono quote dei mezzi di produzione e ricavano il loro reddito in quel modo mentre la classe lavoratrice dipende da salari o stipendi. Grande grado di mobilità tra le classi.Le distinzioni di classe sono diminuite. Lo status deriva più dalle distinzioni politiche che dalle distinzioni di classe. Un po 'di mobilità.
ReligioneLibertà di religione.Libertà di religione, ma di solito promuove il secolarismo.
Scelta liberaTutti gli individui prendono decisioni per se stessi. Le persone prenderanno le decisioni migliori perché devono convivere con le conseguenze delle loro azioni. La libertà di scelta consente ai consumatori di guidare l'economia.Religione, lavoro e matrimonio dipendono dall'individuo. Istruzione obbligatoria. Accesso equo e gratuito all'assistenza sanitaria e all'istruzione forniti attraverso un sistema socializzato finanziato dalla fiscalità. Decisioni di produzione guidate più dalle decisioni statali che dalla domanda dei consumatori.
Proprietà privataLa proprietà privata nel capitale e in altri beni è la forma dominante di proprietà. La proprietà pubblica e la proprietà statale svolgono un ruolo secondario e potrebbero esserci anche alcune proprietà collettive nell'economia.Due tipi di proprietà: proprietà personale, come case, vestiti, ecc. Di proprietà dell'individuo. La proprietà pubblica comprende fabbriche e mezzi di produzione di proprietà dello Stato ma con controllo dei lavoratori.
Sistema economicoEconomia basata sul mercato unita alla proprietà privata o aziendale dei mezzi di produzione. Beni e servizi sono prodotti per realizzare un profitto e questo profitto viene reinvestito nell'economia per alimentare la crescita economica.I mezzi di produzione sono di proprietà di imprese o cooperative pubbliche e gli individui sono compensati in base al principio del contributo individuale. La produzione può essere variamente coordinata attraverso la pianificazione economica o i mercati.
DiscriminazioneIl governo non discrimina in base a razza, colore o altra classificazione arbitraria. Sotto il capitalismo di stato (diversamente dal capitalismo di libero mercato), il governo può avere politiche che, intenzionalmente o no, favoriscono la classe capitalista rispetto ai lavoratori.Le persone sono considerate uguali; le leggi sono emanate quando necessario per proteggere le persone dalla discriminazione. L'immigrazione è spesso strettamente controllata.
Coordinamento economicoSi basa principalmente sui mercati per determinare le decisioni di investimento, produzione e distribuzione. I mercati possono essere mercati liberi, mercati regolamentati o possono essere combinati con un certo grado di pianificazione economica o pianificazione statale all'interno di società private.Il socialismo pianificato si basa principalmente sulla pianificazione per determinare le decisioni di investimento e di produzione. La pianificazione può essere centralizzata o decentralizzata. Il socialismo di mercato si basa su mercati per l'allocazione di capitali a diverse imprese di proprietà sociale.
Movimenti politiciLiberalismo classico, liberalismo sociale, libertarismo, neoliberalismo, socialdemocrazia moderna e anarco-capitalismo.Socialismo democratico, comunismo, socialismo libertario, anarchismo sociale e sindacalismo.
EsempiL'economia mondiale moderna opera in gran parte secondo i principi del capitalismo. Il Regno Unito, gli Stati Uniti e Hong Kong sono per lo più capitalisti. Singapore è un esempio di capitalismo di stato.Unione delle Repubbliche socialiste sovietiche (URSS): sebbene l'attuale categorizzazione del sistema economico dell'URSS sia controversa, è spesso considerata una forma di socialismo pianificato centralmente.
Struttura della proprietàI mezzi di produzione sono di proprietà privata e gestiti per un profitto privato. Ciò incentiva i produttori a impegnarsi in attività economiche. Le imprese possono essere di proprietà di privati, cooperative di lavoro o azionisti.I mezzi di produzione sono di proprietà sociale con il plusvalore prodotto da tutta la società (nei modelli di proprietà pubblica) o da tutti i membri dei dipendenti dell'impresa (nei modelli di proprietà delle cooperative).
variazioniCapitalismo di libero mercato (noto anche come capitalismo laissez-faire), capitalismo di stato (noto anche come neo-mercantilismo).Socialismo di mercato, comunismo, socialismo di stato, anarchismo sociale.
Modo di cambiareCambio rapido all'interno del sistema. In teoria, la domanda dei consumatori è ciò che guida le scelte di produzione. Il governo può modificare le regole di condotta e / o le pratiche commerciali attraverso la regolamentazione o la facilità delle normative.I lavoratori in uno stato socialista sono l'agente nominale del cambiamento piuttosto che qualsiasi mercato o desiderio da parte dei consumatori. Il cambiamento da parte dello Stato per conto dei lavoratori può essere rapido o lento, a seconda del cambiamento nell'ideologia o persino del capriccio.
Vista della guerraLa guerra, sebbene buona per settori specifici, è dannosa per l'economia nel suo insieme. Devia inutilmente le risorse dal produrre ciò che aumenterebbe il tenore di vita dei consumatori (cioè, ciò che è richiesto dai consumatori), verso la distruzione.Le opinioni spaziano dal dopoguerra (Charles Edward Russell, Allan L. Benson) all'antibellico (Eugene V. Debs, Norman Thomas). I socialisti tendono a concordare con i keynesiani sul fatto che la guerra è un bene per l'economia stimolando la produzione.
Mezzi di controlloIl capitalismo promuove una "società di contratto" anziché una "società di status". Le decisioni di produzione sono guidate dalla domanda dei consumatori e l'allocazione delle risorse è guidata da un sistema di prezzi derivante dalla concorrenza a scopo di lucro.Uso di un governo.
I primi restiLe idee di commercio, acquisto, vendita e simili sono in circolazione dalla civiltà. Il capitalismo di libero mercato o lasseiz-faire fu portato nel mondo nel XVIII secolo da John Locke e Adam Smith, con l'obiettivo di un'alternativa al feudalesimo.Nel 1516, Thomas More scrisse in "Utopia" su una società basata sulla proprietà comune della proprietà. Nel 1776, Adam Smith sostenne la teoria del valore del lavoro, ignorando la precedente visione cantilloniana secondo cui i prezzi sono derivati ​​dall'offerta e dalla domanda.
Vista del mondoI capitalisti vedono le società capitalistiche e basate sul mercato come fari della libertà, orgogliosi di consentire libertà sociali ed economiche non vissute sotto il comunismo e il fascismo. L'attenzione si concentra sull'individualismo in contrapposizione al nazionalismo.Il socialismo è un movimento sia del lavoratore che della classe media, il tutto per un obiettivo democratico comune.

dottrine

Uno degli argomenti centrali in economia, specialmente nel dibattito socialismo contro capitalismo, è il ruolo del governo. Un sistema capitalista si basa sulla proprietà privata dei mezzi di produzione e sulla creazione di beni o servizi a scopo di lucro. Un sistema socialista è caratterizzato dalla proprietà sociale dei mezzi di produzione, ad esempio imprese cooperative, proprietà comune, proprietà pubblica diretta o imprese statali autonome.

I sostenitori del capitalismo sposano mercati competitivi e liberi e scambi volontari (anziché lo scambio forzato di lavoro o merci). I socialisti sostengono un maggiore coinvolgimento del governo, ma le opinioni dei sostenitori differiscono in termini di tipi di proprietà sociale che sostengono, il grado in cui si basano sui mercati rispetto alla pianificazione, su come organizzare la gestione all'interno delle imprese economiche e il ruolo dello stato in regolamentare le imprese per garantire l'equità.

Critiche al socialismo e al capitalismo

Critiche al capitalismo

"Quando il tasso di rendimento del capitale supera il tasso di crescita della produzione e del reddito, come nel diciannovesimo secolo e sembra molto probabile che si ripeta nel ventunesimo, il capitalismo genera automaticamente disuguaglianze arbitrarie e insostenibili che minano radicalmente il meritocratico valori su cui si basano le società democratiche ". —Economo francese Thomas Piketty nella Capitale nel XXI secolo

Il capitalismo è criticato per incoraggiare pratiche di sfruttamento e disuguaglianza tra classi sociali. In particolare, i critici sostengono che il capitalismo porta inevitabilmente a monopoli e oligarchie e che l'uso delle risorse da parte del sistema è insostenibile.

In Das Kapital, una delle più famose critiche al capitalismo, Karl Marx e Friedrich Engels affermano che il capitalismo concentra profitti e ricchezza nelle mani di pochi che usano il lavoro degli altri per guadagnare ricchezza.

La concentrazione di denaro (capitale e profitti) nel capitalismo può portare alla creazione di monopoli o oligopoli. Come postulato dall'economista britannico John Maynard Keynes, gli oligopoli e i monopoli possono quindi condurre a oligarchie (governo di pochi) o al fascismo (fusione di governo e società con potere monopolistico). Il capitalismo faire di Laissez, sposato con la crescita degli affari negli Stati Uniti del XIX secolo, raggiunse il punto in cui si formarono monopoli e oligopoli (ad esempio Standard Oil), che diedero origine a leggi antitrust, movimenti sindacali e legislazione per proteggere i lavoratori.

Critici come Richard D. Wolff e gruppi ambientalisti affermano anche che il capitalismo è distruttivo di risorse sia naturali che umane, oltre che distruttivo per la stabilità economica, sebbene questo sia in realtà considerato un vantaggio nella "distruzione creativa" delle teorie economiche di Joseph Schumpeter . I fattori non pianificati, quasi caotici, di un'economia capitalista, con le sue recessioni, la disoccupazione e la concorrenza, sono spesso visti come forze negative. Come definito dallo storico Greg Grandin e dall'economista Immanuel Wallerstein, la natura distruttiva del capitalismo si sposta oltre i lavoratori e le comunità verso le risorse naturali, dove la ricerca della crescita e dei profitti tende a ignorare o sopraffare le preoccupazioni ambientali. Quando è collegato all'imperialismo, come nelle opere di Vladimir Lenin, il capitalismo è anche visto come un distruttore di differenze culturali, diffondendo un messaggio di "identità" in tutto il mondo che mina o annulla le tradizioni e le usanze locali.

Critiche al socialismo

"La politica socialista è ripugnante per le idee britanniche di libertà. Il socialismo è inscindibilmente intrecciato con il totalitarismo e l'adorazione oggettiva dello stato. Prescriverà per ognuno dove devono lavorare, a cosa devono lavorare, dove possono andare e ciò che possono dire. Il socialismo è un attacco al diritto di respirare liberamente. Nessun sistema socialista può essere istituito senza una polizia politica. Dovrebbero ricorrere a qualche forma di Gestapo, senza dubbio molto diretta umanamente in primo luogo ". —Il primo ministro britannico Winston Churchill nel 1945

I critici del socialismo tendono a concentrarsi su tre fattori: la perdita della libertà e dei diritti individuali, l'inefficienza delle economie pianificate o controllate e l'incapacità di stabilire le teorie del socialismo ideali sono ideali.

Sulla base della crescita e della prosperità a lungo termine, le economie pianificate o controllate tipiche degli stati socialisti sono andate male. L'economista austriaco Friedrich Hayek ha osservato che i prezzi e le quote di produzione non sarebbero mai adeguatamente supportati dalle informazioni di mercato, dal momento che il mercato nel sistema socialista è sostanzialmente non reattivo ai prezzi o alle eccedenze, solo alle carenze. Ciò porterebbe a decisioni e politiche economiche irrazionali e in definitiva distruttive. Ludwig von Mises, un altro economista austriaco, ha sostenuto che i prezzi razionali non sono possibili quando un'economia ha un solo proprietario di beni (lo stato), poiché ciò porta a squilibri nella produzione e nella distribuzione.

Poiché il socialismo favorisce la comunità rispetto all'individuo, la perdita di libertà e diritti è considerata non democratica nella migliore delle ipotesi e totalitaria nella peggiore. Il filosofo oggettivista Ayn Rand ha affermato che il diritto alla proprietà privata è il diritto fondamentale, poiché se uno non può possedere i frutti del proprio lavoro, allora la persona è sempre soggetta allo stato. Un argomento simile sollevato dai sostenitori del capitalismo, e quindi spesso dai critici del socialismo, è che la concorrenza (considerata un tratto umano di base) non può essere legiferata senza compromettere la volontà di ottenere di più e che senza un adeguato compenso per i propri sforzi, l'incentivo fare bene ed essere produttivi (o più produttivi) viene portato via.

Il socialismo è spesso criticato per principi che non sono socialisti, ma piuttosto comunisti o un ibrido dei due sistemi economici. I critici sottolineano che i regimi "più socialisti" non sono riusciti a fornire risultati adeguati in termini di prosperità economica e crescita. Gli esempi citati vanno dall'ex Unione Sovietica agli attuali regimi in Cina, Corea del Nord e Cuba, la maggior parte dei quali erano o sono più sull'estremità comunista dello spettro.

Sulla base delle prove storiche fornite dai governi comunisti, ad oggi, la grande carestia, la grave povertà e il collasso sono i risultati finali del tentativo di controllare un'economia basata su "piani quinquennali" e di assegnare le persone a lavori e compiti come se il paese fosse un macchina piuttosto che una società. Un'osservazione comune sulle economie socialiste o comuniste particolarmente restrittive è che alla fine sviluppano "classi" con i funzionari del governo come "i ricchi", una "classe media" marginale e una grande "classe inferiore" composta da lavoratori, di cui i sostenitori il capitalismo è spesso rapido a sottolineare che le stesse strutture che il socialismo evita come "sfruttatore".

Cronologia del capitalismo contro il socialismo

1776 - Adam Smith pubblica The Wealth of Nations, stabilendo un punto di vista economico su storia, sostenibilità e progresso.

1789 - La Rivoluzione francese sposa una filosofia di uguaglianza per tutti, basandosi sui principi inclusi anche nella Dichiarazione di Indipendenza e nella Costituzione degli Stati Uniti.

1848 - Karl Marx e Frederich Engels pubblicano il Manifesto del Partito Comunista, definendo la lotta sociale tra le classi monetarie e i lavoratori, il primo sfruttando il secondo.

1864 - Viene fondata a Londra la International Workingman's Association (IWA).

1866 - Viene fondata l'Unione Nazionale del Lavoro degli Stati Uniti.

1869 - Il partito del lavoratore socialdemocratico si forma in Germania. Il socialismo diventa sempre più legato ai sindacati negli anni 1870, in particolare in Francia, Austria e altri paesi in Europa.

1886 - Creazione della Federazione americana del lavoro (AFL). (Successivamente si fonderà con il Congresso delle organizzazioni industriali (CIO) nel 1955.)

1890 - Viene approvata la Sherman Antitrust Act, con l'obiettivo di incoraggiare la concorrenza contro grandi e potenti corporazioni.

1899 - Il Partito laburista australiano diventa il primo partito socialista eletto.

1902 - Il British Labour Party vince i suoi primi seggi alla Camera dei Comuni.

1911 - L'olio standard di John D. Rockefeller viene demolito in base alle leggi antitrust. Dopo la rottura della Standard Oil, la ricchezza di Rockefeller aumenta fino a diventare il primo miliardario del mondo.

1917 - La rivoluzione russa rovescia il regime zarista e impone un governo comunista, guidato da Vladimir Lenin. L'Europa e gli Stati Uniti reagiscono all'acquisizione con la preoccupazione che il comunismo spazzerà via la democrazia.

1918 - La rivoluzione tedesca istituisce la Repubblica di Weimar con il Partito socialdemocratico nominato in carica, affrontando le sfide dei sostenitori comunisti e dei nazionalsocialisti.

1922 - Benito Mussolini assume il controllo dell'Italia, definendo il suo mix di corporazioni e potere del governo "fascismo".

1924 - Il Partito laburista britannico forma il suo primo governo sotto il primo ministro Ramsay MacDonald.

1926-1928 - Joseph Stalin consolida il potere in Russia, emergendo come la forza trainante del comunismo in tutto il mondo.

1929 - Inizia la Grande Depressione, facendo precipitare il mondo in un rallentamento economico senza precedenti. Il capitalismo è accusato dei suoi eccessi e emergono partiti socialisti di varie posizioni ideologiche, principalmente in Europa.

1944 - La provincia canadese del Saskatchewan forma il primo governo socialista in Nord America.

1945 - Il Partito laburista britannico torna al potere, estromettendo il Primo Ministro Winston Churchill.

1947 - La Cina viene rilevata da un regime comunista guidato da Mao Zedong.

1959 - Fidel Castro rovescia il regime di Fulgencio Batista a Cuba, quindi annuncia sorprendentemente un'alleanza con il Partito Comunista dell'URSS

Anni '60 - '70 - I paesi nordici, come Norvegia, Danimarca, Svezia e Finlandia, mescolano sempre più il socialismo e il capitalismo per sviluppare standard di vita più elevati, con progressi particolari in materia di istruzione, assistenza sanitaria e occupazione.

1991 - L'Unione Sovietica (URSS) crolla e le ex repubbliche sovietiche tentano di abbandonare il loro passato comunista per esplorare i sistemi democratici e capitalistici, con scarso successo.

1995 - La Cina inizia le pratiche capitalistiche sotto gli auspici del Partito Comunista, avviando l'economia in più rapida crescita nella storia.

1998 - Hugo Chávez viene eletto presidente del Venezuela e avvia un programma di nazionalizzazione, guidando un movimento socialdemocratico in America Latina guidato da Bolivia, Brasile, Argentina e altri.

Anni 2000 - I profitti delle aziende hanno raggiunto livelli record quasi ogni anno, mentre i salari reali stagnano o diminuiscono rispetto ai livelli del 1980 (in dollari reali). L'economista francese Thomas Piketty's Capital nel ventunesimo secolo, che analizza le disuguaglianze economiche sotto il capitalismo, diventa un bestseller internazionale.

Articoli Correlati