Branch Banking vs. Unit Banking

Per unità bancaria si intende una banca che è un'unica banca, generalmente piccola, che fornisce servizi finanziari alla propria comunità locale. Una banca unitaria è indipendente e non ha banche di collegamento - filiali - in altre aree. Le filiali bancarie si riferiscono a una banca collegata a una o più altre banche in un'area o al di fuori di essa; ai suoi clienti, questa banca fornisce tutti i soliti servizi finanziari ma è supportata e infine controllata da un istituto finanziario più grande. Ad esempio, una grande società bancaria, come Chase negli Stati Uniti, possiede filiali bancarie Chase in oltre 20 stati. Storicamente, molti stati hanno limitato o addirittura vietato le filiali bancarie per promuovere operazioni bancarie unitarie più localizzate e le banche unitarie indipendenti rimangono relativamente comuni. Tuttavia, nel 1994 la maggior parte di queste restrizioni sono state abrogate, dando origine alla succursale bancaria che è comune oggi negli Stati Uniti.

Tabella di confronto

Branch Banking vs. grafico comparativo Banking unità
Branch Banking Unit Banking
DiUna banca collegata a una o più altre banche in un'area o al di fuori di essa. Fornisce tutti i soliti servizi finanziari ma è supportato e alla fine controllato da un istituto finanziario più grande.Banca unica, di solito piccola che fornisce servizi finanziari alla sua comunità locale. Non ha altre filiali bancarie altrove.
StabilitàIn genere molto resistente, in grado di resistere alle recessioni locali (ad esempio, una cattiva stagione del raccolto in una comunità agricola) grazie al sostegno di altri rami.Estremamente incline al fallimento quando l'economia locale è in difficoltà.
Libertà operativaDi menoDi Più
Storia legaleLimitato o proibito per la maggior parte della storia degli Stati Uniti. Consentito in tutti i 50 stati a seguito del Riegle-Neal Interstate Banking and Branching Efficiency Act del 1994.Forma preferita di attività bancarie per gran parte della storia degli Stati Uniti, nonostante la sua tendenza a fallire. I sostenitori erano diffidenti nei confronti della concentrazione di potere e denaro delle filiali bancarie.
Prestiti e anticipazioniPrestiti e anticipazioni si basano sul merito, indipendentemente dallo status.Prestiti e anticipazioni possono essere influenzati dall'autorità e dal potere.
Risorse finanziarieMaggiori risorse finanziarie in ogni filiale.Maggiori risorse finanziarie in un ramo
Il processo decisionaleRitardi nel processo decisionale in quanto devono dipendere dalla sede principale.Il tempo viene risparmiato poiché il processo decisionale si trova nello stesso ramo.
FondiI fondi vengono trasferiti da una filiale all'altra. La sottoutilizzazione dei fondi da una filiale comporterebbe squilibri regionaliI fondi sono assegnati in una succursale e non sono supportati da altre succursali. Durante la crisi finanziaria, la banca unitaria deve chiudere, causando squilibri regionali o nessuna crescita del saldo
Costo della supervisionealtoDi meno
Concentrazione di potere nella mano di poche personeNo
SpecializzazioneLa divisione del lavoro è possibile e quindi la specializzazione possibileLa specializzazione non è possibile a causa della mancanza di personale qualificato e conoscenze
concorrenzaAlta concorrenza con le filialiMeno concorrenza all'interno della banca
I profittiCondiviso dalla banca con le sue filialiUtilizzato per lo sviluppo della banca
Conoscenza specializzata dei mutuatari localiNon è possibile e quindi i crediti inesigibili sono elevatiPossibile e meno rischio di crediti inesigibili
Distribuzione del capitaleCorretta distribuzione del capitale e del potere.Nessuna corretta distribuzione di capitale e potere.
Tasso di interesseIl tasso di interesse è uniformato e specificato dalla sede centrale o in base alle istruzioni di RBI.Il tasso di interesse non è uniforme in quanto la banca ha le proprie politiche e tassi.
Depositi e attivitàDepositi e attività sono diversificati, sparsi e quindi il rischio viene disputato in vari luoghi.I depositi e le attività non sono diversificati e si trovano in un unico punto, quindi il rischio non è ripartito.

Servizi e stabilità

Le banche unità e le filiali offrono gli stessi servizi finanziari. Tuttavia, le filiali sono più in grado di continuare a fornire servizi durante una crisi finanziaria, poiché le istituzioni madri ben diversificate che le possiedono non sono così facilmente colpite da eventi che possono influenzare negativamente un'economia locale (ad esempio, una siccità in una comunità agricola ). Le banche unitarie, che prestano e prendono in prestito dagli stessi gruppi di persone, sono più inclini al fallimento in una crisi finanziaria, al punto che alcuni economisti credono che la Grande Depressione sia stata aggravata dalla diffusa esistenza di unità bancarie. [1]

In The Banking Crisis: The End of an Epoch di Marcus Nadler e Jules Bogen, si dice che l'unità bancaria "soffra di molti difetti fondamentali" - vale a dire che "Nessun paese vanta una gestione bancaria di talento sufficiente per fornire a diverse migliaia di singoli istituti una direzione capace". Inoltre, regolamentare molte banche indipendenti "è in pratica un compito impossibile per le autorità di regolamentazione", il che significa che la cattiva gestione passa facilmente inosservata nell'unità bancaria.

Libertà operativa

Essendo indipendenti da un istituto finanziario più grande, le banche unitarie hanno una maggiore libertà di prendere decisioni da sole. Le decisioni prese da una banca di succursale sono soggette alle regole emanate da un'autorità centrale.

Storia legale ed economica

Uno sguardo alla storia delle leggi sulle filiali bancarie negli Stati Uniti dal libro The Banking Crisis di Nadler e Bogen.

Anche se era noto che le operazioni bancarie unitarie causavano problemi economici già negli anni '20, il McFadden Act del 1927 proibì specificamente le operazioni bancarie interstatali. L'Unità bancaria è stata nuovamente oggetto di discussione durante lo sviluppo del Banking Act del 1933, ma alla fine le restrizioni legali sulle filiali bancarie sono rimaste. I sostenitori dell'unità bancaria hanno continuato a temere la concentrazione di ricchezza e potere derivante dalle filiali bancarie.

Quando le grandi banche cercarono di trovare scappatoie che consentissero le filiali interstatali, furono introdotte ulteriori restrizioni nel Bank Holding Company Act del 1956. Mentre la maggior parte degli stati allentò le restrizioni bancarie delle filiali nel tempo, molte restrizioni rimasero in vigore fino al 1994, quando l'Interstate Riegle-Neal Il Banking and Branching Efficiency Act è stato approvato. [2] Questa legislazione ha consentito le pratiche bancarie delle filiali in tutti i 50 stati.

Articoli Correlati