Banca vs. Credit Union

Mentre le banche e le unioni di credito sono entrambi istituti finanziari che offrono servizi simili (conti correnti e di risparmio, prestiti auto e mutui), la principale differenza tra una banca e un'unione di credito è che i "clienti" di un'unione di credito sono membri e possedere l'istituzione. Una banca è una società e, come la maggior parte delle società, una banca mira a massimizzare i profitti per i suoi azionisti. Un'unione di credito è un'istituzione cooperativa - e spesso senza fini di lucro - che è di proprietà dei suoi membri (clienti) che eleggono democraticamente un consiglio di amministrazione. Le unioni di credito tendono a concentrarsi sulle esigenze dei membri e tentano di fornire credito a tassi ragionevoli. Ci sono pro e contro nella partecipazione a entrambi gli istituti finanziari.

Tabella di confronto

Grafico comparativo Banca contro Credito
Banca Unione di Credito
Posseduto daLe banche sono di proprietà degli azionisti.Un'Unione di credito è di proprietà dei suoi membri, che sono depositanti di denaro nell'ente.
Motivo del profittoLe banche mirano a realizzare profitti per gli azionisti.Le unioni di credito non sono a scopo di lucro. I soldi rimasti dopo le spese e le riserve vengono restituiti ai clienti (membri) sotto forma di commissioni più basse, tassi di prestito più bassi, rendimenti dei depositi più alti e servizi gratuiti.
tipiBanca commerciale, banca comunitaria, banche di sviluppo comunitario, cassa di risparmio, banca di risparmio postale e banche privateCooperative di credito al consumo e cooperative di credito aziendale.
StoriaLettere di credito utilizzate nel 3 ° secolo. I musulmani hanno usato i servizi bancari nel IX secolo. I reperti archeologici del XII secolo includono controlli.Le unioni di credito sono relativamente più recenti rispetto alle banche perché le prime prove conosciute della loro esistenza risalgono al 1852.

Proprietà

La più grande differenza tra banche e cooperative di credito dipende dalla proprietà. In origine - e come è ancora il caso in alcuni paesi - le banche erano istituti istituiti da governi statali o nazionali a fini di prestito. A poco a poco, le banche sono state privatizzate e sono diventate di proprietà degli azionisti che hanno investito in esse nella speranza di ottenere rendimenti più elevati.

Le cooperative di credito, invece, sono di proprietà dei loro clienti, le persone che mantengono i conti con loro. I membri di un'unione creditizia eleggono il consiglio di amministrazione dell'istituzione con un sistema a una persona e con un voto. Il principio di base alla base della gestione di un'unione creditizia è il mantenimento del capitale e della solvibilità. Nella maggior parte dei casi, le unioni di credito non operano per guadagnare profitti, ma solo per sostenere finanziariamente i loro proprietari e premiarli con tassi di interesse più bassi e altri vantaggi se i ricavi generati sono elevati.

Motivo del profitto

Le banche operano puramente a scopo di lucro: fare soldi per gli azionisti. La maggior parte delle banche è tenuta a trarre profitto dalle loro attività quotidiane per sopravvivere. Guadagnano i loro profitti addebitando interessi e commissioni sulla maggior parte dei servizi finanziari, inclusi carte di credito e prestiti.

Le unioni di credito, d'altra parte, sono generalmente istituzioni senza fini di lucro. Queste organizzazioni non hanno la funzione di guadagnare un profitto dalle loro attività quotidiane, ma quando vengono realizzati i profitti vengono trasferiti direttamente ai clienti in termini di maggiori ritorni sugli investimenti e minori commissioni di interesse. Si noti che le unioni di credito non sono organizzazioni senza scopo di lucro, in quanto devono fare entrate nette per rimanere solventi e conservare il capitale; "no-profit" si riferisce invece al modo in cui le unioni di credito operano in relazione agli utili.

I depositi sono assicurati?

Alcuni individui e aziende sono preoccupati per la solvibilità del loro istituto finanziario. La domanda che hanno è se i loro depositi sono "sicuri" nel caso in cui la banca perda denaro sui suoi investimenti e operazioni di prestito.

La Federal Deposit Insurance Corporation (FDIC) è un'organizzazione governativa che fornisce assicurazioni sui depositi detenuti presso le banche. Questo per garantire la sicurezza del denaro depositato in banca. La FDIC fornisce un'assicurazione fino a $ 250.000 per depositante, per banca. L'organizzazione ha una vasta rete e assicura depositi presso oltre 7.800 istituzioni. [1] Una banca deve essere un membro FDIC per poter assicurare i depositi in quella banca. La FDIC assicura inoltre filiali di banche statunitensi in altri paesi.

Proprio come il FDIC assicura i depositi nelle banche, il National Insurance Union Share Insurance Fund, che è sostenuto dal governo, assicura i depositi nei sindacati di credito fino a un totale di $ 250.000 in singoli conti. Questa assicurazione si applica ai conti di quei sindacati che sono membri della Credit Union National Association (CUNA).

Popolarità

A dicembre 2013, c'erano poco meno di 6.900 banche assicurate da FDIC negli Stati Uniti con un importo totale in deposito di $ 9, 6 trilioni. [2] Nel 2012, c'erano poco più di 7.160 cooperative di credito negli Stati Uniti con $ 1 trilione di attività. [3]

Nell'autunno del 2011, diverse banche tra cui Bank of America, Wells Fargo, Chase e Citibank hanno annunciato che avrebbero iniziato ad addebitare commissioni per l'utilizzo delle carte di debito. Dopo un sostanziale feedback negativo, si sono ritirati dalla proposta. Tuttavia, la Credit Union National Association (CUNA) ha riferito che 650.000 si sono uniti a unioni di credito a seguito dell'annuncio della Bank of America della sua commissione mensile di carte di debito da $ 5 a settembre 2011. [4]

Un movimento di base, Bank Transfer Day, è stato lanciato su Facebook nel 2011, in risposta a tali commissioni. Ha invitato i consumatori a passare dalle grandi banche alle istituzioni finanziarie locali più piccole entro il 5 novembre 2011. Il movimento ha avuto un discreto successo, ottenendo oltre 40.000 "mi piace" in meno di due mesi.

Pro e contro di banche e cooperative di credito

Mentre la struttura della proprietà dei sindacati di credito può sembrare molto allettante, non esiste un chiaro "vincitore" nel dibattito tra banca e credit union. Ci sono vantaggi e svantaggi per entrambi.

Poiché le unioni di credito dipendono direttamente dai loro membri, le esperienze di servizio al cliente in queste istituzioni tendono ad essere molto buone. In un sondaggio sulla soddisfazione dei clienti del 2012, le unioni di credito hanno ricevuto un punteggio di soddisfazione dei clienti di 82 rispetto al punteggio complessivo delle banche di 77. Le banche più piccole avevano maggiori probabilità di ricevere un punteggio di soddisfazione dei clienti più elevato rispetto alle grandi banche, come Bank of America, che ha totalizzato 66.

In generale, le unioni di credito offrono interessi più elevati sui conti di risparmio e tassi di interesse e commissioni sui prestiti più bassi. Tuttavia, quando si tratta di prestiti di grandi dimensioni, come mutui o prestiti auto, è consigliabile controllare le tariffe migliori. Alcune grandi banche competeranno contro le unioni di credito abbinando o addirittura battendo i loro tassi di interesse. I piccoli prestatori indipendenti specializzati in mutui (come [5] e Provident) probabilmente offriranno tassi migliori sia delle banche che dei sindacati, ma di solito finiscono per vendere i loro mutui alle grandi banche entro un mese.

Un confronto tra i risparmi medi e i tassi di prestito presso le cooperative di credito (CU) e le banche, a marzo 2014. Fonte: NCUA.gov.

Sebbene le banche, in particolare le grandi banche, siano spesso note per le loro commissioni, negli ultimi anni i sindacati hanno aumentato le commissioni di scoperto. [6] In genere, le unioni di credito hanno un costo inferiore (o nullo), mentre le banche hanno un numero di commissioni diverse, ma ogni istituto finanziario è diverso. Chiedere un programma tariffario prima di registrarsi per qualsiasi conto finanziario.

A volte le banche hanno vantaggi che le unioni creditizie non hanno, soprattutto quando si tratta di accessibilità e usabilità. Mentre le unioni di credito hanno fatto molto negli ultimi 15-20 anni per espandere le loro filiali e le reti di sportelli automatici, le unioni di credito sono ancora di solito più piccole e hanno meno connessioni rispetto alle banche. Se avere una gamma completa di servizi disponibili in ogni momento, da qualsiasi luogo, è obbligatoria, una grande banca è probabilmente l'opzione migliore.

Storia

Le lettere di credito note come Sukuk furono emesse da banche situate nei territori persiani durante il III secolo d.C. Nel 1407, la prima banca di deposito statale conosciuta fu fondata a Genova, in Italia. Le famiglie Bardi e Peruzzi erano note per aver dominato il settore bancario durante il 14 ° secolo.

Le unioni di credito sono più recenti delle banche, con le prime prove conosciute della loro esistenza risalenti al 1852. A Franz Hermann Schulze-Delitzsch, un economista tedesco, è attribuita l'istituzione delle prime istituzioni di unione di credito al mondo, che si trovavano a Eilenburg e Delitzsch. Più tardi nel 1864, Friedrich Wilhelm Raiffeisen fondò la prima unione di credito rurale a Heddesdorf, in Germania.

Il Caisse Populaire de Lévis è stato il primo istituto di credito in Quebec, in Canada; iniziò le operazioni il 23 gennaio 1901, con un deposito di dieci centesimi. La St. Mary's Credit Union di Manchester, nel New Hampshire, negli Stati Uniti, si distingue per essere la prima unione di credito con sede negli Stati Uniti. Edward Filene ha svolto un ruolo vitale nell'espansione dei sindacati di credito negli Stati Uniti

Tipi di banche e cooperative di credito

Di solito esiste una grande varietà di banche diverse all'interno di ogni comunità. Alcuni tipi comuni di banche includono:

  • Banca commerciale è il termine usato per una banca normale per distinguerlo da una banca di investimento (sebbene possa esserci una considerevole sovrapposizione tra i due).
  • Le banche comunitarie sono istituti finanziari gestiti localmente che danno ai dipendenti la possibilità di prendere decisioni locali per servire i propri clienti e partner. Vedi anche Branch Banking vs Unit Banking.
  • Le banche di sviluppo della comunità sono banche regolamentate che forniscono servizi finanziari e credito a mercati o popolazioni sottoserviti.
  • Le banche di investimento offrono servizi bancari specializzati e si concentrano su complesse transazioni di investimento.
  • Le casse di risparmio postali sono casse di risparmio associate ai sistemi postali nazionali.
  • Le banche private sono banche che gestiscono le attività di soggetti con un patrimonio netto elevato.
  • Le banche offshore sono definite come banche situate in giurisdizioni con bassa tassazione e regolamentazione. Molte banche offshore sono essenzialmente banche private.
  • Le società di costruzione e le banche di terra sono istituzioni che conducono attività bancarie al dettaglio. Quest'ultimo termine è tedesco.
  • Le banche etiche danno la priorità alla trasparenza di tutte le operazioni e fanno solo quelli che considerano investimenti socialmente responsabili.
  • Le casse di risparmio sono banche il cui obiettivo è fornire prodotti di risparmio facilmente accessibili a tutti i dati demografici di una popolazione.

I due principali tipi di unioni di credito (che non si escludono necessariamente a vicenda) sono:

  • Cooperative di credito al servizio di singoli clienti.
  • Cooperative di credito al servizio dei clienti aziendali.

Articoli Correlati