Antibiotici vs. vaccini

Gli antibiotici e i vaccini sono entrambi usati per combattere i germi ma funzionano in diversi modi. Mentre i vaccini sono usati per prevenire le malattie, gli antibiotici sono usati per trattare le malattie che si sono già verificate. Inoltre, gli antibiotici non agiscono su virus o malattie virali come raffreddore o influenza.

Tabella di confronto

Tabella di confronto tra antibiotici e vaccini
antibiotici vaccini
DefinizioneGli antibiotici sono piccole molecole o composti che sono efficaci nel trattamento delle infezioni causate da organismi come batteri, funghi e protozoi.I vaccini sono organismi o composti morti o inattivati ​​utilizzati per fornire l'immunità a una particolare infezione o malattia.
tipiGli antibiotici sono classificati secondo la loro struttura e meccanismo d'azione in 3 classi: lipopeptidi ciclici, ossazolidinoni e glicilcicline. I primi 2 sono mirati alle infezioni da Gram positivi e l'ultimo è un antibiotico ad ampio spettroI vaccini sono di diversi tipi: vivi e attenuati (vaccini contro la varicella), inattivati ​​(vaccino BCG), subunità (epatite C), toxoide, coniugato, DNA, vaccini vettoriali ricombinanti e altri vaccini sperimentali.
Effetti collateraliAlcuni antibiotici possono avere effetti collaterali come diarrea, nausea e reazioni allergiche.Alcuni vaccini possono causare reazioni allergiche.
fonteGli antibiotici possono essere derivati ​​da fonti naturali, semi-sintetiche e sintetiche.Le fonti di vaccini includono microbi vivi o inattivati, tossine, antigeni, ecc.

Un poster CDC che avverte che gli antibiotici non funzionano sui virus.

definizioni

Gli antibiotici sono composti efficaci nel trattamento delle infezioni causate da organismi come batteri, funghi e protozoi. Gli antibiotici sono per lo più piccole molecole, meno di 2000 Dalton. I vaccini sono composti che vengono utilizzati per fornire l'immunità a una particolare malattia. I vaccini sono di solito organismi morti o inattivati ​​o composti purificati da essi.

Ecco un video che mostra come funziona il nostro sistema immunitario rispetto ai vaccini e agli anticorpi:

Differenze nelle fonti

Il processo di sviluppo di un vaccino per l'influenza aviaria mediante tecniche di genetica inversa.

Gli antibiotici possono essere derivati ​​da fonti naturali, semi-sintetiche e sintetiche e la fonte di vaccini comprende microbi vivi o inattivati, tossine, antigeni, ecc.

I vaccini sono generalmente derivati ​​dagli stessi germi contro i quali il vaccino è progettato. Un vaccino in genere contiene un agente che assomiglia a un microrganismo che causa la malattia ed è spesso composto da forme indebolite o uccise del microbo. L'agente stimola il sistema immunitario del corpo a riconoscere l'agente come estraneo, a distruggerlo e a "ricordarlo", in modo che il sistema immunitario possa riconoscere e distruggere più facilmente uno di questi microrganismi che incontra in seguito.

Diversi tipi di antibiotici e vaccini

Tipi di antibiotici

Classificazione in base all'effetto sui batteri

Gli antibiotici sono principalmente di due tipi, quelli che uccidono i batteri (battericidi) e quelli che inibiscono la crescita batterica (batteriostatica). Questi composti sono classificati in base alla loro struttura e meccanismo d'azione, ad esempio gli antibiotici possono colpire la parete cellulare batterica, la membrana cellulare o interferire con gli enzimi batterici o processi importanti come la sintesi proteica.

Classificazione basata sulla fonte

Oltre a questa classificazione, gli antibiotici sono anche raggruppati in tipi naturali, semi-sintetici e sintetici a seconda che siano derivati ​​da organismi viventi, come gli aminoglicosidi, composti modificati come beta-lattamici - ad esempio penicillina - o puramente sintetici, come sulfonamidi, chinoloni e ossazolidinoni.

Classificazione basata sullo spettro batterico

Gli antibiotici a spettro ristretto colpiscono batteri particolari mentre gli antibiotici ad ampio spettro colpiscono una vasta gamma di batteri. Negli ultimi anni, gli antibiotici sono stati classificati in tre classi, lipopeptidi ciclici, ossazolidinoni e glicilcicline. I primi due sono mirati alle infezioni da gram-positivi, mentre l'ultimo è un antibiotico ad ampio spettro, che tratta molti diversi tipi di batteri.

Tipi di vaccini

I vaccini sono di diversi tipi: sottounità viva, attenuata, inattivata, toxoide, coniugato, DNA, vaccini vettoriali ricombinanti e altri vaccini sperimentali.

I vaccini vivi e attenuati sono microbi indeboliti che aiutano a causare l'immunità per tutta la vita suscitando una forte risposta immunitaria. Un enorme svantaggio di questo tipo di vaccino è che poiché il virus è vivo, può mutare e causare reazioni gravi nelle persone con un sistema immunitario debole. Un'altra limitazione di questo vaccino è che deve essere refrigerato per rimanere potente. Esempi per questo tipo includono vaccini contro la varicella, il morbillo e la parotite.

I vaccini inattivati sono microbi morti e più sicuri dei vaccini vivi, sebbene questi suscitino una risposta immunitaria più debole e spesso devono essere seguiti da colpi di richiamo. I vaccini DTap e Tdap sono vaccini inattivati.

I vaccini per subunità includono solo subunità o antigeni o epitopi (da 1 a 20) che possono provocare una risposta immunitaria. Esempio di questo tipo include il vaccino contro il virus dell'epatite C.

I vaccini toxoid sono utilizzati in caso di infezioni in cui gli organismi secernono tossine dannose nel corpo dell'ospite. I vaccini con tossine "disintossicate" sono usati in questo tipo.

I vaccini coniugati sono usati per i batteri che possiedono un rivestimento polisaccaridico che non è immunogenico o riconosciuto dal sistema immunitario. In questi vaccini, un antigene viene aggiunto a un rivestimento di polisaccaridi per consentire all'organismo di produrre una risposta immunitaria contro di esso.

I vaccini vettoriali ricombinanti usano la fisiologia di un organismo e il DNA di un altro per colpire infezioni complesse.

I vaccini a DNA vengono sviluppati inserendo il DNA dell'agente infettivo nella cellula umana o animale. Il sistema immunitario è quindi in grado di riconoscere e sviluppare l'immunità contro le proteine ​​dell'organismo. Tuttavia, questo è ancora nella fase sperimentale, l'effetto di questi tipi di vaccini promette di durare più a lungo e può essere facilmente conservato.

Altri vaccini sperimentali includono i vaccini a cellule dendritiche e i vaccini a base di peptidi recettori delle cellule T.

Somministrazione di vaccini vs. antibiotici

Un bambino vaccinato contro la poliomielite.

Gli antibiotici vengono generalmente somministrati per via orale, endovenosa o topica. Il corso può durare da un minimo di 3-5 giorni o più a seconda del tipo e della gravità dell'infezione.

Un gran numero di vaccini e i loro colpi di richiamo sono di solito programmati prima dei due anni per i bambini. Negli Stati Uniti, le vaccinazioni di routine per i bambini includono quelle contro l'epatite A, B, poliomielite, parotite, morbillo, rosolia, difterite, pertosse, tetano, varicella, rotavirus, influenza, malattie meningococciche e polmonite. Questa routine potrebbe differire in altri paesi e viene continuamente aggiornata. Sono disponibili anche vaccinazioni per altre infezioni come fuoco di Sant'Antonio, HPV.

Effetti collaterali

Sebbene gli antibiotici non siano considerati non sicuri, questi composti possono causare alcune reazioni avverse. Questi includono febbre, nausea, diarrea e reazioni allergiche. Gli antibiotici possono causare reazioni gravi se assunti in combinazione con un altro farmaco o alcool. Gli antibiotici tendono anche a uccidere i batteri "buoni", la cui presenza nel corpo - in particolare l'intestino - è importante per la salute.

Sicurezza del vaccino

In passato ci sono state molte controversie sull'efficacia e gli aspetti etici e di sicurezza dell'uso dei vaccini . Ad esempio, uno studio pubblicato nel giugno 2014 sul Canadian Medical Association Journal ha scoperto che il vaccino combinato morbillo-parotite-rosolia-varicella (MMRV) raddoppia il rischio di convulsioni febbrili nei bambini rispetto alla somministrazione di vaccini MMR e varicella separati (MMR + V).

Ai sensi del National Childhood Vaccine Injury Act (NCVIA), la legge federale richiede che le dichiarazioni di informazione sui vaccini (VIS) siano distribuite ai pazienti o ai loro genitori ogni volta che vengono somministrati determinati vaccini. Il CDC sostiene che i vaccini ora prodotti soddisfano standard di sicurezza molto elevati, in modo che il beneficio complessivo e la protezione offerta dai vaccini contro le malattie superi di gran lunga qualsiasi reazione avversa che potrebbe avere in alcuni individui.

Storia

Ancor prima che fosse compreso il concetto di germi e malattie, le persone in Egitto, in India e i nativi in ​​America usavano gli stampi per trattare alcune infezioni. La prima svolta negli antibiotici è avvenuta con la scoperta della penicillina da parte di Alexander Fleming nel 1928. A ciò è seguita la scoperta di farmaci sulfa, streptomicina, tetraciclina e molti altri antibiotici per combattere diversi microbi e malattie.

Le prime notizie di vaccini sembrano provenire dall'India e dalla Cina nel 17 ° secolo e registrate in testi ayurvedici. La prima descrizione di una riuscita procedura di vaccinazione venne dal dottor Emmanuel Timoni nel 1724, seguita dalla descrizione indipendente di Edward Jenner, mezzo secolo dopo, di un metodo per vaccinare l'uomo contro il vaiolo. Questa tecnica fu ulteriormente sviluppata da Louis Pasteur nel corso del XIX secolo per produrre vaccini contro l'antrace e la rabbia. Da allora sono stati fatti tentativi per sviluppare più vaccini contro molte più malattie.

Articoli Correlati