Ipoteca a tasso variabile vs. Ipoteca a tasso fisso

Al momento dell'acquisto di una casa o del rifinanziamento, una delle decisioni più importanti è la scelta del mutuo. I mutui a tasso fisso e a tasso variabile hanno alcune caratteristiche uniche che possono aiutare a informare la tua decisione.

Tabella di confronto

Ipoteca a tasso variabile rispetto al grafico di confronto dei mutui a tasso fisso
Ipoteca a tasso variabile Ipoteca a tasso fisso
Tasso d'interesseRisolto per i primi anni, ripristina periodicamente in seguitoRisolto per la durata del prestito
Rischio di tasso di interesseIl rischio di aumento dei tassi di interesse sul mercato è a carico del mutuatario. Se i tassi diminuiscono, i beneficiari beneficiano.Il rischio di aumento dei tassi di interesse è a carico del finanziatore. Se i tassi di interesse diminuiscono, il mutuatario può rifinanziare, ma di solito sostiene commissioni di pagamento anticipato o altri costi associati.
AccessibilitàInizialmente i pagamenti mensili sono più bassi (per i primi anni)I pagamenti mensili sono più alti perché il tasso di interesse è leggermente più alto; perché il creditore si assume il rischio di tasso di interesse e addebita al mutuatario un premio per questo rischio.

Differenze chiave tra prestiti a tasso fisso e ARM

Tasso d'interesse

In un'ipoteca a tasso fisso, il tasso di interesse che la banca addebita al mutuatario rimane lo stesso per l'intera durata del prestito (di solito da 15 a 30 anni). D'altra parte, il tasso di interesse su un'ipoteca a tasso variabile ( ARM ) viene reimpostato periodicamente (di solito ogni anno dopo un periodo iniziale di 2, 3 o 5 anni). Un ARM 3/1 significa che il tasso di interesse sul prestito è fissato per i primi 3 anni, ma cambia successivamente una volta all'anno fino al rimborso del prestito. I finanziatori di solito non sono autorizzati ad aumentare arbitrariamente i tassi di interesse su ARM. Quando il tasso di interesse su un ARM viene ripristinato, viene determinato utilizzando un tasso di mercato di riferimento, ad esempio LIBOR.

Con un'ipoteca a lungo termine a tasso fisso, il creditore si assume il rischio di tasso di interesse, cioè il rischio che i tassi di interesse aumentino in futuro. Perciò,

  • I mutui a tasso fisso a più lungo termine sono più costosi, ovvero il tasso di interesse su un prestito a tasso fisso di 30 anni sarà superiore a un mutuo a tasso fisso di 15 anni
  • Il tasso di interesse iniziale su ARM è inferiore a qualsiasi mortalità a tasso fisso, ovvero il tasso di interesse per i primi 5 anni su un ARM 5/1 sarà inferiore al tasso di interesse su un mutuo a tasso fisso di 15 anni. Quindi i pagamenti mensili saranno inizialmente inferiori con i prestiti ARM .

Rischio

Il rischio con un ARM è che il tasso di interesse (e quindi i pagamenti mensili) possa aumentare durante la durata del prestito. I bassi tassi di interesse su ARM potrebbero non durare oltre il periodo iniziale. Pertanto, quando i tassi di interesse sono bassi, potrebbe essere allettante bloccarli con un mutuo a tasso fisso.

Di conseguenza, il rischio con un mutuo a tasso fisso è che i tassi di interesse possano diminuire o rimanere bassi per una durata estesa. Mentre un mutuatario di solito può rifinanziare per trarre vantaggio da tassi di interesse più bassi, a volte c'è una penalità di pagamento anticipato per la chiusura del prestito; e ci sono sempre commissioni (costi di chiusura, spese di valutazione ecc.) associate al rifinanziamento.

Pro e contro

Con un mutuo ipotecario a tasso fisso, puoi essere certo dell'importo dovuto alla banca su base mensile. Rimane lo stesso per l'intero periodo del prestito, senza stressarti se c'è una fluttuazione nel mercato. Un mutuo a tasso variabile, d'altra parte, ti dà la possibilità di pagare meno interessi, se le condizioni di mercato sono favorevoli. Inoltre, alcuni istituti di credito di solito mettono un limite al tasso di interesse più elevato che può essere addebitato. In questo modo, sei sicuro di pagare tariffe moderate. A causa dei minori pagamenti mensili (almeno nei primi anni), gli ARM sono più convenienti.

Come scegliere

Ecco alcuni consigli per scegliere quale mutuo prendere:

  • Se i tassi di interesse sono già molto bassi e è improbabile che diminuiscano molto, scegliere un mutuo a tasso fisso e bloccare il tasso di interesse.
  • Se prevedete di rimborsare una parte sostanziale del principio nei primi anni, scegliete un mutuo a tasso variabile. ad esempio, prendi un prestito di $ 300.000 ma stai pianificando di rimborsare $ 60.000 (come pagamenti extra; oltre ai pagamenti mensili) nei primi 3 anni.
  • Se il tasso di interesse più basso sul ARM ti consente di acquistare la casa ma il tasso fisso aumenterebbe i premi mensili troppo alti, quindi fai attenzione. Prendi il prestito ARM solo se prevedi che il tuo reddito aumenterà in futuro, perché se il tuo reddito non aumenta e il tasso di interesse si reimposta dopo il periodo iniziale, non sarai più in grado di permettersi di effettuare i pagamenti.
  • Cerca sempre di scegliere i prestiti che non prevedono una penalità di pagamento anticipato. Questo ti dà più flessibilità per rifinanziare se i tassi di interesse diminuiscono.

video

Popolarità

Gli Stati Uniti d'America sono un paese in cui i mutui a tasso fisso sono più popolari. Regno Unito, Australia e Nuova Zelanda sono paesi in cui i mutui a tasso variabile sono più popolari dei mutui a tasso fisso.

Articoli Correlati