AAC vs. MP3

AAC (Advanced Audio Coding) e MP3 (MPEG-1 Audio Layer 3) sono formati con perdita di dati per i file audio. MP3, un formato specifico per l'audio, è ora lo standard di fatto della compressione audio digitale per il trasferimento e la riproduzione di musica su lettori audio digitali. Progettato per essere il successore del formato MP3, AAC generalmente ottiene una migliore qualità del suono rispetto a MP3 con bit rate simili. Questa differenza di qualità è più evidente a bitrate più bassi.

Tabella di confronto

AAC contro grafico comparativo MP3
AAC MP3
Estensione del file.m4a, .m4b, .m4p, .m4v, .m4r, .3gp, .mp4, .aac.mp3
portabilitàApple ha promosso AAC: tutti gli iPod e gli iPhone riproducono file AAC. Tuttavia, non tutti i lettori musicali supportano i file AAC.Praticamente tutti i lettori musicali supportano file MP3.
FormatoAudioAudio
Tipo MIMEaudio / aac, audio / aacp, audio / 3gpp, audio / 3gpp2, audio / mp4, audio / MP4A-LATM, audio / mpeg4-genericoaudio / mpeg
Sviluppato daLa CAA è stata sviluppata con la collaborazione e i contributi di aziende tra cui Fraunhofer IIS, AT&T Bell Laboratories, Dolby, Sony Corporation e Nokiaun gruppo di ingegneri provenienti dall'Europa, appartenenti a Philips, CCETT (Centro comunale di studi di comunicazione e comunicazioni telefoniche), IRT e Società Fraunhofer
Rilasciato per uso pubblico su19977 luglio 1994
Esteso daParte 7 della norma MPEG-2 e Sottoparte 4 nella Parte 3 della norma MPEG-4.MP2
AlgoritmoCompressione in perditaCompressione in perdita
maniglieSolo audioSolo audio
PopolaritàPopolare grazie a iTunes e iPod. Tuttavia, non è popolare come MP3Standard di fatto per i file audio
QualitàAAC offre una qualità migliore rispetto a MP3 allo stesso bitrate, anche se AAC utilizza anche una compressione con perdita.MP3 offre una qualità inferiore di AAC allo stesso bitrate.
Nome originaleCodifica audio avanzataMPEG - 1 livello audio 3
StandardsISO / IEC 13818-7, ISO / IEC 14496-3ISO / IEC 11172-3, ISO / IEC 13818-3

Qualità audio AAC vs MP3

Il formato AAC è stato progettato per essere un miglioramento rispetto a MP3 nei seguenti aspetti:

  • Più frequenze di campionamento (da 8 kHz a 96 kHz) rispetto a MP3 (da 16 kHz a 48 kHz)
  • Fino a 48 canali (MP3 supporta fino a due canali in modalità MPEG-1 e fino a 5.1 canali in modalità MPEG-2)
  • Bit rate arbitrari e lunghezza variabile dei frame. Bit rate costante standardizzato con serbatoio bit.
  • Maggiore efficienza e filtrobank più semplice (anziché la codifica ibrida MP3, AAC utilizza un MDCT puro)
  • Maggiore efficienza di codifica per segnali stazionari (AAC utilizza una dimensione di blocchi di 1024 o 960 campioni, consentendo una codifica più efficiente rispetto ai blocchi di campioni 576 di MP3)
  • Maggiore precisione di codifica per segnali transitori (AAC utilizza una dimensione di blocco di 128 o 120 campioni, consentendo una codifica più accurata rispetto ai 192 blocchi di campioni MP3)
  • Può usare la funzione finestra derivata di Kaiser-Bessel per eliminare le perdite spettrali a spese dell'ampliamento del lobo principale
  • Gestione molto migliore delle frequenze audio sopra i 16 kHz
  • Stereo articolare più flessibile (diversi metodi possono essere utilizzati in diverse gamme di frequenza)
  • Aggiunge moduli aggiuntivi (strumenti) per aumentare l'efficienza di compressione: TNS, Backwards Prediction, PNS ecc. Questi moduli possono essere combinati per costituire diversi profili di codifica.

Nel complesso, il formato AAC consente agli sviluppatori una maggiore flessibilità nella progettazione dei codec rispetto a MP3, e corregge molte delle scelte progettuali fatte nelle specifiche audio MPEG-1 originali. Questa maggiore flessibilità spesso porta a strategie di codifica più simultanee e, di conseguenza, a una compressione più efficiente.

Le specifiche MP3, sebbene antiquate, si sono dimostrate sorprendentemente robuste nonostante i notevoli difetti. AAC e HE-AAC sono migliori dell'MP3 a basse velocità di bit (in genere meno di 128 kilobit al secondo). Ciò è particolarmente vero con bit rate molto bassi in cui la codifica stereo superiore, il MDCT puro e le dimensioni della finestra di trasformazione più ottimali non consentono all'MP3 di competere. Tuttavia, con l'aumentare della velocità in bit, l'efficienza di un formato audio diventa meno importante rispetto all'efficienza dell'implementazione dell'encoder e il vantaggio intrinseco che AAC detiene rispetto a MP3 non domina più la qualità audio.

Licenze e brevetti per AAC e MP3

Non sono necessarie licenze o pagamenti per poter trasmettere o distribuire contenuti in formato AAC. Ciò rende AAC un formato molto più attraente per distribuire contenuti rispetto a MP3, in particolare per lo streaming di contenuti come la radio su Internet. Tuttavia, è richiesta una licenza di brevetto per tutti i produttori o sviluppatori di codec AAC. Per questo motivo le implementazioni FOSS come FAAC e FAAD sono distribuite solo in forma sorgente, al fine di evitare la violazione dei brevetti.

D'altra parte, Thomson, Fraunhofer IIS, Sisvel (e la sua controllata americana Audio MPEG), Texas MP3 Technologies e Alcatel-Lucent rivendicano tutti il ​​controllo legale dei brevetti MP3 relativi ai decodificatori. Pertanto, lo stato legale dell'MP3 rimane poco chiaro nei paesi in cui tali brevetti sono validi. Tuttavia, mentre questi problemi di brevetto e di licenza riguardano le aziende, i consumatori non sono affatto preoccupati e la popolarità del formato MP3 non è diminuita.

Articoli Correlati